Smentite le menzogne del comunicato di Londra sull’incidente nel Mar Nero


La Russia pubblica un filmato che dimostra che ha sparato colpi di avvertimento al cacciatorpediniere britannico che ha violato i suoi confini.

Ottimo lavoro, ora il filmato delle bombe sganciate per favore.
La Russia ha rilasciato un video che mostra una nave della guardia costiera che avverte l’HMS Defender che stava violando il confine di stato e sparando colpi di avvertimento alla nave da guerra britannica, sfidando le affermazioni di Londra sull’incontro di mercoledì.

La breve clip, rilasciata giovedì dall’Ufficio di sicurezza federale russo (FSB) , mostra lo scontro tra una nave di pattuglia e il cacciatorpediniere della Royal Navy dal nome ironico che ha navigato mercoledì oltre Capo Fiolent, vicino alla città di Sebastopoli in Crimea.

“Se non cambi rotta a dritta, sparo”, l’ufficiale della nave della guardia costiera comunica via radio al cacciatorpediniere britannico , avvertendo la nave da guerra che stava per violare le acque territoriali russe.

“Devi lasciare immediatamente il mare territoriale della Federazione Russa”, arriva il secondo avvertimento. Poi si sente il capitano impartire gli ordini, in russo. “Scatti di avvertimento antincendio. NON, ripetere NON colpire il difensore. Conferma, passo.»

Mosca ha anche affermato che almeno un aereo intercettore ha anche sganciato bombe sulla rotta del Defender, facendo attenzione a non colpire la nave invasore.

Mercoledì, Londra ha dichiarato ufficialmente che “nessun colpo di avvertimento è stato sparato contro l’HMS Defender” e la nave stava semplicemente “conducendo un “passaggio innocente” attraverso le acque territoriali ucraine in conformità con il diritto internazionale”.

Il Regno Unito considera la Crimea – una penisola storicamente russa che è stata riassorbita da Mosca a seguito di un referendum del 2014 – ancora parte dell’Ucraina. La regione strategicamente vitale, che è prevalentemente etnicamente russa, è stata ceduta a Kiev, nel 1954, mentre entrambi i paesi facevano parte della URSS. La mossa è stata fatta per ragioni sia pratiche che simboliche dal premier di allora, Nikita Krusciov, che era cresciuto nel Donbass.

Il cacciatorpediniere Defender nel Mar Nero

Il presunto “passaggio innocente” era “una mossa deliberata per fare un test sulla reazione della Russia”, secondo Jonathan Beale, un corrispondente militare della BBC che era a bordo del cacciatorpediniere.

La provocazione della Royal Navy è arrivata appena un giorno dopo che la Russia ha segnato gli 80 anni dall’invasione dell’Unione Sovietica da parte della Germania nazista e dei suoi alleati nel 1941 .


Nota: I britannici sono abituati a mentire spudoratamente e questa è sempre stata una costante della Storia dell’Impero Britannico. Questo episodio dimostra quanto valgono le accuse dei Governi del Regno Unito contro la Russia, dall’uso presunto di armi chimiche al caso Skripal dei presunti avvelenamenti. Il vero veleno è quello della propaganda britannica, nel ruolo di vassallo dell’Impero USA.

Fonte: RT
Traduzione e nota: Luciano Lago

13 Commenti
  • Emilio
    Inserito alle 13:40h, 25 Giugno Rispondi

    Adesso la Russia dovrebbe provare a fare la stessa cosa per vedere la loro reazione. Vediamo se saranno così buoni come è stata la Russia.

  • Mario
    Inserito alle 16:01h, 25 Giugno Rispondi

    INGLESI SERVI DEGLI EBREI AMERICANI
    MA VI STA FINENDO LA PACCHIA
    W RUSSIA…………

  • Hannibal7
    Inserito alle 17:51h, 25 Giugno Rispondi

    Schifosi bugiardi
    Con quell tweet hanno mentito spudoratamente
    Fortuna che ci sono i video e le tracce radar registrate
    Eppure la marina britannica con quel tweet potrebbe raccontare alla gente che sono i russi i cattivi della situazione
    Avrebbero dovuto affondarli all’istante i piloti del SU24 invece di sprecare ben 4 bombe in mare
    Saluti né

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 18:10h, 25 Giugno Rispondi

    Dio stramaledica gli inglesi, sempre.

    • LN 2
      Inserito alle 16:21h, 26 Giugno Rispondi

      100% d’accordo

  • luther
    Inserito alle 18:16h, 25 Giugno Rispondi

    Avrebbero dovuto farli prigionieri, sequestrare la nave e processarli credo, proprio per dar prova della…. “reazione russa” come dicono quei cretini della NATO. Insomma avrebbero dovuto fare di più i russi, tanto da fargli sbarrare gli occhi per lo sgomento e per lo spavento. Gli anglofoni, forse a causa delle loro genetiche avarie mentali, sono come i gatti che attraversano la strada:finché qualcuno non li investe…. semplicemente…. non capiscono il pericolo che corrono!… Quindi?. .. bisogna investirli!

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 17:09h, 26 Giugno Rispondi

      meno male che i russi sono un tantino più pragmatici e con la testa sulle spalle di lei
      se avessero fatto come lei sostiene saremmo probabilmente già tutti cenere per scarafaggi (tra i pochi esseri viventi che sopravviverebbero in caso di olocausto nucleare)
      sequestrare la nave e prendere prigioniero l’equipaggio vorrebbe dire una dichiarazione di guerra, ma quando posta si rende conto di quello che scrive o articola solo le dita in base a cosa dice il cervello?

      • Giorgio
        Inserito alle 18:41h, 26 Giugno Rispondi

        Arditi …… tutto vero il pragmatismo russo …… ma prima o poi qualcuno, semplicemente per sopravvivere al tallone anglo americano ……..
        dovrà pur dire BASTA …… assumendosi i rischi che ciò comporta …….
        Farsi rispettare comporta dei rischi ……. in fondo non è altro che il quotidiano rischio insito nel vivere …..
        che tutti, anche come individui, prima o poi abbiamo sperimentato ……

      • luther
        Inserito alle 18:52h, 26 Giugno Rispondi

        be’ gli americani lo hanno già fatto con le navi iraniane dirette in venezula e non è successo niente di che mi pare. E comunque le faccio notare che il defender inglese era dentro le acque territoriali russe, in assetto da combattimento. Arditi, ora le chiedo :se fosse successo il contrario cioè.. se fossero stati i russi a violare quel limite, è sicuro che inglesi e americani sarebbero stati cosi “buoni”? Io penso di no, e lei?

  • Giorgio
    Inserito alle 08:55h, 26 Giugno Rispondi

    Concordo pienamente con tutti i precedenti commenti …..

  • Scacchista
    Inserito alle 07:38h, 27 Giugno Rispondi

    Questa tolleranza russa è molto, molto pericolosa. Prima o poi un ufficiale russo sbroccherà e innescherà l’ imprevedibile catena degli atti ostili. Uno schiaffone ben assestato da parte russa agli occidentali metterebbe invece fine a queste pratiche infantili, e non succederebbe niente perchè in occidente non si crede più nella vita dopo la morte. L’ occidente ha rinunciato a Dio e tutto quello che gli resta è la sua miserabile vita terrena, con i suoi bagordi e i suoi indicibili vizi. In termini militari uno svantaggio incolmabile.

    • stefano
      Inserito alle 00:23h, 28 Giugno Rispondi

      sono d’accordo con te!

  • stefano
    Inserito alle 00:21h, 28 Giugno Rispondi

    fate caso alla foto all’inizio dell’articolo: la nave inglese si trova diciamo a nord-nord est però il cannone russo spara a nord-ovest! E questa si vorrebbe chiamarla “reazione”? mi basta questo per capire che i russi faranno qualche altra finta reazione anche in futuro quando ci saranno nuovi tentativi del genere e magari la prossima volta non ci sarà solo una nave inglese a farlo. Mi dispiace, amo la russia , avevo stima per putin ma la sto perdendo! non ce lo vedo ordinare a qualche sua nave o aereo di colpire una qualsiasi nave inglese o americana e via dicendo.!

Inserisci un Commento