SITUAZIONE MILITARE: LE AFU TENTANO CONTRATTACCHI A VOLCHANSK, NELLA REGIONE DI KHARKIV

L’offensiva russa nella regione di Kharkiv è stata quasi fermata dalle grandi riserve delle forze armate ucraine schierate nella sua direzione. Quanto più a lungo continuano i combattimenti sulle linee del fronte settentrionale, tanto più l’affossamento delle riserve strategiche ucraine nelle battaglie di confine avrà un impatto strategico sulle difese ucraine indebolite in altre regioni.

Nel tentativo di diminuire la minaccia di un’importante svolta russa in prima linea nel Donbass, il comando militare ucraino sta lanciando grandi forze in contrattacchi nel tentativo di porre fine alle battaglie in questa pericolosa direzione. Nel frattempo, l’esercito russo deve ancora schierare le principali forze pronte per l’offensiva su Kharkiv.

Negli ultimi giorni le forze armate ucraine hanno lanciato massicci contrattacchi. Secondo il rapporto ufficiale del Ministero della Difesa russo, il gruppo di forze della Russia settentrionale ha respinto cinque contrattacchi di gruppi d’assalto nemici nelle aree degli insediamenti di Liptsy e Volchansk nella regione di Kharkiv. Secondo quanto riferito, le perdite delle forze armate ucraine includevano fino a 215 militari, un carro armato, due veicoli corazzati da combattimento, quattro auto e due obici D-30 da 122 mm.

I principali contrattacchi ucraini sono stati tentati lungo il fiume Volchya, nella zona industriale forestale nella parte occidentale del villaggio. Finora, secondo quanto riferito, non hanno ottenuto alcun successo. Nel frattempo, il gruppo nord delle truppe russe sta prendendo d’assalto il territorio dello stabilimento industriale e l’area dei grattacieli nel centro di Volchansk. Sono avanzati anche nel settore privato nella zona est della città.

In direzione di Liptsy , le forze russe sono riuscite a sfondare la difesa della 42a brigata di fanteria delle forze armate ucraine e ad avanzare nelle aree forestali a sud-est del villaggio di Glubokoe. Le nuove conquiste aprono la strada al controllo russo sull’autostrada per Liptsy.

Le operazioni dell’esercito ucraino sono complicate dai continui attacchi russi nelle retrovie. Il 3 giugno si sono verificate numerose esplosioni nella città di Kharkiv e nella regione. Secondo quanto riferito, un sistema di difesa aerea e attrezzature militari sono stati distrutti in seguito all’attacco a un impianto industriale alla periferia di Kharkiv.
Secondo quanto riportato, gli attacchi russi di maggior successo hanno distrutto le posizioni militari ucraine nelle aree delle città di Bogoduhov, Zmiev e Zolochev. In particolare a Zmiev, almeno cinque attacchi russi avrebbero distrutto un centro ricreativo utilizzato per alloggiare i militari ucraini.

Le bombe pesanti russe stanno colpendo le posizioni ucraine:

Incapace di ottenere l’iniziativa militare, il comando ucraino sta trasferendo ulteriori rinforzi nell’area , comprese unità d’élite ed esperte. Secondo gli ultimi rapporti, nella regione di Kharkiv era schierato il famigerato 414esimo battaglione d’élite separato di sistemi aerei senza pilota d’attacco, noto come Ptahy Madyara, conosciuto grazie ai leader nazisti dell’unità.

Allo stesso tempo, i media ucraini hanno riferito che il comando militare del gruppo di forze della Russia settentrionale avrebbe iniziato a mandare in battaglia la sua principale riserva nella regione di Kharkiv. Secondo fonti ucraine, tra le forze principali figurano le unità della 72a divisione di fucili a motore del 44° corpo d’armata. Questi rapporti devono ancora essere confermati da qualsiasi prova sul campo di battaglia. È possibile che Kiev stia conducendo un’altra campagna mediatica volta a giustificare le sconfitte dell’esercito ucraino in occasione della prossima conferenza di Zelenskyj in Svizzera.

D’altra parte, il funzionario e comandante militare russo Apty Alaudinov ha riferito che le forze speciali cecene Akhmat sono state trasferite in direzione di Kharkiv. Le forze cecene che miravano a rafforzare il gruppo di forze della Russia settentrionale stanno già svolgendo compiti nelle loro nuove posizioni.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “SITUAZIONE MILITARE: LE AFU TENTANO CONTRATTACCHI A VOLCHANSK, NELLA REGIONE DI KHARKIV

  1. TG1 ieri sera: neanche una parola sulla avanzata russa ! Invece è stato trasmesso un lungo servizio sul “rapimento” di 20 mila bambini ucraini “deportati” in Russia ! Non ci sono parole ! Il servilismo, verso USA e NATO, della casta giornalistica italica sta superando quello della classe politica, che sembrava insuperabile !

  2. Chi s’ aspetta un implosione ucraina rapida dovrà ancora aspettare. Riserve ed effettivi calcolate ancora, da alcuni analisti, sui 500 mila uomini sono un esercito di tutto rispetto. Cinque volte superiore al nostro, per capirsi. Con armi fornite in massa dalla coalizione nazisionista UE. Sarà una lunga agonia militare ed economica, non solo per Kiev ma anche per chi la sostiene. La vittoria russa finale comunque avverrà. I servi usa possono solo rallentare l’ inevitabile.

  3. Quelle che descrivere assomigliano alle vittorie di Pirro. Mentre gli Ucraini bombardano con i nuovi missili postazioni sul territorio Russo, non finirò di ripetere che mai alle parole siano seguiti fatti importanti, ripeto che x ora è tutta una farza ben organizzata a discapito dei residenti e dei soldati di ambo le parti, xche anche i Russi muoiano e vengono presi prigionieri.

  4. Prego che questi contrattacchi vengano respinti e sbaragliati nel modo più rapido, chiaro e definitivo.
    SLAVA ROSSII!

  5. Zelenski sta mettendo a frutto le armi di ultima generazione inviate da Usa, Uk ed EU
    Questi paesi stanno avendo gioco troppo facile nel fare guerra a distanza alla Russia con la schiena degli Ucraini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM