Sistemi di guerra elettronica sconosciuti hanno iniziato il blocco della base statunitense nella Siria orientale

La base americana nella Siria orientale è ora completamente soppressa in tutte le sue comunicazioni dal complesso elettronico EW.

Le provocazioni statunitensi contro l’esercito russo e siriano, così come l’aggressione a formazioni iraniane e filo-iraniane sul territorio della Repubblica Araba, sono diventate il motivo dell’inizio del “blocco” della base militare americana nella Siria orientale con l’ aiuto dei sistemi di guerra elettronica. Al momento, è noto che nell’area della base militare americana nella zona di Al-Tanf sono soppresse quasi tutte le stazioni radar, i sistemi di difesa aerea, le comunicazioni satellitari e un sistema di posizionamento globale.

Il discorso, a giudicare dalla zona di disturbo, riguarda un sistema di guerra elettronica abbastanza potente. Il raggio della “zona morta” è di circa 120-150 chilometri e interessa non solo il territorio della Siria, ma anche il territorio dei vicini Giordania e Iraq.

Complesso elettronico russo in Siria

Gli esperti hanno richiamato l’attenzione sul fatto che nella zona Et-Tanf c’è un’interruzione praticamente costante con le comunicazioni mobili e satellitari. Allo stesso tempo, le strutture GPS e una serie di sistemi elettronici direttamente collegati allo scambio di informazioni con i satelliti non funzionano effettivamente nella zona Et-Tanf. Ciò è evidenziato, tra l’altro, dall’impossibilità di tracciare aerei su questa regione, come indicato dai dati dei servizi specializzati.

Gli analisti richiamano l’attenzione sul fatto che l’uso di contromisure elettroniche crea ostacoli molto seri per gli Stati Uniti e un certo numero di altri paesi all’uso di droni e caccia F-35, che devono necessariamente mantenere la comunicazione con diversi veicoli spaziali.

Allarme a Tartous

Nel frattempo è stato notato un allarme alla base navale russa di Tartous in Siria dove 2 cacciabombardiere russi Su-34 sono stati fatti decollare in cielo dalla base aerea di Khmeimim a causa di un gravissimo incidente nei pressi della base della Marina russa . Le circostanze dell’incidente sono ancora sconosciute, tuttavia, secondo la fonte, (e lo confermano anche le riprese video), gli l’aerei da combattimento russi sorvolano da tempo la zona di Tartus, probabilmente garantendo la sicurezza della base militare e impedire agli aerei nemici di effettuare ricognizioni.


Fonte: avia.pro/news/neizvestnye-kompleksy-reb-nachali-blokadu-bazy-ssha-na-vostoke-sirii

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti
  • gianfranco di leva
    Inserito alle 21:56h, 21 Ottobre Rispondi

    Avia.pro non mi sembra il massimo come fonte da cui prendere le notizie, io eviterei almeno se non confermato anche da altri.

    • atlas
      Inserito alle 04:59h, 23 Ottobre Rispondi

      … vattene troll giudeo democratico … il blokko interessa anche i tuoi giudei che ancora okkupano la Palestina. Almeno dal 2014. Nervoso (?)

  • Giorgio
    Inserito alle 08:50h, 22 Ottobre Rispondi

    Accerchiati dall’esercito arabo siriano e dalle milizie filo iraniane ………
    isolati con radar e apparecchiature radio inservibili grazie agli strumenti di guerra elettronica russi ……..
    cosa aspettano a fare le valigie ……
    La situazione Usa a El Tanf ricorda quella del Generale Custer a Little Big Horn ……..
    anche lui pensava di vincere “facile” con il suo settimo cavalleggeri confidando nella superiorità dei propri armamenti ……
    ma con la presunzione tipica degli yankee aveva sottovalutato sia il numero che la combattività delle tribù pellerossa …..
    e infatti i suoi 750 uomini si trovarono circondati da migliaia e migliaia di pellerossa senza possibilità di scampo ……..
    e fece la meritata fine che conosciamo …….

  • mario
    Inserito alle 20:29h, 22 Ottobre Rispondi

    cancellare la setta ebrea e” un dovere di tutta l ” umanita”………………………………………………………………………………………….

Inserisci un Commento