Siria: una storia di saccheggio e resurrezione


di Pepe Escobar

Mentre il massiccio furto delle risorse naturali della Siria continua sotto la sorveglianza delle truppe statunitensi illegali, il piano della Russia per resuscitare Palmyra, distrutta dall’ISIS, è un duro promemoria che le rovine possono risorgere, se gli amici della Siria aiutano ad aprire la strada.

La guerra contro la Siria è scomparsa dall’ethos collettivo occidentale. Tuttavia, è tutt’altro che finita. Moltitudini in tutta la maggioranza globale possono provare la più profonda empatia per i siriani pur riconoscendo che c’è poco da fare finché la minoranza occidentale si rifiuta di lasciare la scena.

Allo stesso tempo, è improbabile che la New Development Bank (NDB) – la banca dei BRICS – inizi a inondare Damasco di prestiti per la ricostruzione della Siria. Almeno non ancora, nonostante tutte le promesse di aiuto russe e cinesi.

Con la debole scusa di “degradare la posizione dell’ISIS”, il Dipartimento di Stato americano ammette de facto che l’occupazione illegale da parte dell’Impero di un terzo della Siria – la parte attualmente ricca di petrolio e minerali rubati o contrabbandati – persisterà, a tempo indeterminato.

Il saccheggio di petrolio nella provincia di Hasakah, nel nord-est del Paese, è praticamente ininterrotto, come testimoniano i cortei di decine di autocisterne che si dirigono verso il nord dell’Iraq attraverso il posto di frontiera di al-Waleed o al -Mahmoudiya, di solito scortato da milizie separatiste curde sostenute dagli Stati Uniti.

Come se fosse necessario un promemoria, la maggioranza mondiale sa benissimo che l’ISIS è essenzialmente un’operazione americana, una costola di al-Qaeda in Iraq, nata nei campi al confine iracheno- kuwaitiano . Le forze “democratiche” siriane (SDF) sono ben lungi dall’essere una delega democratica per gli Stati Uniti. Si sono formate, prevedibilmente, come una “coalizione” di milizie etniche, per lo più guidate da curdi, ma comprendenti anche alcune tribù arabe, jihadisti turkmeni e ceceni salafiti.

Come se l’ incessante saccheggio di petrolio non bastasse, il Pentagono continua a inviare camion carichi di munizioni e attrezzature logistiche ad Hasakah.

I convogli vanno e vengono verso le basi militari statunitensi illegali nelle campagne di Hasakah, in particolare verso una base nei campi petroliferi di al-Jibsah vicino alla città di al-Shaddadi.

Recentemente, 39 cisterne di petrolio militari statunitensi hanno attraversato il confine – illegale – di al-Mahmoudiya nel Kurdistan iracheno, cariche di petrolio siriano rubato.
Nonostante questi fatti concreti, la Russia rimane eccessivamente diplomatica sulla questione. Mikhail Bogdanov, rappresentante speciale di Putin per il Medio Oriente e l’Africa, ha recentemente dichiarato ad al-Arabiya : ” Washington sta usando il pretesto della lotta al terrorismo per essere presente a est dell’Eufrate in aree economicamente importanti, dove il greggio e le riserve naturali strategiche sono abbondanti ”.

Ha fatto riferimento alle truppe statunitensi dispiegate ad al-Tanf nel sud della Siria e al “sostegno” statunitense alle SDF nel nord della Siria. Tuttavia, questa non è davvero una rivelazione rivoluzionaria che darebbe fuoco alla polvere per gli americani.

Rubiamo il tuo petrolio perché possiamo farlo
Secondo Damasco, il settore energetico siriano nel suo insieme è stato saccheggiato per l’incredibile cifra di 107 miliardi di dollari tra il 2011 e il 2022 da un mix tossico di occupazione statunitense, attentati della “coalizione” e furto o saccheggio da parte di bande terroristiche e separatiste.

Ci sono non meno di una dozzina di basi militari statunitensi in Siria, alcune più grandi delle proverbiali ninfee (meno di 10 acri, valutate meno di 10 milioni di dollari), tutte de facto illegali e certamente non riconosciute da Damasco. Il fatto che il 90% del petrolio e del gas siriano sia concentrato a est dell’Eufrate, in aree controllate dagli Stati Uniti e dai suoi delegati curdi, facilita enormemente il compito dell’Impero.

Base USA Siria

L’occupazione de facto non riguarda solo aree ricche di energia, ma anche alcune delle terre agricole più fertili della Siria. Il risultato netto è stato quello di rendere la Siria un importatore netto di energia e cibo. Le petroliere iraniane cadono regolarmente vittime del sabotaggio israeliano quando consegnano il petrolio tanto necessario alla costa orientale del Mediterraneo siriano.

Lamentarsi non ha effetto sull’Egemone. All’inizio di quest’anno, il ministero degli Esteri cinese ha esortato l’Impero del saccheggio a fornire ai siriani e alla “comunità internazionale” un resoconto completo del furto di petrolio.

Ciò riguardava un convoglio di 53 cisterne petroliere che trasportavano petrolio siriano rubato alle basi militari statunitensi nel Kurdistan iracheno all’inizio del 2023.

All’epoca, Damasco aveva già rivelato che più dell’80% della produzione giornaliera di petrolio siriano era stata rubata e contrabbandata dagli americani e dalle loro forze “democratiche” per delega solo nella prima metà del 2022.

Il Rappresentante Permanente della Siria presso le Nazioni Unite, l’Ambasciatore Bassam Sabbagh, ha più volte denunciato come il ” furto di risorse, petrolio, gas e grano ” dell’Impero del Saccheggio abbia gettato milioni di siriani in uno stato di insicurezza, riducendo gran parte della sua popolazione a la condizione degli sfollati, dei rifugiati e delle vittime dell’insicurezza alimentare.

Le prospettive per la ricostruzione della Siria sono scarse senza l’espulsione dei predoni occidentali. Ciò richiederà una cooperazione dettagliata e concertata tra le forze russe, l’esercito arabo siriano e le unità della Forza Quds dell’IRGC.

Damasco non sarà in grado di farlo da sola. Gli iraniani attaccano costantemente gli americani, tramite le loro milizie, ma i risultati sono marginali. Per costringere l’Impero ad andarsene, non c’è altra soluzione che rendere insopportabile il costo umano del furto del petrolio siriano. Questo è l’unico messaggio che gli Stati Uniti capiscono.

C’è anche il Sultano di Ankara. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sta facendo di tutto per far passare l’idea che le relazioni con Mosca siano ancora in via di sviluppo, e che spera che il suo omologo Vladimir Putin visiti la Turchia ad agosto. E ‘improbabile.

Sulla Siria, Erdogan tace. L’aviazione russa, intanto, mantiene la pressione su Ankara, bombardando bande terroristiche salafite-jihadiste a Idlib, ma non così pesantemente come ha fatto tra il 2015 e il 2020.

Palmira è rinata
Nonostante tanto pessimismo, il 23 luglio è accaduto un evento quasi magico. Sei anni dopo la liberazione di Palmyra – la mitica oasi sulla Via della Seta – e dopo aver superato ogni sorta di travaglio burocratico, è finalmente iniziata la restaurazione di questa perla del deserto.
La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha trovato il modo di celebrare il momento con un paragone appropriato con l’Ucraina:

“ Per combattere con monumenti e combattenti sovietici caduti, gli ucrofascisti sono i migliori. Non c’è bisogno di fare appello alla coscienza o alla memoria storica dell’attuale regime di Kiev – non ce n’è. Una volta raggiunti gli obiettivi dell’operazione militare speciale , tutti i monumenti distrutti in Ucraina saranno ripristinati. In Russia ci sono specialisti nel restauro del dopoguerra. Il restauro di Palmyra, in Siria, è un esempio del loro lavoro disinteressato e della loro professionalità ”.

Specialisti russi hanno portato alla luce e restaurato l’antica fonte di Efka, che ha irrigato i giardini di Palmyra fin dall’età del bronzo.

Riuscirono anche a trovare l’acquedotto romano che un tempo riforniva Palmira di acqua potabile, a 12 km dalla città. I romani avevano scavato una galleria di dimensioni quasi umane, poi l’avevano ricoperta di pietra, e tutto era stato sepolto. È stato trovato quasi intatto.

Nel XX secolo, quando i francesi costruirono l’Hotel Méridien a Palmyra, bloccarono l’acquedotto in modo che l’acqua non passasse più. Gli archeologi russi si sono subito messi al lavoro e l’acquedotto è stato ripulito. Il problema è che i francesi hanno distrutto questa fonte di acqua potabile: l’acquedotto si è completamente prosciugato.

I piani per Palmyra prevedono il restauro del leggendario teatro entro la fine del 2023. Il restauro dell’arco, fatto esplodere dall’ISIS, richiederà due anni. Il Tempio di Bel, risalente al I secolo d.C., e altre infrastrutture storiche saranno restaurate. Gli archeologi stanno già cercando fonti di finanziamento.

Qualcuno dovrebbe chiamare l’NDB di Shanghai.

Naturalmente, ripristinare la Siria nel suo insieme è una sfida enorme. Potremmo iniziare semplificando le cose per le imprese siriane e abolendo le tasse nazionali.

Russia e Cina possono aiutare istituendo una struttura per acquistare prodotti siriani, con un controllo di qualità uniforme, e venderli nei loro mercati, alleggerendo l’onere burocratico sulle spalle del lavoratore e commerciante siriano medio. . I russi potevano anche scambiare prodotti siriani con grano e macchinari agricoli.

Le soluzioni sono possibili. Il restauro è a portata di mano. La solidarietà della maggioranza mondiale, in Siria, dovrebbe essere in grado di sconfiggere l’Impero del caos, del saccheggio e della menzogna.

Pepe Escobar

fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Siria: una storia di saccheggio e resurrezione

  1. Aiutiamo la Siria, lo Yemen, far soffrire interi popoli non ha niente di umano e state lontano da erdogan isolato è pericoloso ed è un agente americano.

  2. Solidarietà ai popoli attaccati, depredati e affamati dall’impero anglo-usa !
    Questi crimini non saranno dimenticati nè perdonati !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM