Siria sull’attentato terroristico di Homs: il sangue versato aumenterà la nostra determinazione per completare la vittoria

La presidenza siriana conferma che ogni goccia di sangue caduta nell’attacco terroristico di Homs non farà altro che rendere la Siria, il suo esercito e il suo popolo più forti e più coesi.
La presidenza siriana ha affermato che “il terrorismo non potrà trasformare la nostra forza in debolezza, la nostra fermezza in declino e la nostra fede in dubbio”, in una dichiarazione pubblicata sul sito presidenziale dopo l’attacco terroristico che ha preso di mira la cerimonia di consegna dei diplomi degli ufficiali a il Collegio Militare di Homs, ieri, giovedì .

La presidenza ha sottolineato che “ogni goccia di sangue caduta ieri aumenterà la nostra forza, coesione e determinazione per portare a termine la nostra vittoria”, rilevando che “il terrorismo colpisce il popolo della nazione, trasformando un momento di gioia e di orgoglio in tristezza e dolore. “

Questa mattina la Siria ha pianto i martiri dell’attacco terroristico davanti all’ospedale militare di Homs, dove sono stati trasportati 28 corpi, alla presenza del ministro della Difesa, generale Ali Abbas.

Abbas, che ieri aveva partecipato alla cerimonia ed è sopravvissuto all’attacco pochi minuti prima che avvenisse, ha confermato ai giornalisti durante il funerale: “Stiamo pagando un prezzo alto per l’orgoglio del nostro Paese a causa dei partiti interni che si vendono all’estero”.

Venerdì mattina il Ministero della Sanità siriano ha annunciato che il numero dei martiri nell’attacco terroristico di Homs è salito a 89 martiri, tra cui 31 donne e 5 bambini, mentre sono rimaste ferite 277 persone, con lesioni gravi tra le famiglie degli invitati.

In risposta all’attacco, all’alba di oggi l’esercito siriano ha lanciato bombardamenti di artiglieria e missili, prendendo di mira principalmente il quartier generale del “Partito islamico del Turkistan” e la Brigata Muhajireen a Gerico, Jisr al-Shughur, Idlib, Binnish e Sarmin.

Un bombardamento aereo siro-russo ha preso di mira anche le posizioni del “Partito islamico del Turkistan” nella pianura di Al-Ghab, a nord-ovest di Hama e nella campagna occidentale di Idlib.

Le incursioni si sono concentrate su una collina vicino alla città di Qarqour nella pianura di Al-Ghab, a nord-ovest di Hama, oltre ai siti intorno alla città di Jisr al-Shughur, a ovest di Idlib.

Il corrispondente di Al-Mayadeen ha sottolineato che, secondo informazioni attendibili, il Partito Turkestan e la Brigata Muhajireen sono “le due fazioni che possiedono la tecnologia dei droni”.

Le informazioni indicavano che parti di droni avanzati “sono state trasferite alle due fazioni tre mesi fa, e che è stata la Francia a fornire loro questa tecnologia”.

Diversi partiti hanno condannato questo attacco , sottolineando che la minaccia del terrorismo è ancora presente nella regione “a causa della volontà internazionale di sostenerlo”.

Fonte: AL Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

4 commenti su “Siria sull’attentato terroristico di Homs: il sangue versato aumenterà la nostra determinazione per completare la vittoria

  1. Ribadisco…mi VERGOGNO di essere occidentale. Esprimo massima solidarietà al popolo siriano. Dal 2011 la Siria vive sotto sanzioni europee e viene bombardate regolarmente dai prepotenti “eletti” di Israele. Cari rappresentanti delle Istituzioni Europee…Vi auguro di fare la stessa fine delle vittime di questo attentato.

  2. L’attacco dei droni da parte dell’Isis fa il paio con l’ennesimo attacco aereo sionista ad una base siriana avvenuto qualche ora prima in cui erano morti due soldati siriani, Assad è stato ricevuto trionfalmente in Cina e gli anglo-sion hanno voluto punire i siriani.
    Poche ore dopo due palestinesi sono stati uccisi in Cisgiordania, e 5 soldati del regime occupante, non per molto visto che salterà dopo il crollo del regime quisling sionista di Kiev, sono rimasi feriti.
    Incredibile come tutto il cosiddetto occidente sia schierato con l’entità sionista, anche la ex sinistra, io vengo da ambienti culturali di sinistra e per quello che ne so sono rimasto quasi il solo di quelli che frequentavo da giovane ad essere rimasto pro Palestina.
    La cosa si spiega con il fatto che in fondo tutte le ex sinistre, quelle socialiste e comuniste, erano gestite da personaggi ebrei, in Germania anche la Linke è pro Sion e russofoba, in quanto il suo gestore Gregor Gysi è in parte ebreo, mentre AfD è complessivamente filorussa, infatti uno dei suoi due leaders Tino Hrupala è finito in ospedale per shock anafilattico dopo essere stato punto con una siringa avvelenata, secondo fonti del BND tedesco da parte del SBU ucraino, ma probabilmente dal mossad.
    Anche i due partiti americani sono controllati dagli ebrei, il partito repubblicano in quanto erede dei due partiti del Nord Est, il federalista e il whig, controllati dai grandi speculatori massoni ed ebrei di New York, e quello democratico dopo lo sbarco in massa degli ebrei di sinistra dopo la metà dell’Ottocento.
    Non a caso i bianchi americani del Sud dopo la metà del Novecento traslocarono dal partito democratico a quello repubblicano ma oggi si considerano traditi, sostengono Trump che è sui generis e che ormai viene accusato, anche se è un fervente sionista ma non guerrafondaio, di ogni tipo di nefandezza, tipo aver fatto uccidere perfino il rapper nero Tupac Shakur.
    I bianchi americani, un tempo indottrinati dalle chiese protestanti controllate dagli ebrei, chiamavano se stessi cristiani sionisti e sostenevano il diritto messianico degli ebrei a tornare in Palestina e ricostruire il Tempio, però oggi stufi di combattere le guerre pro sion si stanno secolarizzando abbandonando il protestantesimo, e non si arruolano più nelle forze armate, infatti gli ebrei vogliono introdurre il servizio militare obbligatorio per portare gli americani in guerra contro l’Iran e la Cina.
    La situazione negli USA dal punto di vista economico e dell’ordine pubblico a causa del malgoverno del regime totalitario ebraico è catastrofica, nella Baisa di San Francisco i senzatetto si danno alla pirateria contro gli yacht dei porti turistici della zona, nella stessa capitale Washington la criminalità è a livelli tali che i parlamentari dormono in ufficio oppure assumono guardie private.
    Il paese è iperindebitato, con l’inflazione fuori controllo, quasi senza più polizia a livello locale, eppure il regime totalitario ebraico nato dai due falsa bandiera del mossad dell’11 settembre e del 6 gennaio pensa solo ad aggredire Russia, Cina e Iran per preservare l’esistenza dell’entità sionista.
    Molto presto forse il corrotto governo federale USA cesserà di esistere, per mancanza di fondi, di credibilità e di legittimità.
    E l’entità sionista senza il suo plurisecolare golem yankee resterà sola.

    1. Hai ragione da vendere caro EUSEBIO ! Negli anni 60-70-80 nella estrema sinistra italiana il nemico era il capitalismo in generale, e quello finanziario anglo sionista in particolare, l’ideologia liberista mercantile che riduceva tutto a denaro e merce, l’imperialismo occidentale e i suoi strumenti NATO e CIA. Quindi il male assoluto risiedeva a Washington, Londra e Tel Aviv e nei governi europei loro servi … ora in quel che resta della sinistra (che dopo aver cancellato ogni riferimento a comunismo o socialismo tolse dal nome del suo maggior partito, il PCI già liberista e revisionista poi divenuto PDS, anche la S come vago riferimento di sinistra) prevale al 90 per cento l’oltranzismo liberista, russofobo, atlantista, filo sionista, e si è anche estinta l’esaltazione terzomondista che faceva esultare la “sinistra” ad ogni insurrezione popolare vincente come Cuba, Nicaragua ecc. ecc. Ora la cosiddetta “sinistra” considera dei tiranni sanguinari leader popolari e anti americani come Maduro, Ortega, Kim Yong Un, Assad, Castro ecc. ecc. e fa a gara con la “destra” per contendergli il ruolo di zerbino di USA-UK-NATO-SIONISTI !
      Solidarietà eterna al popolo PALESTINESE !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM