Siria. L’Area di Manbij sotto controllo russo e siriano. I curdi consegnano le loro postazioni alle forze di Damasco


Siria, 8 gennaio . L’agenzia di stampa Kommenrsant riferisce che agenti della polizia militare russa hanno iniziato a pattugliare l’area della città di Manbij nel nord-est di Aleppo . È noto che il controllo dei poliziotti militari comprende gli insediamenti di Melmieran, Ajami, Elanly, Elibafar e si alternarà regolarmente.
Ricordiamo le “Forze Democratiche della Siria” (SDF) hanno annunciato il trasferimento di Manbij sotto il controllo dell’Esercito arabo siriano (CAA) a fine dicembre, tuttavia, secondo alcuni rapporti, le parti non hanno ancora raggiunto un accordo definitivo. Consideriamo che la sicurezza della città e dei suoi abitanti è anche minacciata dall’operazione militare della Turchia e sostenuta da formazioni armate di Ankara , le cui unità si trovano vicino al confine turco-siriano. Se i curdi dovessero continuare ad occupare questi territori e ritardare il ritiro delle loro truppe, le forze combinate delle unità armate turche e dei miliziani pro turchi potrebbero lanciare un’offensiva su larga scala.

Forze dell’Esercito siriano

Manbij Forze siriane

I curdi sono preoccupati per il numero crescente di combattenti che passano direttamente al CAA (Esercito siriano) in Deir ez-Zor . Il gruppo di “Tahrir Ash-Sham”, appoggito dall’Arabia Saudita, intende conquistare tutti i territori del “Big Idlib”, secondo una fonte militare dell’Agenzia di stampa federale (FAN) in Siria, Ahmad Marzouk (Ahmad Marzouq).

Tahrir Ash-Sham : intende conquistare il territorio del Grande Idlib nella Siria nord – occidentale .
Provincia di Deir ez-Zor
Fars News riporta che i leader delle forze democratiche siriane (SDF) sono preoccupati per il crescente numero di casi di combattenti kurdi che si uniscono all’esercito arabo siriano (CAA). Si fa notare che, dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il ritiro delle truppe dalla Siria , centinaia di rappresentanti della SDF si sono spostati dalla parte delle unità governative a Deir ez-Zor . La mobilitazione obbligatoria condotta dai curdi svolge anche un ruolo importante in questo momento, dal momento che molti di coloro che sono fuggiti nei territori controllati dal CAA sono stati chiamati in prima linea come parte del reclutamento forzato.

Il canale Twitter (DeirEzzor24) riporta un’esplosione nella città di Hajin , catturata dai curdi a dicembre. Come risultato della detonazione della bomba, due radicali curdi sono rimasti feriti. Si presume che lo IED sia stato deposto dai terroristi dello “Stato islamico” anche durante l’occupazione del villaggio. Inoltre, un altro ordigno ha funzionato nella casa di uno dei locali di nome Abdul Avid Ramadan.

Provincia di Idlib
Una fonte militare su Twitter riferisce che i membri della coalizione terrorista Ashat-Shamh di Ashat Tahrir hanno deciso di impadronirsi di tutti i territori del cosiddetto Grande Idlib, controllato da varie forze antigovernative. Inoltre, secondo il canale Twitter (Kyruer), i militanti capeggiati da Dzhebhat An-Nusroy 1 *** dell’alleanza intendono sciogliere il sindacato Dzhebhat Al-Watania Lil Tahrir, sostenuto dalla Turchia. Come è noto, i jihadisti “Tahrir Ash-Sham” hanno dichiarato che i militanti “Ahrar Ash-Sham” e “Sukur Ash-Sham” hanno 24 ore per arrendersi. A sua volta, gli islamisti del Fronte di liberazione nazionale hanno pubblicato il video, annunciando la loro intenzione di proteggere la città di Maaret An-Numan, che è l’obiettivo principale dell’offensiva “Dzhebhat An-Nusra”.

Nel frattempo, a est della capitale provinciale, c’è stato un attacco a uno dei residenti locali. Secondo informazioni del portale Internet Jisr TV, uomini armati sconosciuti hanno sparato a un uomo nel villaggio di Sarmin . Non si sa nulla dei presunti criminali.

Provincia di Rakka
Mappa delle ostilità – Rakka

I membri delle cosiddette cellule addormentate dello “Stato islamico” hanno fatto di nuovo un’incursione nella provincia di Rakka . Come una fonte militare (RisboLensky) riporta sulla sua pagina Twitter riferendosi al portale media ISIS 1 Al-Amak, i miliziani hanno lanciato un attacco nei pressi dell’insediamento di Judah Khabur situato vicino al confine con il vicino Deir ez-Zor . Nessuna informazione sui dettagli dell’incidente è stata ancora ricevuta.

Nel frattempo, l’agenzia di stampa della Rete siriana per i diritti umani riferisce che un siriano di nome Mohammad Nawaf Al-Hadi è stato detenuto vicino al centro amministrativo della regione dai radicali dei distaccamenti popolari di autodifesa (YPG). È noto che il giovane è stato arrestato a un posto di blocco durante il tragitto dal villaggio di Al-Neim a Rakka . La sua ubicazione è attualmente sconosciuta. Si presume che il civile sarà costretto a prestare servizio nelle file delle “Forze Democratiche della Siria” (SDF) o YPG.

Fonte: Ria Fan.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code