Siria. I caccia russi volano vicino ai droni statunitensi per la seconda volta in 24 ore


Fonti militari statunitensi affermano che gli aerei da combattimento russi hanno molestato i loro droni Predator MQ-9 operando sulla Siria per la seconda volta.

Gli aerei da guerra russi hanno volato vicino a diversi droni statunitensi sulla Siria giovedì per la seconda volta in 24 ore, lanciando razzi e costringendo i Razziatori MQ-9 a manovre evasive , ha detto l’aviazione americana.

Un portavoce della US Air Force ha detto che l’incidente ha coinvolto due aerei russi, un SU-34 e un SU-35, ed è durato quasi un’ora.

“Gli aerei russi hanno rilasciato razzi davanti ai droni e si sono avvicinati pericolosamente, mettendo in pericolo la sicurezza di tutti gli aerei coinvolti”, si legge in una dichiarazione del comando centrale dell’aeronautica americana.

Gli Stati Uniti sono allarmati dalle manovre dei caccia russi sulla loro base in Siria
“Questi eventi rappresentano un altro esempio di azioni non professionali e non sicure da parte dell’aeronautica russa che opera in Siria”, ha affermato il capo del suddetto comando, il tenente generale Alexus Grynkewich.
La Russia rimane ferma nel suo impegno a salvaguardare lo spazio aereo siriano dai tentativi degli Stati Uniti di volare in aree al di fuori del suo raggio d’azione.

Nel primo caso in meno di 24 ore, il comando centrale degli Stati Uniti (Centcom) ha rilasciato giovedì un filmato che mostra un jet da combattimento russo Su-35S che interagisce con un veicolo aereo senza pilota (UAV) statunitense MQ-9 Reaper sopra la Siria il 5 luglio .
Si verificano di nuovo incidenti aerei tra droni americani e aerei russi. E due giorni di fila. Secondo il comando centrale degli Stati Uniti, i caccia russi avrebbero eseguito manovre “non sicure e poco professionali” in relazione ai droni americani MQ-9 Reaper. È stato persino rilasciato un video . È vero, questa volta gli incidenti non si sono verificati sul Mar Nero, ma nello spazio aereo di un paese sovrano. La Siria.

L’aereo russo aveva tutto il diritto di essere lì: era stato invitato. Una base aerea russa si trova in Siria su richiesta del governo del paese.
Inoltre, il 5 luglio sono iniziate le esercitazioni militari russo-siriane. “Durante l’esercitazione, si prevede di elaborare questioni relative ad azioni congiunte di aviazione, forze e mezzi di difesa aerea e guerra elettronica per respingere gli attacchi aerei”, ha spiegato il contrammiraglio Oleg Gurinov, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle guerre Parti situate in Siria.
Di conseguenza, il cielo in quest’area è stato chiuso e i droni americani hanno violato questo divieto non una, non due, ma almeno cinque volte. Hanno agito illegalmente, come del resto tutti i militari statunitensi che hanno scavato illegalmente nell’est e nel sud-est della Siria. “La loro presenza non è una conseguenza della risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite o di accordi diretti con le legittime autorità siriane”.
Gli Stati Uniti sono presenti in Siria, tra l’altro, per far guadagnare alcune aziende americane.

Il fatto è che le principali riserve petrolifere della Siria si trovano proprio nelle aree della parte orientale del Paese controllate dagli americani. Sì, le riserve lì sono incomparabili con quelle in Iraq, tuttavia, al massimo delle sue capacità, la Siria produceva circa 400.000 barili al giorno.
Non si capisce con quale diritto gli statunitensi procedano a saccheggiare le risorse petrolifere della Siria, un paese già piegato economicamentieda 12 anni di guerra e dalle sanzioni occidentali.
Il comportamento di Washington è semplicemente criminale.

Fonti: Hispan TvVZGLYAD

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

8 commenti su “Siria. I caccia russi volano vicino ai droni statunitensi per la seconda volta in 24 ore

  1. Si dovrebbe sapere piuttosto dove vadano a finire i proventi (nomi e cognomi) delle vendite del petrolio siriano rubato dagli americani. Russi e siriani dovrebbero divulgare i loro nomi.

    1. Mandato internazionale Siriano di cattura per i politici e militari USA-NATO per furto e rapina di petrolio Siriano !
      USA-UK-UE-NATO aiutati da giudici corrotti e criminali al loro servizio per eliminare i politici e i militari stranieri che osano opporsi alle guerre alle invasioni o ai saccheggi di USA-NATO usando la legge !
      Perché non si prova a fare lo stesso giochetto ?

  2. Cosa cavolo ci fanno aerei terroristici e invasori USA sopra i cieli della Siria ?
    Perché non li buttano giù i Russi ?
    Sfrecci vicino ai Droni USA e il spostamento d” aria li dovrebbe mandare in mille pezzi !

  3. L’ONU come sempre non serve a nulla. Che ci fanno gli USA in Siria se non hanno un mandato né del governo Siriano, al contrario della Russia, né dell’ONU????? Criminali. Peccato che non gli abbiano scaricato carburante in testa come sul Mar Nero

  4. I droni non dovrebbero essere molestati, ma abbattuti .. consiglio alla Russia di piazzare missili nucleari in ogni nazione amica

  5. Fuori gli Yankee – Jewish dalle terre del Sultano – Arabi Unitevi e cacciate i Ladroni schiavisti – Liberate la vostra terra dai Crociati uncinati a 7 braccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus