SIRIA: ATTACCO TERRORISTICO PUNTA SU GASDOTTO CHIAVE NELLA SIRIA CENTRALE


Un attacco terroristico ha preso di mira un gasdotto chiave che collega i giacimenti di gas di al-Shaer nell’est di Homs con la centrale di gas Ebla per metterlo fuori servizio , secondo quanto riferito dall’agenzia di notizie araba siriana (SANA) il 14 luglio.

“Il gasdotto, che è stato momentaneamente messo fuori servizio, trasporta 2,5 milioni di metri cubi [di gas] al giorno verso l’impianto di Ebla e da lì alle centrali elettriche”, ha detto il reporter della SANA a Homs.

Secondo l’agenzia statale, i tecnici stanno attualmente lavorando per sistemare la pipeline , che probabilmente tornerà in servizio nelle prossime ore.

Non c’è stata alcuna rivendicazione immediata per l’attacco. Tuttavia, è noto che le cellule ISIS operano nel deserto di Homs, a sud di al-Shaer. Nella provincia dell’ Homs orientale i siriani hanno assistito a diversi attacchi da parte del gruppo terroristico negli ultimi mesi.

Questo è stato il secondo attacco a un’infrastruttura energetica siriana quest’anno. Lo scorso giugno un’operazione di sabotaggio ha danneggiato cinque condotte sottomarine del terminal petrolifero di Banias sulla costa siriana. I perpetratori rimangono sconosciuti fino ad oggi ma non è difficile capire chi siano.
Tutte le piste portano ai gruppi terroristici che, con il sostegno degli USA e dell’Arabia Saudita, puntano a colpire le infrastrutture della Siria per mettere in difficoltà il sistema di approvvigionamenti energetici del paese arabo.
L’ordine di colpire queste infrastrutture è sicuramente venuto dal comando USA che coordina queste attività per indebolire lo Stato siriano, come hanno dedotto i servizi di intelligence di Damasco. Fonte: Sana Agency

Traduzione: L.Lago

1 commento

  • Orazio
    15 Luglio 2019

    Magari rendere pan per focaccia… non sarebbe male.

Inserisci un Commento

*

code