Siria attaccata in contemporanea da Israele e da Turchia

placeholder

Le forze di difesa aerea siriane hanno intercettato diversi missili lanciati dalle alture del Golan occupate, secondo i media statali siriani.

L’agenzia di stampa ufficiale siriana SANA ha riferito che il sistema di difesa aerea ha abbattuto la maggior parte dei missili prima che raggiungessero i loro obiettivi nelle prime ore di giovedì.

“Le nostre difese aeree hanno affrontato un attacco israeliano” a ovest di Damasco, afferma il rapporto.

I missili sono stati lanciati giovedì a prima ora dal Golan siriano occupato e dal Libano meridionale, colpendo l’area di al-Kiswa, Marj al-Sultan, il ponte di Baghdad e il sud di Izraa.

ps://www.youtube.com/watch?v=zZWvr_hM4iU

L’agenzia SANA non ha ulteriormente approfondito i possibili obiettivi e vittime dell’attacco, ma l’Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR) con sede a Londra sostiene che tre posizioni del governo vicino a Damasco e ad ovest della capitale erano state prese di mira e che un incendio è scoppiato in una delle aree.

Israele attacca frequentemente gli obiettivi militari all’interno della Siria in quello che è considerato un tentativo di sostenere gruppi terroristici di Takfiri che hanno subito pesanti sconfitte contro le forze governative siriane.

Convoglio turco entra nel nord della Siria

Il convoglio militare della Turchia entra in Idlib per proteggere i terroristi, impedire l’avanzata delle forze siriane

Un convoglio militare turco di carri armati e veicoli corazzati ha attraversato la città siriana di Dana, a est del confine turco-siriano nella provincia nord-occidentale siriana di Idlib, il 5 febbraio 2020. (Di AFP)

L’esercito siriano afferma che un convoglio militare turco è passato in Siria per proteggere i terroristi Takfiri sponsorizzati da stranieri e impedire i progressi dell’esercito nella provincia nordoccidentale di Idlib, in contemporanea alla recente aggressione aerea israeliana contro il paese arabo.

Convoglio turco nord Siria

L’agenzia di stampa ufficiale SANA della Siria ha citato una dichiarazione rilasciata dal comando generale dell’esercito e delle forze armate secondo cui un convoglio militare turco, incluso un certo numero di veicoli corazzati, è passato dall’area di Oglinar in Siria e si è schierato sulla linea tra le città di Binnish, Giovedì, Ma’aret Masrin e Taftanaz.

L’intrusione, ha aggiunto la dichiarazione, è avvenuta in “palese sincronia” con l’aggressione aerea israeliana.

Secondo un precedente rapporto della SANA, le forze di difesa aerea siriane hanno intercettato diversi missili lanciati dalle alture del Golan occupate e dal Libano meridionale colpendo l’area di al-Kiswa, Marj al-Sultan, il ponte di Baghdad e il sud di Izraa intorno alla capitale, Damasco, all’inizio di giovedì .
Le forze di difesa aerea siriane hanno intercettato diversi missili lanciati dai “territori occupati palestinesi”, secondo i media statali siriani.

“Il comando generale dell’esercito e delle forze armate continua i suoi compiti nazionali nel difendere la sicurezza della patria e dei cittadini, e afferma allo stesso tempo la prontezza dell’esercito arabo siriano e la sua determinazione ad affrontare l’aggressione indipendentemente dai suoi diversi nomi e moduli “, afferma la dichiarazione.

"I simultanei tentativi israeliani e turchi e chiunque sostenga il terrorismo armato di Takfiri non riusciranno a impedire ai nostri coraggiosi soldati di svolgere i loro compiti sul campo fino a liberare tutti i territori siriani dalle organizzazioni terroristiche armate", afferma la nota.

Negli ultimi quattro anni, l’esercito turco ha organizzato almeno due invasioni non autorizzate nel nord della Siria per respingere i militanti curdi, che Ankara accusa di nutrire intenzioni sovversive contro l’amministrazione turca.

La Siria ha denunciato le offensive, dicendo che avrebbe risposto con azioni della stessa natura se fosse necessario.

Damasco è stato persino avvicinato dalla popolazione a maggioranza curda delle aree assaltate per il supporto militare di fronte all’esercito turco.

Citando testimoni e un sorvegliante di guerra, Reuters ha riferito che le forze governative siriane sono state colpite da sbarramenti di artiglieria turchi mentre cercavano di impadronirsi della città di Saraqeb nella provincia nord-occidentale di Idlib in una nuova spinta per riconquistare l’ultima roccaforte detenuta dai miliziani.

Il cosiddetto Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR) ha detto mercoledì che le forze siriane sostenute da attacchi aerei erano state circondate ed erano entrate a Saraqeb, 15 chilometri (9 miglia) a est della città di Idlib.

I miliziani “sono riusciti a respingere le forze governative dalla maggior parte di Saraqeb in un attacco dalla parte settentrionale della città che è coinciso con il bombardamento turco contro l’avanzata delle forze governative”, ha affermato l’Osservatorio.

Testimoni hanno riferito che le forze governative siriane sono state sottoposte a bombardamenti da posti di osservazione turchi nell’area.

I nuovi scontri si stanno verificando nonostante un accordo di cessate il fuoco del 12 gennaio tra Turchia e Russia, che sostiene le parti opposte del conflitto.

Mercoledì scorso, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che le forze del governo siriano a Idlib dovranno ritirarsi dietro una fila di posti di osservazione turchi entro la fine di questo mese, avvertendo che se non lo facessero, Ankara li respingerebbe.

Negli ultimi quattro anni, l’esercito turco ha organizzato almeno due invasioni non autorizzate nel nord della Siria per respingere i militanti curdi, che Ankara accusa di nutrire intenzioni sovversive contro l’amministrazione turca.

https://www.presstv.com/Detail/2020/02/06/618021/Turkey-Syria-Idlib-Israel-airstrike

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM