Siediti e guarda l’Europa suicidarsi

di Pepe Escobar .

Se l’obiettivo degli Stati Uniti è schiacciare l’economia russa attraverso sanzioni e isolamento, perché è l’Europa che è in caduta libera economica?

Lo spettacolo sorprendente dell’Unione Europea (UE) che fa karakiri al rallentatore è qualcosa di indimenticabile. Come un remake economico di Kurosawa, il film racconta in realtà la demolizione dell’UE da parte degli Stati Uniti, con la deviazione di alcune importanti esportazioni di materie prime russe negli Stati Uniti, lontano dagli europei.

Aiuta avere un’attrice di quinta colonna strategicamente posizionata – in questo caso la straordinariamente incompetente Ursula von der Lugen, capo della Commissione Europea – che annuncia con veemenza un nuovo pacchetto di sanzioni schiacciante: vietare alle navi russe di accedere ai porti dell’UE; vietare l’ingresso nell’UE alle società di trasporto su strada dalla Russia e dalla Bielorussia; fine delle importazioni di carbone (oltre 4,4 miliardi di euro all’anno).

In pratica, ciò significa che Washington fa pressione sui suoi clienti/burattini occidentali più ricchi. La Russia, ovviamente, è troppo potente per essere sfidata direttamente militarmente e gli Stati Uniti hanno un disperato bisogno di alcune delle sue esportazioni chiave, compresi i minerali. Gli americani spingeranno quindi l’Unione Europea a imporre sanzioni sempre più severe che faranno crollare volontariamente le loro economie nazionali, lasciando che gli Stati Uniti si prendano tutto.

Le catastrofiche conseguenze economiche a venire saranno avvertite dagli europei nella loro vita quotidiana (ma non dal 5% più ricco): l’inflazione divorerà salari e risparmi, il prossimo inverno le bollette energetiche saranno pesanti, i prodotti scompariranno dai supermercati e le prenotazioni per le vacanze saranno quasi congelate.
Il Piccolo Re di Francia Emmanuel Macron – forse di fronte a una spiacevole sorpresa elettorale – ha annunciato addirittura: “I buoni pasto come durante la seconda guerra mondiale sono possibili”.

La Germania affronta il ritorno del fantasma dell’iperinflazione di Weimar. Il presidente di BlackRock, Rob Kapito, ha dichiarato in Texas che “per la prima volta, questa generazione entrerà in un negozio e non sarà in grado di acquistare ciò che vuole”. Gli agricoltori africani non possono permettersi fertilizzanti quest’anno, riducendo la produzione agricola di una quantità in grado di sfamare 100 milioni di persone.

Zoltan Poszar, ex guru della Fed di New York e del Tesoro statunitense e attuale Gran Visir del Credit Suisse, ha proseguito affermando che per le riserve di materie prime – e, in questo settore, la Russia non è seconda a nessuno – saranno una caratteristica essenziale di ciò che lui chiama Bretton Woods III (sebbene ciò che viene realizzato da Russia, Cina, Iran e Unione economica eurasiatica sia un post-Bretton Woods).

Poszar osserva che, storicamente, le guerre sono vinte da coloro che hanno più cibo ed energia, una volta per alimentare cavalli e soldati, oggi per nutrire soldati e carri armati e aerei da combattimento. La Cina, d’altra parte, ha accumulato grandi scorte di praticamente tutto.

Poszar osserva come il nostro attuale sistema di Bretton Woods II abbia slancio deflazionistico (globalizzazione, commercio aperto, catene di approvvigionamento just-in-time) mentre Bretton Woods III darà slancio inflazionistico (deglobalizzazione, autarchia, accaparramento di merci) forniture e spese militari aggiuntive per essere in grado di proteggere ciò che rimarrà del commercio marittimo.

Le implicazioni sono ovviamente schiaccianti. Ciò che è implicito, cupamente, è che questo stato di cose potrebbe persino portare a una terza guerra mondiale.

Rublegaz o GNL americano?
La Russian Roundtable del Club Valdai ha ospitato una tavola rotonda critica su ciò che noi di Cradle abbiamo definito Rublegaz , il vero punto di svolta geoeconomico nel cuore dell’era post-petrodollaro. Alexander Losev, membro del Consiglio russo per la politica estera e di difesa, ha presentato i contorni del quadro generale. Ma spetta ad Alexey Gromov, direttore dell’energia presso l’Istituto per l’energia e le finanze, definire i dettagli cruciali.

Finora la Russia ha venduto all’Europa 155 miliardi di metri cubi di gas all’anno. L’UE promette retoricamente di sbarazzarsene entro il 2027 e di tagliare l’offerta di 100 miliardi di metri cubi entro la fine del 2022. Gromov ha chiesto “come” e ha osservato che “nessun esperto ha una risposta. La maggior parte del gas naturale russo viene trasportato da gasdotti. Non può essere semplicemente sostituito dal gas naturale liquefatto (GNL)”.

Gasdotto russo

La risibile risposta europea è stata quella di “cominciare a risparmiare”, come di “prepararsi a stare peggio” e di “abbassare la temperatura nelle case”. Gromov ha osservato che in Russia “22-25 gradi in inverno sono la norma. L’Europa promuove i 16 gradi come “sani” e indossa maglioni di notte.

L’UE non potrà ottenere il gas di cui ha bisogno dalla Norvegia o dall’Algeria (che favorisce il consumo interno). L’Azerbaigian sarebbe in grado di fornire al massimo 10 miliardi di metri cubi all’anno, ma “ci vorranno 2 o 3 anni” per concretizzarsi.

Gromov ha sottolineato che “non c’è oggi eccedenza nel mercato per il GNL dagli Stati Uniti e dal Qatar” e i prezzi per i clienti asiatici sono ancora più alti. La conclusione è che “entro la fine del 2022, l’Europa non sarà in grado di ridurre significativamente” ciò che acquista dalla Russia: “potrebbe ridurre di 50 miliardi di metri cubi, al massimo”. E i prezzi sul mercato spot saranno più alti – almeno 1300 dollari al metro cubo.

Uno sviluppo importante è che “la Russia ha già cambiato le catene di approvvigionamento verso l’Asia”. Questo vale sia per il gas che per il petrolio: “Puoi imporre sanzioni se c’è un surplus nel mercato. Ora mancano almeno 1,5 milioni di barili di petrolio al giorno. Invieremo le nostre forniture in Asia, con uno sconto”. Allo stato attuale, l’Asia sta già pagando un premio, da $ 3 a $ 5 in più per barile di petrolio.

Sulle spedizioni di petrolio, Gromov ha anche commentato la questione chiave dell’assicurazione: “I premi assicurativi sono più alti. Prima dell’Ucraina, tutto era basato sul sistema Free on Board (FOB). Oggi i buyer dicono “non vogliamo correre il rischio di portare il vostro carico nei nostri porti”. Applicano quindi il sistema Cost, Insurance and Freight (CIF), in cui il venditore deve assicurare e trasportare la merce. Questo ovviamente ha un impatto sul reddito”.

Una domanda assolutamente chiave per la Russia è come passare alla Cina, il suo più grande cliente di gas. Si tratta della Siberian Force 2, un nuovo gasdotto di 2.600 km dai giacimenti di gas russi di Bovanenkovo ​​e Kharasavey a Yamal, nella Siberia nord-occidentale, che non raggiungerà la piena capacità fino al 2024. Inoltre, l’interconnessione deve essere costruita prima attraverso la Mongolia – “abbiamo bisogno di tre anni per costruire questo gasdotto” – quindi tutto non sarà a posto fino al 2025 circa.

Per quanto riguarda il gasdotto Yamal, “la maggior parte del gas va in Asia. Se gli europei non comprano più, possiamo reindirizzarlo”. E poi c’è il progetto Arctic LNG 2 – che è anche più grande di Yamal: “la prima fase dovrebbe finire presto, è pronta all’80%”. Un ulteriore problema potrebbe essere posto dai “non amici” della Russia in Asia: Giappone e Corea del Sud. L’infrastruttura GNL prodotta in Russia dipende ancora da tecnologie straniere.

Questo è ciò che porta Gromov a notare che “il modello di economia basato sulla mobilitazione non è molto buono”. Ma questo è ciò con cui la Russia ha a che fare, almeno nel breve e medio termine.

I lati positivi sono che il nuovo paradigma consentirà “una maggiore cooperazione all’interno dei BRICS (le economie emergenti di Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, che si incontrano annualmente dal 2009)”, l’ampliamento del Corridoio di trasporto internazionale nord-sud ( INSTC) e una maggiore interazione e integrazione con “Pakistan, India, Afghanistan e Iran”.

Per quanto riguarda Iran e Russia, gli scambi nel Mar Caspio sono già in corso, poiché l’Iran produce più del necessario ed è pronto ad aumentare la sua cooperazione con la Russia nel quadro del loro partenariato strategico rafforzato.

Geoeconomia ipersonica
È toccato all’esperto energetico cinese Fu Chengyu spiegare in modo conciso perché la spinta dell’UE a sostituire il gas russo con il GNL statunitense è un sogno irrealizzabile. In fondo, l’offerta americana è “troppo limitata e troppo cara”.

Fu Chengyu ha mostrato come un processo lungo e delicato dipenda da quattro contratti: tra lo sviluppatore del gas e la società di GNL; tra la società GNL e la società acquirente; tra l’acquirente di GNL e la società cargo (che costruisce le navi); e tra acquirente e utente finale.

“Ogni contratto, ha sottolineato, richiede molto tempo per essere completato. Senza tutti questi contratti firmati, nessuna delle parti investirà, che si tratti di investimenti in infrastrutture o nello sviluppo di giacimenti di gas”. L’effettiva consegna del GNL statunitense in Europa presuppone quindi che tutte queste risorse interconnesse siano disponibili e funzionino come un orologio.

Il verdetto di Fu Chengyu è chiaro: questa ossessione dell’UE per sbarazzarsi del gas russo “avrà un impatto sulla crescita economica globale, persino una recessione. Spingono la loro stessa gente – e il mondo – oltre il limite. Nel settore energetico, saremo tutti danneggiati”.

È particolarmente istruttivo giustapporre le imminenti turbolenze geoeconomiche – l’ossessione dell’UE di aggirare il gas russo e l’ascesa del Rublegaz – con le vere ragioni dell’operazione Z in Ucraina, completamente oscurate dai media e dagli analisti occidentali.

Un ex veterano dello stato profondo degli Stati Uniti ora in pensione che ha familiarità con i meccanismi interni del vecchio OSS, precursore della CIA, dell’odierna demenza neocon, ha fornito alcune informazioni che ti fanno pensare:

“L’intera questione ucraina riguarda i missili ipersonici che possono raggiungere Mosca in meno di quattro minuti. Gli Stati Uniti li vogliono lì, in Polonia, in Romania, negli Stati baltici, in Svezia, in Finlandia. Questa è una violazione diretta degli accordi del 1991 secondo cui la NATO non si espanderà nell’Europa orientale. Gli Stati Uniti non hanno ancora missili ipersonici, ma dovrebbero averli tra un anno o due. È una minaccia esistenziale per la Russia. Quindi sono dovuti andare in Ucraina per arrestarlo. I prossimi paesi saranno Polonia e Romania, dove i lanciatori sono stati costruiti in Romania e sono in costruzione in Polonia”.

Missili ipersonici

Da un punto di vista geopolitico completamente diverso, ciò che veramente rivela è che la sua analisi si unisce alla geoeconomia di Zoltan Poszar: “Gli Stati Uniti e la NATO sono totalmente bellicosi. Questo rappresenta un vero pericolo per la Russia. L’idea che la guerra nucleare sia impensabile è un mito. Se guardi agli attentati a Tokyo di Hiroshima e Nagasaki, ci sono stati più morti a Tokyo che a Hiroshima e Nagasaki. Queste città sono state ricostruite. La radiazione scompare e la vita può riprendere. La differenza tra una bomba incendiaria e un bombardamento nucleare è solo l’efficacia. Le provocazioni della NATO sono così estreme che la Russia ha dovuto mettere i suoi missili nucleari in massima allerta. Questa è una domanda molto seria. Ma gli Stati Uniti l’hanno ignorata”.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus