Siamo troppo vicini a un’altra grande guerra in Medio Oriente

di Caitlin Johnstone

Ci sono troppi fronti su cui potrebbe potenzialmente scoppiare un’altra terribile guerra in Medio Oriente, e su tutti la situazione è troppo vicina al baratro.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno rilasciato una dichiarazione congiunta mettendo in guardia gli Houthi dello Yemen dagli attacchi alle navi commerciali nel Mar Rosso. Gli Houthi, ufficialmente conosciuti come Ansarullah, sono riusciti a ridurre in modo estremamente massiccio l’attività portuale israeliana attraverso le loro tattiche marittime in risposta al massacro che Israele continua a perpetrare a Gaza.

La dichiarazione afferma che gli attacchi yemeniti ” rappresentano una minaccia diretta alla libertà di navigazione che funge da base del commercio globale in una delle vie navigabili più critiche del mondo “, lamenta che ” aggiungere costi significativi e settimane di ritardo nella consegna delle merci ” e infine minaccia gli Houthi di “ fargli assumersi la responsabilità delle conseguenze ” se questi attacchi dovessero continuare.

Molti critici hanno sottolineato l’ironia dell’alleanza delle potenze occidentali che minacciano l’intervento militare per proteggere i container e i profitti aziendali, mentre gli esseri umani vengono massacrati dagli attacchi aerei israeliani e affamati dai quartieri generali israeliani di guerra , con il sostegno amichevole di queste stesse potenze.

” I palestinesi vorrebbero davvero avere la stessa attenzione e protezione dei container “, ha twittato la giornalista canadese di origine palestinese Yasmine El-Sawabi.
Il fatto che gli Stati Uniti e i loro alleati entrino in guerra contro persone che cercano di fermare un genocidio in corso ti dice tutto quello che devi sapere su di loro. Il fatto che lo facciano per i margini di profitto delle imprese dice ancora di più, e il fatto che lo facciano contro un paese a cui hanno già contribuito a infliggere orrori insondabili negli ultimi anni lo dimostra in modo più chiaro.

E questa è solo una delle potenziali guerre che si profilano all’orizzonte in seguito all’assalto israeliano a Gaza. Come ha recentemente spiegato Trita Parsi su The Nation , ci sono altri tre fronti lungo i quali potrebbero scoppiare guerre nella regione al di fuori di un conflitto occidentale con gli Houthi: in Iraq e Siria, dove le forze statunitensi sono state ripetutamente attaccate dai militanti in risposta alla l’assalto a Gaza, al Libano tra Israele e Hezbollah, e lo scenario da incubo assoluto di una guerra su vasta scala con l’Iran.

“ Questo rischio esiste su quattro fronti: tra Israele e Hezbollah libanese, in Siria e Iraq a causa degli attacchi contro le truppe statunitensi da parte delle milizie allineate con l’Iran, nel Mar Rosso tra gli Houthi e la marina americana, e tra Israele e Iran in seguito all’assassinio di un generale iraniano in Siria e l’esplosione avvenuta oggi a Kerman durante la commemorazione della morte del generale Qassem Soleimani che ha provocato più di 100 morti ”, scrive Parsi.

Il fatto che Israele abbia iniziato a concentrarsi sull’intensificazione dell’aggressione contro l’Iran e Hezbollah ritirando contemporaneamente migliaia di truppe da Gaza è un segnale potenzialmente preoccupante. Alcuni analisti ritengono che Israele stia cercando di trascinare gli Stati Uniti in una guerra diretta con Hezbollah, qualcosa che i funzionari americani temevano fin dall’inizio dell’assalto a Gaza.

Ci sono troppi fronti su cui potrebbe potenzialmente scoppiare un’altra terribile guerra in Medio Oriente, e su tutti la situazione è troppo vicina al baratro. E tutto questo per la terra, il denaro e il controllo geostrategico, come sempre. Prima crollerà la struttura di potere centralizzato dell’America, meglio sarà per l’umanità.

Fonte: caitlinjohnstone.com.

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Siamo troppo vicini a un’altra grande guerra in Medio Oriente

  1. Le merci – e soprattutto il capitale investito nelle merci, che deve fruttare – sono più importanti della vita umana, come si sottolinea giustamente nell’articolo … Ecco la vera sostanza dei “valori occidentali”, non a caso difesicon piglio stragista da assassini come gli ebrei e i nazi-ukro.

    Cari saluti

  2. I capitali investiti nelle merci sono molto più importanti della vita umana, per gli oltranzisti atlantisti, liberisti e globalisti ! Semplice verità che non sarà sottolineata mai abbastanza !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM