Siamo governati da sociopatici e idioti

di Caitlin Johnstone

La risposta alla crisi di Gaza da parte dei leader occidentali, dei media e delle celebrità rende abbondantemente chiaro che siamo veramente guidati dalle persone peggiori tra noi. I meno saggi. Il meno intelligente. Il meno compassionevole. Il meno perspicace. Siamo governati da sociopatici e idioti.

Ci sono due storie tra cui scegliere:

  1. I palestinesi di Gaza sono dei malvagi orchi selvaggi che vogliono semplicemente uccidere gli ebrei e quindi devono essere ingabbiati e uccisi.
  2. I palestinesi di Gaza pensano come esseri umani e reagiscono agli intollerabili abusi loro inflitti.

Cos’è più credibile?
Ci viene detto che Israele deve intraprendere un’incessante campagna di bombardamenti che uccida migliaia di civili per eliminare Hamas, perché Hamas deve essere distrutto per raggiungere una pace duratura. Ogni parte di ciò è palesemente falsa.

In primo luogo, il presupposto secondo cui Hamas debba essere eliminato per raggiungere la pace è fallace; La pace può essere raggiunta eliminando gli abusi israeliani e correggendo i torti che hanno dato origine ad Hamas. Non c’è alcuna ragione razionale per credere che Hamas continuerebbe ad esistere nella sua forma attuale o a condurre una resistenza violenta se il furto e l’ingiustizia commessi a partire dal 1948 venissero annullati, se ai rifugiati fosse permesso di ritornare, se gli abusi dell’apartheid finissero e i palestinesi fossero non più detenuti in un gigantesco campo di concentramento dove sono privati ​​dei bisogni umani più elementari.

In secondo luogo, l’ipotesi che le persone possano essere bombardate per spingerle ad accettare uno status quo abusivo è ovviamente assurda. Anche se Israele uccidesse ogni membro di Hamas, ci sarebbero centinaia di migliaia di sopravvissuti a questo attacco che vedono la depravazione di Israele e si rifiutano di accettarla. Pensi che tutti quei ragazzi e uomini orfani che hanno visto i loro cari fatti a pezzi dagli esplosivi militari si accontenteranno d’ora in poi dello status quo? Ovviamente no.

Gaza feriti civili

E Israele lo sa, ed è per questo che la sua soluzione preferita è quella di espellere tutti i sopravvissuti a questo attacco da Gaza nei campi profughi della penisola del Sinai. Sa che nulla di ciò che fa funzionerà effettivamente e si rifiuta di effettuare le riparazioni che funzioneranno. Quindi la sua unica altra opzione è eliminare la popolazione di Gaza, in un modo o nell’altro. La pulizia etnica e le deportazioni di massa non sono affatto “pace”, tutt’altro, ma potrebbero consentire a Israele, sostenuto da un Occidente altrettanto criminale, di mantenere intatto il suo status quo abusivo.

Queste sono le uniche vere opzioni di Israele per una stabilità duratura: o correggere tutti i torti che hanno portato a ciò, oppure andare nella direzione opposta e infliggere molta più morte e distruzione per rispondere una volta per tutte alla questione palestinese. È abbastanza chiaro, considerando tutto ciò, che Israele ha optato per la seconda opzione.

I gestori della narrativa si trovano sempre ad affrontare il seguente problema: quando hanno annunciato che i palestinesi erano fuggiti dal loro campo di concentramento e avevano ucciso un gruppo di israeliani, un numero imbarazzante di persone ha iniziato a chiedere: “Aspetta, cosa erano in un campo di concentramento ? »

Non trovo nulla di meno moralmente o filosoficamente interessante che pontificare su come avrebbero dovuto comportarsi i prigionieri traumatizzati di un orribile campo di concentramento una volta liberati dai loro confini. Per quanto mi riguarda, tutto ciò che è accaduto il 7 ottobre è stato il risultato di generazioni di abusi israeliani, delle decisioni britanniche che hanno reso tutto ciò possibile e del sostegno americano che ha permesso che ciò continuasse.

La politica israeliana ha creato Hamas. Non lo dico nel senso usuale di “Netanyahu ha sostenuto Hamas nel sabotare la pace e nel indebolire i suoi rivali più moderati”, lo intendo nel senso usuale di “Coloro che rendono impossibile la rivoluzione pacifica renderanno la rivoluzione inevitabile con la violenza. Se chiudi tutte le possibili vie pacifiche di resistenza, vedrai naturalmente l’ascesa di fazioni favorevoli alla resistenza violenta.

Una delle mie esperienze più formative nella comprensione di questo conflitto è avvenuta nel 2018, quando ho visto i soldati israeliani sparare ai manifestanti con fucili di precisione e proiettili veri. B’Tselem ha denunciato esplicitamente questa pratica come illegale. Non c’è nulla che possa rendere accettabile una cosa del genere, ed è stata un’illustrazione molto chiara di come Israele abbia tagliato fuori i palestinesi da tutte le vie normali per una soluzione pacifica.

Quando è iniziato tutto questo ho detto che pensavo che l’attacco di Hamas sarebbe stato in definitiva negativo per i palestinesi, ma che non potevo, in buona coscienza, “condannare Hamas” perché nessuno poteva mostrarci una direzione positiva che i palestinesi dovrebbero prendere. Il fatto che tutte le vie pacifiche di resistenza siano state interrotte non è colpa dei palestinesi, né di Hamas. La colpa è dei governi israeliani.

Combattenti palestinesi

Hamas è esattamente ciò che si ottiene quando si crea uno stato di apartheid intollerabilmente abusivo che tiene milioni di persone in un campo di concentramento i cui residenti sono tagliati fuori dai bisogni umani fondamentali. Renderei impossibile una rivoluzione pacifica. Hamas non è la malattia, ne è il sintomo. La malattia è un progetto colonialista di apartheid che non può esistere senza violenza, guerra e abusi senza fine.

*
Mi rifiuto di essere umiliato e demonizzato per aver sostenuto la pace da persone che sostengono l’omicidio di migliaia di bambini.

Fonte: Caitlin Johnstone La causa del popolo

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Siamo governati da sociopatici e idioti

  1. In 37 stati USA ci sono leggi per cui se si critica il governo sionista o si avviano iniziative per il suo boicottaggio si rischiano 20 anni di carcere, nel gabinetto Biden la comunità ebraica americana ferma a poco più dell’1% considerando anche chi ha solo un nonno ebreo è sovradimensionata come componenti del suddetto gabinetto rispetto al resto della popolazione americana del 1400%, gli USA non hanno la capitale a Washington, ce l’hanno a Tel Aviv, infatti ora oltre ad avere forze sul terreno a Gaza gli americani hanno la portaerei Eisenhower con le navi appoggio vicino Creta, la Ford con la sua squadra davanti alle coste libanesi e la nave portaelicotteri Bataan con la sua squadra nel Mar Rosso all’imbocco degli stretti di Tirian.
    Per i paesi arabi della regione non c’è scampo, o lasciano sterminare 2 milioni di arabi a Gaza ai sionisti o finiscono sotto un diluvio di bombe.

  2. Parole, parole, parole…mentre si parla la mattanza continua. Date armi moderne e finanche bombe atomiche tattiche ai palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM