Sia chiaro: se accadrà la terza guerra mondiale sarà il risultato delle scelte fatte dall’impero statunitense


di Caitlin Johnstone
Il comandante dell’arsenale nucleare statunitense ha affermato inequivocabilmente che la guerra in Ucraina è solo un esercizio di riscaldamento per un conflitto molto più ampio che è già nella prospettiva.

Dave DeCamp di Antiwar riporta :

Il comandante che sovrintende alle forze nucleari statunitensi ha lanciato un inquietante avvertimento in una conferenza navale la scorsa settimana definendo la guerra in Ucraina un “riscaldamento” per il “grande conflitto” che verrà.

“Questa crisi in Ucraina in cui ci troviamo in questo momento, questo è solo il riscaldamento”, ha affermato l’ammiraglio della Marina Charles Richard, comandante del comando strategico degli Stati Uniti. “Il grande sta arrivando. E non passerà molto tempo prima che saremo testati in modi che non siamo stati testati [da] molto tempo”.

L’avvertimento di Richard è arrivato dopo che gli Stati Uniti hanno pubblicato la nuova Nuclear Posture Review (NPR), che riafferma che la dottrina statunitense consente il primo uso di armi nucleari . La revisione afferma che lo scopo dell’arsenale nucleare degli Stati Uniti è di “dissuadere gli attacchi strategici, assicurare alleati e partner e raggiungere gli obiettivi degli Stati Uniti se la deterrenza fallisce”.

Non solo Richard sembra credere che una guerra calda tra le maggiori potenze mondiali sia una conclusione scontata, ma ha anche affermato in precedenza che una guerra nucleare con la Russia o la Cina è ora “una possibilità molto reale”.


Ancora una volta, questo non è un guerriero da poltrona che opina dalla sua scrivania su un giornale aziendale o un think tank DC, questo è il capo di STRATCOM. Richard è colui che supervisionerebbe personalmente la stessa guerra di cui sta parlando.

Quello che trovo più sorprendente di commenti come questi è quanto passivi i media facciano sempre risuonare tali parole. Richard parla di “The Big One” come le altre persone parlano dei terremoti della California , come se una guerra calda con la Cina fosse una specie di disastro naturale accaduto dal nulla.

Questo tipo di retorica sta diventando sempre più comune. Descrivere una guerra mondiale dell’era atomica come qualcosa che accadrebbe all’impero degli Stati Uniti, piuttosto che il risultato diretto di decisioni concrete A o B prese dall’impero , sta diventando il proprio genere di opinioni di politica estera.

Questa sovrapposizione narrativa passiva e scadente che si trova in cima al militarismo dell’impero statunitense non è una novità. Nel 2017 Adam Johnson di Fair.org ha documentato il modo in cui i media occidentali descrivono sempre gli Stati Uniti come “inciampati” nelle guerre e “risucchiati” dagli interventi militari, come un coniuge traditore che inventa cattive scuse dopo essere stato sorpreso:

Questa inquadratura serve ad adulare due sensibilità: una destra e una vagamente sinistra. Soddisfa l’idea nazionalista di destra secondo cui l’America entra in guerra solo perché è costretta da forze al di fuori del proprio controllo; il guerriero riluttante, il gigante gentile che attaccherà solo se provocato a farlo. Ma gioca anche su un’idea nominalmente liberale e hipster secondo cui l’esercito americano è in realtà incompetente e bizzarro, e generalmente è pessimo nel fare la guerra.

Ciò è espresso più chiaramente nell’idea che gli Stati Uniti siano “coinvolti” in guerra nonostante le loro intenzioni altrimenti non belliche. “Gli Stati Uniti saranno ulteriormente trascinati nella guerra civile siriana?” ha chiesto Fox News ( 4/7/17 ). “Come l’America potrebbe entrare in guerra con l’Iran”, ha rivelato The Atlantic ( 29/02/17 ), “Cosa ci vorrebbe per trascinare gli Stati Uniti in una guerra in Asia”, ha ipotizzato Quartz ( 29/4/17 ). “Trump potrebbe facilmente farci risucchiare di nuovo in Afghanistan”, ha predetto Slate ( 5/11/17 ). Gli Stati Uniti stanno “inciampando in una guerra più ampia” in Siria, il comitato editoriale del New York Times (5/2/15) messo in guardia. “Una gara flessibile in Siria potrebbe intrappolare gli Stati Uniti in un conflitto senza fine”, ha aggiunto Vice News ( 19/6/17 ).


Quindi cerchiamo di essere chiari su questo qui e ora: se c’è una guerra calda tra gli Stati Uniti e una grande potenza, non sarà perché in quella guerra sono casualmente “inciampati”. Non sarà come un terremoto o un altro disastro naturale. Non sarà qualcosa che accadrà o verrà inflitto all’impero statunitense mentre sta lì passivamente nell’innocenza con gli occhi da Bambi.

Sarà il risultato di precise scelte dei dirigenti dell’impero. Sarà il risultato della scelta degli Stati Uniti tra l’escalation piuttosto che la de-escalation, l’approccio di rischio rispetto alla distensione, non solo una volta ma ancora e ancora, mentre declinano rampa dopo rampa. Sarà il risultato di vere decisioni materiali prese da vere persone concrete che vivono in vere case materiali mentre raccolgono stipendi materiali reali per fare le scelte che stanno facendo.

Un’altra cosa che mi colpisce dei commenti come quelli fatti da Charles Richard è quanto sia bizzarro e folle è che tutti non rispondono a loro con: “Va bene, allora cambiamo tutte le cose che stiamo facendo, perché è la cosa peggiore cosa che può succedere”.

E non commettere errori: questa è assolutamente un’opzione. L’opzione per allontanarsi dalla rotta di collisione con la guerra potenzialmente più orribile di tutti i tempi è disponibile in questo momento e rimarrà disponibile per qualche tempo nel futuro. Questo non è il 1939 quando la guerra è già alle porte; semmai è più come i precursori della prima guerra mondiale dell’inizio del XX secolo e tutte le stupide aggressioni e intrecci che alla fine hanno dato origine a entrambe le guerre mondiali.

Uno dei tanti modi in cui il nostro fascino culturale per la seconda guerra mondiale ci ha resi stupidi e pazzi è che ci ha fatto dimenticare che è stato il peggior evento singolo nella storia umana. Anche se una guerra calda con la Russia e/o la Cina non diventasse nucleare, scatenerebbe comunque orrori indicibili su questa Terra che si ripercuoterebbero nella nostra coscienza collettiva per generazioni.

Quell’orrore dovrebbe essere allontanato. E il momento di iniziare a girare è ora.

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus