Si prevede la rottura del governo italiano con la UE. Salvini “inquisito” dai magistrati

di Luciano Lago

“Se l’Unione Europea si ostina con questo atteggiamento, se domani dalla riunione della Commissione europea non esce nulla e non decidono nulla sulla nave Diciotti e sulla redistribuzione dei migranti, io e tutto il Movimento 5 Stelle non siamo più disposti a dare 20 miliardi all’Unione europea ogni anno”, aveva dichiarato ieri il vicepremier Luigi Di Maio.

Se le parole hanno un senso, il governo Conte/ Dalvini/Di Maio dovrebbe a breve comunicare le sue decisioni che a questo punto andrebbero a toccare quello che è il tasto che più sta a cuore dei tecno burocrati della UE, quello dei soldi. Il contributo netto in decine di miliardi che l’Italia versa nelle casse della UE potrebbe essre a rischio. Addio quindi fondi “salva stati” per le banche tedesche e francesi ed addio a fondi per favorire l’immigrazione e il mantenimento di masse di africani in Europa a spese dei contribenti italiani.

Sarebbe la prima volta e costituirebbe uno strappo fortissimo rispetto alla UE ed ai suoi regolamenti che si dimostrerebbero dei pezzi di carta senza effetto vincolante sui governi che vogliono riprendersi la propria sovranità. Un precedente importantissimo per tutti gli Stati che fanno parte della UE.
Non a caso si è immediatamente opposto il ministro degli Esteri Moavero Milanesi invocando il “rispetto della legalità” dei trattati della UE a cui il Governo italiano sarebbe tenuto.

Emergono qundi nello stesso governo giallo/verde le contraddizioni tra l’ala sovranista e quella europeista filo UE, ben presente nella stessa compagine di governo.
In concreto l’impressione è quella che tutti i nodi vengono al pettine e si rende evidente la contraddizione di base che contraddistingue questo Governo: contestare le direttive della UE ma non richiedere preventivamente la revisione dei trattati. Allo stesso modo come  criticare il sistema dell’euro (“una moneta sbagliata” ha detto Salvini) e non impegnarsi in una procedura di uscita da tale sistema.

Queste contraddizioni rendono la posizione del governo vulnerabile di fronte agli attacchi dei “legalisti” che richiedono il rispetto delle norme dei trattati.
Arrivati a questo punto prevediamo un fronte di sbarramento compatto contro il Governo Conte/Salvini che inizia già a manifestarsi in tutta la sua articolazione….Dalla Magistratura che apre le sue inchieste, ai comandi delle Capitanerie di Porto che continuano ad ignorare le disposizioni del Ministero degli Interni, ai media che mettono sotto accusa il Governo, fino al settore della finanza che si predispone ad un attacco senza precedenti contro la stabilità finanziaria del Governo agendo sulle agenzie di rating e sullo spread, le micidiali armi di destabilizzazione.

La Boldrini sotto la nave Diciotti saluta i migranti

Tuttavia Salvini in Europa non risulta isolato come vorrebbero far credere i giornali e gli opinionisti delle Tv in Italia. Fra le notizie che vengono trascurate dai media, tutti schierati contro Salvini, ne troviamo una che vale la pena di mettere in evidenza:
“Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz sollecita la UE a porre il veto a tutti gli attracchi nei porti europei di navi con a bordo migranti clandestini che provengano dall’Africa”.
Il giornale austriaco “Der Standard” ha informato che il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha sollecitato un veto totale a tutti gli attracchi nei porti europei di navi con migranti illegali che provengano dall’Africa. Kurz, in una conversazione telefonica avuta con il primo ministro di Malta, Joseph Muscat, si è mosrato a favore del respingimento di tutti i migranti illegali a paesi terzi sicuri o ai loro paesi d’origine.

Le parole di Kurz assumono una speciale importanza visto che l’Austria occupa dal 1° Luglio la presidenza semestrale del Consiglio d’Europa sotto lo slogan “Una Europa che protegge”.

Cancelliere Austria, Sebastian Kurz

La coalizione che governa l’Austria, giorni prima di assumere la presidenza, ha invitato a creare un asse dei paesi disponibili a combattere l’immigrazione illegale formato da Austria, Germania, Italia ed i paesi dell’Est del gruppo Visegrad.

Salvini non è quindi così “isolato in Europa” come vorrebbero farci credere gli editorialisti della Repubblicam della Stampa, del Corriere della Sera, della RAI e della 7.
Se ne possono trarre le conseguenze.

14 Commenti

  • Rifle
    25 Ago 2018

    Non solo, Salvini ha anche un parziale appoggio americano (quanto meno l’ala Trumpiana) e
    di un appoggio discreto da parte della Russia.

    Per non parlare di una larga fetta della popolazione italiana.

    No, Salvini non è affatto solo.

    • amadeus
      25 Ago 2018

      Siamo disposti a tutto per sostenerlo fino in fondo, questa buffonata contro l’Italia e gli italiani deve finire, e finirà. Basta avere un qualsiasi male, o essere gravide o presunti orfani, mettersi su un gommone e essere sbarcati in Italia con tutte le attenzioni a noi italiani negate, e farsi curare ogni male a spese degli italiani, che in altre circostanze costerebbe fior di quattrini, o venire a partorire sempre a spese della comunità, siamo diventati il paese del bengodi per i clandestini e l’inferno per gli italiani, l’altro giorno ce stato l’ennesimo stupro e siamo solo all’inizio, fra quanto gli stupri di massa che sarebbero un grave problema perché anche avuto con la violenza per molte donne resta sempre il loro figlio, e già da questo si avrà un cambiamento della popolazione di italiani “neri” Quindi smettiamola di essere codardi e sosteniamo il ns. Ministro con le unghie e con i denti, altrimenti per i ns. figli e nipoti sarà un futuro tragico fatto di stupri e decapitazioni, é questo quello che vogliamo ?!

      • Anonimo
        26 Ago 2018

        Cosa siamo davvero disposti a fare…? Qualcuno,in qualche partito d’opposizione parla di
        “lotta armata”…

  • Alberto
    25 Ago 2018

    Questo governo purtroppo non lo faranno arrivare a Natale!!!
    quanto scommettete?

  • Eugenio Orso
    25 Ago 2018

    Tutta la stampa italiana e tutte le televisioni sono euroserve, sono comprate dai criminali finanziari sionisti-occidentali e i giornalisti – categoria di mercenari bastardi senza etica e dignità umana – rispondono alla trimurti del male nato-ue-usa.
    Ci sarà una campagna terroristica, agitando gli spauracchi dello spread, degli attacchi speculativi, degli interessi sul debito pubblico, delle locuste, delle sette piaghe, eccetera, se si manifesterà la volontà – reale – di rompere con l’unione europoide.
    Io non credo, però, che ci sarà una vera rottura, perché questo governo non ha né la forza né la volontà di farlo …

    Cari saluti

    • amadeus
      25 Ago 2018

      Ma intanto é l’unica via di uscita, perché non facendone più parte non possono importi più nulla, ne immigrati ne regole o trattati ne alcuna moneta a noi dannosa, sarebbe la salvezza dell’Italia anche se a caro prezzo, costi quel che costi ma bisogna farlo, anche la libertà di essere come una volta ha un prezzo, che senso ha continuare a vivere così?

  • robyt
    25 Ago 2018

    La massoneria giudiziaria ha percaso risolto il caso 2 volte archiviato come suicidio di David Rossi, ex dirigente della banca fallita dei compagni amici ? O per caso apriranno un indagine sull’ennesimo caso di una risorsa che mentre, permaneva illegalmente a Iesolo nel menefreghismo generale, si approfitta dell’ingenuità di una bambina di 15 anni ? No, invece pare che pensano solo a fare carriera con l’ennesimo indagine giudiziaria che solleverà solo tanto fumo e sarà archiviata in una bolla di sapone, a spese del contribuente, e per grazie di CSM e ANM.

  • Mardunolbo
    25 Ago 2018

    Salvini non è solo nè in Italia, nè in Europa. Purtroppo, però ha una grande falla di conoscenza delle metodiche di distruzione dell’avversario e sottostima continuamente questo che è un coacervo di : politici corrotti-magistrati di parte-giornali collusi-tv asservite ai poteri esterni.
    Twittando qua e là o scrivendo su facciadibuco o vocalizzando su questo, anche se molti italiani seguono (io non seguo nè sono iscritto a facciadibuco di culo giudeo) non è sufficiente per contrastare l’opera mortifera continua che attacca.
    Aggiungasi che risulta evidente come questo governo cerchi di parare i colpi , stando in difesa, senza avere delle direttrici di attacco decise. Infatti , se la “redistribuzione” dei migranti poteva essere una mossa strategica iniziale per evidenziare le falle della Unione Europea, ora bisognerebbe decidere l’affondo col chiudere i porti NON IN ATTESA DELLA REDISTRIBUZIONE, MA PER IMPEDIRE L’IMMIGRAZIONE.
    Ed ormai di ragioni ve ne sono parecchie !
    Questo è un tema. Poi ve ne sono altri ,tra cui quello economico del prossimo tracollo euro, che non paiono affrontati con decisionalità,fermezza e preparazione. Con ciò aspettando l’evento con la tipica rassegnazione italiana del “poi si vedrà” che non prelude nulla di buono e di vantaggioso per la nazione.
    Spero che ,aldilà di quello che NON si legge, il governo ed i suoi tecnici stiano lavorando alacremente per ripararci dai prossimi eventi , senza farsi selfie ameni o cinguettii divertiti dalle spiagge o dai luoghi di vacanza (mentale)…

  • Eugenio Orso
    25 Ago 2018

    Oltre a giornalisti, spread, speculatori, ong pateticamente e fintamente “umanitarie”, usano anche la magistratura per continuare gli sbarchi in Italia.
    Ciò ha un triplice scopo:
    1) Continuare gli sbarchi, appunto, per sostituire la popolazione italiana.
    2) Far dimenticare la situazione sociale disastrosa nel paese delle classi dominate.
    3) Indebolire questo governo timidamente populista, per favorirne la caduta e preparare la sua sostituzione.
    La nave Diciotti è un buon pretesto per tutto quanto precede.

    Cari saluti

    • Mardunolbo
      26 Ago 2018

      Aggiungasi ,per finale, che il Comandante della Guardia Costiera, se ne frega delle decisioni del Ministro dell’Interno, dato che ha espresso più volte la sua determinazione a proseguire “a salvare”.
      Ovvio ! Fu nominato da Gentiloni poco prima della fine del governo, apposta per preparare la “resistenza” ,insieme ad altre svariate nomine all’interno degli apparati dello Stato.
      O si fa una bella pulizia di costoro o non se ne esce !

    • The Crow
      26 Ago 2018

      E forse è proprio la magistratura il cardine del piano / tiro mancino ideato da Renzi e dal PD.
      Mi sembra anche una mossa assai vigliacca, il popolo ha dato la sua preferenza, coerentemente Salvini tenta di bloccare gli sbarchi e quindi i “noti” sfruttano la magistratura per farlo affondare e tornare al potere.
      E questa sarebbe una democrazia?
      Mi chiedo cosa accadrebbe se invece fossimo una monarchia o peggio, una dittatura.
      Ma forse lo eravamo già prima, e adesso si vede che gli introiti si sono abbassati, per spingere una mossa tanto meschina.
      Perché, seriamente, non ci crederanno mica alle “belle parole” che dicono il PD e i soliti noti, vero?
      È ovvio che abbiano un tornaconto economico, centra sempre un tornaconto economico.
      Nessuno fa niente per niente.
      Beh, a questo punto, se il tiro mancino andasse “in porto” (perdonate il gioco di parole), gli italiani avrebbero un motivo in più per iniziare a ribellarsi.
      Infondo, avrebbero sputato in faccia al voto degli italiani, infischiandosene degli enormi problemi che loro di certo non riusciranno (e non vorranno) risolvere.
      Salvini ha qualche speranza di eludere questa trappola?
      Staremo a vedere.

  • giannetto
    26 Ago 2018

    Salvini non sarà solo, ok, ma poi cosa succede se facciamo gli indisciplinati? Magari che la BCE non ci compra più i nostri btp. E allora? Chi ce li comprerà? Kurz? Orban? Ma t’immagini! … Allora Trump? Putin?… Non ci credo. – E se non piazziamo i btp, sbattono fuori dall’Europa un paese superindebitato di un debito super-junk. E alla fine c’è il banco dei pegni, dove pretendono l’oro di famiglia e anche le tue mutande, in cambio di spiccioli con cui fare le spese quotidiane! Scenari tragici che solo delineo e non profetizzo, perché non sono un economista e non faccio l’indovino. Per consolarci sembra che la BCE ridurrà comunque il QE in tempi brevi (il Sistema è arrivato OGGETTIVAMENTE alla frutta), dunque l’handicap del debito insolubile rimane in ogni modo.
    Purtroppo non mi sembra che abbiamo un “piano B” allo sfascio della UE. E’ vero che l’economia italiana non s’azzera subito a causa di golpes della Finanza, ma occorre tener presente che:
    Le imprese possono sì produrre e commerciare, ma gli Stati possono applicare sanzioni.
    La moneta, che è il sangue degli scambi, è una produzione delle Banche Centrali, organi, in ultima istanza, dello Stato o di una confederazione di Stati come l’UE.
    Ma qualunque cosa possa succedere la lezione elementare è questa: che non si possono fare minacce se non si riesce a stare in piedi sulle proprie gambe. Sono minacce a vanvera. BASTAAAA con il wishful thinking!!! Anche in questo caso: stop al bla-bla e tenere i piedi per terra.

  • Animaligebbia
    26 Ago 2018

    Non sarei cosi’ pessimista,Conte e’ stato rassicurato da Trump,gli americani compreranno il nostro debito pubblico e il ministro Tria dal suo viaggio in Cina ha avuto garanzie in tal senso.I loro giochetti con lo spread sono finiti.Non bisogna credere troppo alla stampa mainstream,Trump non e’ affatto isolato come lo descrive la stampa asservita americana e internazionale,l’America profonda e rurale sta dalla sua parte,gli oppositori sono i soliti apolidi radical-chic delle grandi citta’;esattamente come da noi hanno le leve dell’informazione,ma non hanno seguito popolare.Bisogna fare attenzione a cio’ che si fa otreoceano,gli americani sono pesantemente armati e si rischia la guerra civile.

  • Mario Rossi
    27 Ago 2018

    Penso anche io che di strade da percorrere ce ne sono parecchie. L’italia non può fallire e questo è pacifico perchè ha una buona bilancia commerciale e ha ancora qualcosa da offrire ad un investitore estero. Se l’europa non vorrà più avere a che fare con noi state pur certi che la cina non si lascerà sfuggire l’occasione di avere la più grossa piattaforma portuale del mondo. L’italia può diventare il maggiore scalo mondiale per i prodotti cinesi, questo lo sa anche trump e per questo nessuno ci farà mai la guerra. Si può anche abbandonare gli europei che tanto hanno rotto i coglioni, basta però sapere che in ogni caso noi con le nostre gambe non ci sappiamo ancora camminare ed è ora di cominciare a farlo. Comunque togliersi dal giogo finanziario penso che sia diventato oramai una priorità anche di più di quella di riformare l’organizzazione del paese che fa acqua da tutte le parti. Io penso che se restiamo con gli europei l’unico obiettivo di costoro sarà quello di spolparci e poi abbandonarci al nostro destino, un pò come hanno fatto con la grecia.

Inserisci un Commento

*

code