Si intensifica la campagna antirussa del gruppo di potere neocon dominante a Washington


di Luciano Lago


Dopo l’ultima sfida lanciata dalla Russia di Putin alla pretesa degli USA di far sgombrare le truppe russe dal Venezuela, con la linea rossa fatta balenare da Mosca sul possibile intervento miltare statunitense per rovesciare con la forza il governo Maduro, il gruppo di potere neocon dominante ha giurato di “fargliela pagare” e le parole di John Bolton, il consigliere alla Sicurezza, sono state inequivocabili: “la Russia pagherà un alto prezzo per il suo sostegno al Venezuela”.
In realtà il conto con la Russia era già aperto da tempo, visto che l’intervento russo aveva fatto fallire il piano di distruzione della Siria su cui USA, Israele e Arabia Saudita, avevano investito fior di miliardi in armi ed arruolamento di mercenari jihadisti che dovevano eseguire il compito affidato loro di rovesciare il Governo di Damasco e di installare un califfato salafita nel nord della Siria (come risuta dai documenti desecretati della stessa intelligence USA ).
Non per niente le sanzioni decretate dagli USA, già dal momento dell’annessione della Crimea, sono divenute sempre più pesanti ma non sembra che fino ad oggi abbiano prodotto il risultato sperato. La Russia di Putin costituisce oggi il più grosso ostacolo al Nuovo Ordine Mondiale (NWO) e Vladimir Putin è la bestia nera dei globalisti.
Nella Russia di Putin gli americani ed i loro servili alleati dell’Unione Europea, hanno trovato non soltanto un ostacolo ma qualche cosa di più. Vladimir Putin ha dimostrato di aver compreso molto bene che l’avanzata occidentale in Ucraina, cui fa da corollario il dispiegamento di basi e forze militari nei paesi dell’Est Europa dal Baltico alla Bulgaria, alla Georgia, non è limitata soltanto al livello militare ed economico, si tratta di una aggressione contro l’integrità dello stato russo, contro quella visione antitietica propugnata da Putin nei confronti del mondo occidentale e della sua ideologia basata sul liberismo relativista e individualista.
La Russia di Putin ha opposto a questa visione una sua propria prospettiva o concezione del mondo, con la identificazione di questa con la tradizione spirituale e culturale della Grande Madre Russia, la sua connotazione identitaria, il suo rifiuto del progetto mondialista e delle sue implicazioni con la negazione dei valori tradizionali, la famiglia, la spiritualità, i valori etici, la tradizione cristiana e ortodossa della Chiesa russa. Tutti valori che in Occidente e nell’unione Europea si vogliono sostituire con il relativismo morale, con la legalizzazione dei matrimoni gay, con la liberalizzazione totale dell’aborto, con l’eutanasia libera (applicata anche ai bambini come in Belgio) con il feticcio della società aperta e multiculturale.
Con il sostegno spirituale della Chiesa Ortodossa, Putin ha potuto contrastare la subdola offensiva ideologica scatenata dagli agenti del NWO che, per sottomettere la Russia alla manipolazione ideologica, hanno puntato sui “diritti umani” sulle coppie gay sulla libertà di aborto, sull’introduzione dell’educazione Gender, sulla depenalizzazione delle droghe, ecc…

Le forze mondialiste non possono tollerare un Putin che fa dei discorsi pubblici come quello celebre tenuto a Valdai ed in altre occasioni, ove lo stesso Putin, riferendosi all’Occidente ha testualmente dichiarato: “ci siamo lasciati alle spalle l’ideologia sovietica senza ritorno, ma nello stesso tempo non ci ispiriamo al liberalismo occidentalista. […]. Una neo-barbarie morale bussa alle porte e vuol distruggere le Patrie mediante la depravazione morale, soprattutto la parificazione della famiglia tradizionale e naturale con le coppie omosessuali, la perdita di fede in Dio e la credenza in satana. Occorre difendere i valori naturali e tradizionali. […]. Ogni Stato deve avere forze militari, tecnologiche ed economiche, ma quel che conta soprattutto è la forza morale, intellettuale e spirituale dei suoi cittadini. Il tragico passato dell’Urss è stato dovuto soprattutto alla mancanza di valori morali e spirituali. […]. Bisogna tornare alla mentalità della responsabilità verso se stessi, verso la società e il diritto; se non sapremo uscire dalla attuale crisi morale e spirituale non ci risolleveremo”.

Femen contro Putin

Questo spiega la strategia aggressiva delle forze mondialiste contro il governo di Putin, un governo che legifera a favore della famiglia, contro le unioni omosessuali, per l’incremento della natalità, contro l’aborto e la pornografia libera. Questo non gli viene perdonato e si scatenano contro di lui le varie organizzazioni finanziate dai vari Soros, come le Femen, con le manifestazioni di protesta sobillate a Mosca, dove più della metà dei partecipanti sono agenti della CIA e delle varie ONG finanziate dall’Occidente che manifestano con il pretesto di “violazione dei diritti umani” ed atre amenità, accusando Putin di essere un tiranno che reprime le libertà individuali tanto care all’Occidente, come la propaganda gay, il transessualismo, il gender, l’eugenetica, ecc..
La reazione del governo russo alle manovre di infiltrazione fatta dai poteri forti dell’Occidente è stata quella di decretare l’espulsione dell’USAID la principale finanziatrice delle ONG e di proibire nel paese qualsiasi tipo di propaganda omosessuale e predicazione dell’ideologia gender, stabilendo nel contempo una serie di norme a protezione della famiglia tradizionale.

Da quel monento Putin e la Russia, riavviata nel frattempo ad una rinascita economica, politica e militare, è divenuta la “bestia nera” dei mondialisti e massoni ed è partita la campagna di demonizzazione di Putin dei media occidentali, indicato come “nuovo Hitler” e della Russia come “minaccia” per l’ordine globale. Una massiccia campagna russofobica è stata alimentata da tutti i media atlantisti per convincere della “minaccia russa” e delle manovre di Mosca per influenzare i risultati delle elezioni politiche nei paesi occidentali, a sprezzo di ogni ridicolo. Una campagna basata sul nulla, come risultato dell’inchiesta interna conclusasi adesso negli USA.

Arresto di manifestanti in Russia

Tuttavia in Occidenta ci si dimentica che Putin ha ottenuto l’appoggio alla sua politica dalla stragrande maggioranza dei cittadini russi anche grazie ad uno sviluppo economico del paese che non ha precedenti negli ultimi 30 anni e che ha notevolmente migliorato il livello di vita dei cittadini.
Putin è in questo momento il principale ostacolo al progetto geopolitico del NWO, visto che è la Russia il paese che appoggia l’asse della resistenza in Medio Oriente (Siria–Iran-Hezbollah) e che, assieme alla Cina, sostiene i paesi che cercano di affrancarsi dal dominio economico, militare e finanziario degli Stati Uniti e dell’Occidente in Asia come in America Latina, vedi l’invio di aiuti economici e militari al Venezuela.
Tutto questo è considerato imperdonabile da parte della elite di potere anglo USA che tenta con ogni mezzo, dalle minacce alle sanzioni, di bloccare la rinascita della Russia come superpotenza in competizione con il dominio globale USA. Questo rende la situazione del mondo attuale estremamente pericolosa.
Gli agenti del NWO sono furibondi con Putin non soltanto perchè questi ha mandato a monte i loro piani, dall’Ucraina alla Siria ed adesso anche in Venezuela, ma anche perchè non sopportano il fatto che la Russia stia sfidando molti dei principi perniciosi che costituiscono l’ideologia base del NWO. Un cattivo esempio per le altre nazioni, un guanto di sfida gettato in faccia al potere globale anglo USA.
John Bolton e Mike Pompeo sono in attesa di una possibile mossa sbagliata di Putin per dargli scacco ma il russo è un buon giocatore, freddo e calcolatore e non si scopre, fino all’ultimo aspetta che i suoi avversari esauriscano le loro mosse.

18 Commenti

  • Kaius
    1 Aprile 2019

    Alla fine dei conti,se uno ci pensa bene,la Russia è semplicemente un paese normale,nella mediocritá.
    Infatti la Russia è semplicemente cristiana e sana di mente,tutto qui.
    Siamo noi la FECCIA.gli scarti,i satanassi,la vergogna dell umanitá.
    Siamo noi quelli talmente stupidi,ignoranti,deficienti e forse(anzi sicuramente)malati di mente tanto da supportare schifezze come la propaganda pedo/omofilia e il gender,quando pure le bestie sanno che il maschio va con femmina e viceversa!
    Siamo noi i perversi infanticidi che uccidono e massacrano i propri figli.
    Siamo noi gli immorali,i depravati e i drogati senza alcun rispetto per la famiglia,per i figli,per se stessi e per la/il moglie/marito.
    Siamo noi quelli che hanno letteralmente sputato sulla parola di Dio per farci fottere da satana.
    Siamo noi quelli che dicono “se per te 2+2=4 per me è 5” “io non sono un maschio,sono una cagna femmina e adesso vado a prenderlo nel culo”.
    Siamo noi quelli che si fanno mettere i piedi in testa dai negri!Infatti proprio l altro giorno mi è capitato di assistere a un litigio tra un controllore del treno e un immigrato:
    Controllore:”Biglietto prego”
    Negro:”Nono biglieto,io nono!”
    Urla inconprensibili tra negro e controllore…
    Controllore:”Hai capito che l italia è un paese di merda eh?”
    Negro:”Ahah sisi!Bravo Bravo!Ragazze zoccole,vitto,cibo,samsung gratis,uomini tutti froci finochi!”
    A quel punto il controllore poverino se ne va sconfitto….
    Però devo ammettere che il negro,nonostante la lingua,ha capito proprio tutto dell Italia!

  • Kaius
    1 Aprile 2019

    E pensare che l altro giorno ho visto un ragazzo sui 20 anni sbraitare come una checca inviperita vicino al controllore perchè secondo lui sbattere i negri senza biglietto fuori dal treno alla prima fermata che passa è un “episodio di razzismo”……….

  • Idea3online
    1 Aprile 2019

    Gli USA in Ucraina, la Russia in Venezuela. Guerra a somma zero. Equilibrio! Meglio per l’Umanità.
    Se gli USA vedono la Russia nel suo cortile, la Terza Guerra Mondiale sarà meno devastante, perchè tutti giocheranno con equilibrio, perchè gli USA non si sentiranno invincibili. Diplomazia militare.

  • Mardunolbo
    2 Aprile 2019

    L’articolo tocca tutti i tasti comodi per i satanisti americani. Non per nulla anche in Italia, la manifestazione Pro-Famiglia (normale) è stata attaccata in ogni modo tanto che politici poverelli e pavidi hanno ribadito che la legge “194” non si tocca perchè legge di libertà! Ma cosa ? Legge pro-aborto è una legge contro la famiglia e contro lo Stato. Sarebbe da abolire …ma andatelo a sussurrare soltanto ai pentastellati; si scatenerebbero urlando dato che sono figli del piddì trasformato , ovvero sono la sinistra populista e minchiona.
    Soltanto la Meloni ha avuto il coraggio di presenziare e parlare con chiarezza della situazione di merda in cui ci troviamo.

  • atlas
    2 Aprile 2019

  • atlas
    2 Aprile 2019

  • atlas
    2 Aprile 2019

    qui non c’è la pena di morte, ma i sinistri nostrani fanno entrare tanti boia stranieri irregolarmente e vagabondi più sinistri di loro. Continuate ad essere democratici e ad andare a votare, ma non capirete mai veramente finchè non sarete con le spalle al muro

    http://www.lecceprima.it/settimana/assassino-omicidio-stefano-leo-1-aprile-2019.html

  • Max Dewa
    2 Aprile 2019

    Lei atlas con questi video cosa vuol dimostrare ? LA Russia e’ il nuovo paese del Bengodi ? Quel acefalo di lambrenedetto che dice dove c”e’ falce e martello si sta bene ahhh beh questa mi mancava ci sarebbe da allogiarlo in un qualche Gulag ,lei atlas si riconferma CIO ‘ che ho sempre detto e’ un ebreo che si e’ insinuato per portarci a pensarla come lei ,lei e’ materialists depravato comunista falso come I’ll popolo al quale appartiene,come ho gia detto io con I Russi e I cinesi ci vivo ci mangio son contadini povera gente empatia zero solo materialism ateo despiritualizzati fino al ventricolo soffrono di Cardiosclerosi ! I’ll comunismo Ebreo ha fatto danni incalcolabili sulla psiche di quella gente cinesi e russi si muovono come dei greggi di pecore ,non parlano inglese fanno scarezza

    • silvia
      2 Aprile 2019

      “Cinesi e Russi si muovono come pecore”. Noi invece a quali animali somigliamo?

      • atlas
        3 Aprile 2019

        dovessi somigliare anche solo di striscio a sed max farei una strage di chi so io e poi non mi farei chiudere a vita, preferirei morire in conflitto a fuoco

  • Sed Vaste
    2 Aprile 2019

    Ma l’italia non fa testo non esiste piu dall’8 settembre 43 e’ finita,questa e’ una colonia che serve solo per I’ll sollazzo culturale e balneare degli Americani, I pochi che fanno successo soon dei lazzaroni faccendieri tipo I’ll berlusca o dei depravati degenerati cafoni come Rocco Vacchi e pio amedeo ( gli ho scoperti adesso c’e’ da vergognarsi di essere italiani ) tutto perche’ l’italiano medio si autodisprezzi e si faccia schifo

  • Max Dewa
    2 Aprile 2019

    Dovete capire che l’intento degli Ebrei e Dei Massoni e’ sempre stato uno solo abbattere LA chiesa cattolica prima cercando di distruggere LA Famiglia tradizionale e poi corrompendo I costumi I sani principi I valori le tradizioni e adesso vi stanno per soppiantare anche etnicamente ,non vedete Di Maio come disprezza chi difende LA famiglia tradizionale roba da mandarlo a calci in culo fin in Africa o in Arabia a vedere come sono piu civilizzati quei popoli rispetto ai gay o all’adulterio

  • Kaius
    2 Aprile 2019

    Ma perché feccia malata e perversa come i froci,che vanno perfino contro natura possono mai esseri “civili” se la civiltà stessa ha come basi la natura ?

  • Mardunolbo
    3 Aprile 2019

    Lambrenedetto ! Ah,ah,ah ! Ha ragione Max Dewa-ntuono ! La pubblicità fatta dal “uehi-ven-chi” è cosa da fra cadere braccia e resto ! Sarà anche corretto quel che descrive, ma il livello,il livello…

    • atlas
      7 Aprile 2019

      il tuo livello invece qual è. Quello di chi guarda alla lingua di come si descrivono le cose. Io invece guardo che a Krasnodar ci sono le sale d’aspetto coi divani in pelle

      guarda un pò

      • atlas
        7 Aprile 2019

        no Krasnodar, OMSK (ma a Krasnodar sarà lo stesso)

Inserisci un Commento

*

code