Si avvicina un punto di inflessione in Ucraina, quale sarà il momento dello scontro definitivo?

placeholder

di Luciano Lago

La Nato sta spingendo a fondo l’acceleratore: il segretario della Alleanza, James Stoltenberg, nel corso di una conferenza stampa, il 14 Giugno, ha annunciato l’intenzione di schierare 300.000 militari nei paesi Nato supportati da forza aerea e navale e il programma di fortificare le frontiere orientali dell’Europa contro le minacce di espansione della Russia. In precedenza lo stesso Stoltenberg ha suggerito che la vittoria della Russia in Ucraina rappresenterebbe un grave pericolo.
Per contrastare questo la Nato sta inondando attivamente l’Ucraina, di armi, munizioni ed attrezzature varie.
Con molta probabilità si è discusso di un piano specifico per una divisione dell’Ucraina, nel corso dell’ultima riunione del “triangolo di Walmart”, come definito quello fra: Macron, Scholz e Duda (il polacco) nella riunione riservata dell’altro giorno a Varsavia.

Attraverso i media si chiarisce la necessità di fornire al regime di Zelensky armi adeguate per far ottenere successi al regime di Kiev nel conflitto, prima dell’inizio della riunione/vertice della Nato di Vilnius.

Al contrario Zelensky sarà obbligato ad iniziare negoziati con la Russia e questo condurrà al congelamento del conflitto e alla divisione dell’Ucraina.

La Nato e gli Stati Uniti non pensano di permettere la sconfitta dell’Ucraina e per questo devono fornire i mezzi bellici necessari, anche a costo di una escalation del conflitto.
Lo scontro fra mondo russo e forze occidentali a guida USA sarà inevitabile, c’è solo da capire quando inizierà. La contrapposizione non è solo geopolitica, è anche ideologica.

Gli anglosassoni guidano la coalizione atlantista per sconfiggere la Russia non soltanto come potenza militare e politica contrapposta al loro dominio ma anche per annientare la portata ideologica che rappresenta la Russia, come stato identitario ancorato alla propria tradizione russo Europea che si contrappone all’ideologia liberal, transumanista, globalista ed LGBT, che Washington e Bruxelles propugnano come ideologia mondiale.

Il pericolo per il dominio anglo USA è quello di avere una diffusione di questa ideologia umanistica e identitaria che può contagiare ed influenzare il resto del mondo, dall’Asia all’Africa ed al Latino America, diffondendo un pensiero difforme di riscatto nazionale anticolonialista che metterebbe in seria difficoltà le potenze anglosassoni e le elite dominanti in occidente. Questo è il risvolto del conflitto che sta assumendo sempre più i caratteri di una crociata occidentale contro il mondo russo e la cultura russa.

L’escalation è già in corso in questo momento risulta che la quantità di tank e mezzi che sta distruggendo la Russia è impressionante, tanto che le stesse fonti USA hanno riconosciuto che in questi giorni stanno morendo circa 1.000 soldati ucraini al giorno, insieme a questi un enorme numero di mezzi forniti dalla Nato stanno venendo distrutti, inclusi i carri Leopard e quelli USA Bradley.

Se questo stillicidio non finisce, arriverà il momento in cui la Russia si stancherà di macinare e distruggere le forze ucraine e potrebbe non avere la capacità per continuare a lungo. Di fatto, per eseguire i piani degli USA, si sta sacrificando una nazione intera e si distrugge una generazione di soldati ucraini ma questo agli oligarchi di Washington non interessa.

Soldati ucraini: vittime della guerra voluta da Washington e dalla Nato

Questa saturazione della capacità della Russia di fronteggiare le ondate di controffensiva ucraina potrebbe portare Mosca a decidere di impiegare armi di distruzione di massa, come le armi nucleari tattiche con conseguenze imprevedibili.

Tuttavia, se la Nato pensa di sconfiggere la Russia sul terreno, questo è un obiettivo irraggiungibile e si dimostra che siamo in mano a dei pazzi psicopatici.

Importante quello che ha detto l’esperto politologo, Yacov Kedmi, in un programma di Tv in Russia: il punto limite della pazienza russa non lo conosce nessuno e, quando Putin deciderà di rispondere, sarà troppo tardi per l’Occidente.

L’esperto ha scritto che il Cremlino nel 2022 ha portato l’occidente all’ isteria quando ha sotterrato le speranze di portare la Russia all’isolamento ed alla crisi con le sanzioni; la forza della Russia ha sconvolto i piani, dimostrando l’inefficacia delle sanzioni.

Solo Putin conosce il limite della pazienza russa ma non lo rivelerà a nessuno e, quando sarà attraversato, l’Occidente avrà delle sorprese e le conseguenze saranno irrimediabili.

Le cose avanzano secondo il programma stabilito dalla Nato, i politici occidentali cercano di darsi pace e di coprirsi con il presupposto piano di pace di Zelensky mentre stracciano qualsiasi altra proposta, quella turca, quella cinese, l’ultima quella dei paesi africani. Solo quella di Zelensky viene considerata positiva da Bruxelles ed irrealizzabile dal 4/quinti del resto del mondo. L’occidente guarda solo il proprio ombelico.

In realtà si sa bene che tale piano è inaccettabile per la Russia e di fatto per tutto il mondo orientale che è partner della Russia.

L’obiettivo dell’Occidente è la sconfitta della Russia, lo smembramento del paese euroasiatico e l’incorporamento delle sue risorse con l’eliminazione del rivale geopolitico e ideologico. Così è scritto nero su bianco nei documenti riservati della Rand Corporation (Think Tank del Pentagono). La Russia è troppo grande e troppo ricca di risorse e costituisce un ostacolo al dominio USA sul continente Euroasiatico.

Sul fronte ucraino sono stati visti alcune migliaia di mercenari stranieri tra le file ucraine nella zona dell’operazione speciale ma in realtà si sa bene che queste milizie non sono mercenari ma soldati della Nato reclutati con la mascheratura di mercenari, al servizio del comando Nato che dirige le operazioni.

Nella zona di responsabilità del gruppo di forze del sud si è notata la presenza di mercenari stranieri di più di 15 paesi e questo rivela la natura del conflitto e il pericolo per la sicurezza della Russia, rappresentato da queste forze che integrano l’organico dell’Esercito ucraino.

Tutto dimostra che questa è una guerra per procura e la missione dell’Esercito russo è quella di una guerra patriottica, una difesa esistenziale della Russia dall’assalto delle forze del grande capitale che vogliono la disarticolazione della Russia e la punizione del suo popolo per non essersi assoggettati alla potenza egemone.

Fonte: Il Pensiero Forte.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM