Si avvicina il momento “decisivo” dello scontro armato tra Stati Uniti e Russia in Ucraina

La pazzia totale si è manifestata definitivamente: la NATO fa capire che la controffensiva contro la Russia è già iniziata e non si limita all’Ucraina ma si è focalizzata anche sul territorio russo, inclusa la Crimea.
Nel frattempo le autorità polacche sono entrate ieri nella scuola russa che si trova nel recinto dell’ambasciata russa a Varsavia. Sono entrati abbattendo con la forza la porta della scuola ed hanno intimato al personale docente di lasciare il paese entro 48 ore. Questo incidente ha aggravato le tensioni fra Russia e Polonia, che si trovano già al livello di rottura.

Da parte loro gli Stati Uniti stanno seminando in Ucraina sensori per le detonazoni nucleari e radioattività. Lo sts facendo la NATO che ha appena riconosciuto di aver fornito proiettili e missili con l’uranio impoverito alle forze ucraine, nonostante gli avvisi fatti dalla Russia che questa sarebbe considerata una componente nucleare.
Zelensky ha annunciato il prossimo inizio della controffensiva e ha manifestato l’intenzione di attaccare la Crimea e cacciare le truppe russe dalla penisola, utilizzando le armi fornite dalla NATO e i reparti stranieri che affiancano le forze ucraine. Nell’offensiva “primaverile” delle forze armate ucraine, il regime di Zelensky intende raccogliere i resti delle forze pronte al combattimento. Si prevede di coinvolgere fino a 100.000 combattenti UAF e migliaia di mercenari stranieri armati per lo più con armi occidentali.
Secondo Zelensky l’Ucraina è in grado di riprendere il controllo della Crimea e per questo chiede maggiore assistenza alla NATO.
Allo stesso tempo, le unità ucraine stanno subendo un addestramento al combattimento accelerato sotto la guida di istruttori stranieri, sia nei campi di addestramento della NATO che nella stessa Ucraina.

Ieri le forze ucraine hanno lanciato vari droni, sembra sei, contro le installazioni del porto di Sebastopoli, in Crimea, alcuni sono stati abbattuti ma due hanno colpito un deposito di carburanti producendo un grande incendio. Questa informazione è stata data dai giornalisti e si è saputo che i droni sono partiti da Odessa e hanno colpito gli obiettivi sensibili in Crimea.
Gli esperti stanno studiando quale tipo di droni siano stati utiizzati ed è possibile che siano di fabbricazione USA.

In reazione a questa azione ucraina, le autorità russe stanno considerando di attaccare la base di Odessa e neutralizzare le installazioni ucraine. Più voci in proposito si sono levate nella Duma russa per passare a misure radicali contro il governo di Kiev a protezione del territorio russo. Neutralizzare Odessa e le basi ucraine potrebbe essere la risposta russa.
I proclami deliranti del regime di Kiev e l’appoggio dei suoi patrocinanti della NATO possono portare a pesanti conseguenze con la distruzione completa delle forze ucraine e con la rimozione del governo fantoccio di Zelensky e del suo enturage.

Fonti: Agenzie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM