Shock, rabbia e disperazione a Huwara all’indomani del pogrom dei coloni


di Gideon Levy

Una città bloccata, strade deserte, residenti chiusi nelle loro case, spaventati e furiosi. Coloni in agguato nelle loro auto, soldati a ogni angolo di strada, edifici bruciati e carcasse annerite.

Lunedì mattina, la testa decapitata di una mucca era appesa a un gancio all’ingresso di una macelleria sulla strada principale di Huwara. Era l’unica cosa appesa fuori dalla lunga fila di negozi, tutti chiusi, che davano alla città della Cisgiordania l’impressione di essere sotto coprifuoco. L’esercito aveva infatti vietato ai palestinesi di circolare per le strade o di aprire le proprie attività. La presenza di una troupe di di giornalisti e fotografi che indossavano giubbotti antiproiettile, maschere antigas ed elmetti evocava scene di guerra.

Ma lo shock, la rabbia e la disperazione del mattino successivo dominavano tutto in queste strade tranquille. Tutti questi sentimenti erano palpabili nonostante le finestre sbarrate di ogni casa, attraverso le quali donne e bambini spaventati sbirciavano. Tutti questi sentimenti si riflettevano sui volti dei pochi residenti che si avventuravano all’esterno per valutare i danni, ed emanavano anche dalle mute facciate di decine di edifici carbonizzati e centinaia di auto bruciate, alcune ridotte a una poltiglia grigiastra e metallica. .

All’indomani di un pogrom
I soldati israeliani sono ancora appostati sui tetti degli edifici, gli stessi soldati che il giorno prima non avevano fatto nulla per impedire a centinaia di coloni di scatenarsi nella città di Huwara, situata alla periferia di Nablus. Il governatore palestinese di questa città era arrivato poco prima per esaminare la scena, seguito dalla visita del ministro della Difesa israeliano. Per il governatore si è trattato di una visita di cortesia poco importante; dopotutto, non è in grado di proteggere i suoi sudditi, le loro proprietà o la loro dignità.

Le conseguenze della furia dei coloni ad Hawara questa settimana. (foto sopra)
Il formidabile Huwara Bypass, attualmente in costruzione, sarà presto completato e i coloni non avranno più bisogno di attraversare la città, se non per compiere i pogrom. Huwara è un bersaglio conveniente per i violenti coloni che risiedono negli insediamenti sulla montagna sopra di quella: di tanto in tanto i coloni scendono, bruciano, distruggono, a volte uccidono e se ne vanno. Le case situate nella parte settentrionale della città, vicino alle strade che portano agli insediamenti di Itamar e Yitzhar, sono le più soggette ad attacchi.

Domenica scorsa, i coloni si sono scatenati qui per cinque ore di fila, vandalizzando le case e le attività commerciali dei residenti. Quando ti ritrovi a Huwara la mattina dopo, è impossibile non chiedersi come 400 coloni siano riusciti a prendere d’assalto la città per così tante ore senza che nessuno li fermasse o proteggesse gli abitanti – a meno che l’esercito non volesse che questa furia avesse luogo . Quando sei a Huwara la mattina dopo, è anche impossibile non immaginare cosa sarebbe successo se 400 palestinesi avessero attaccato gli insediamenti di Yitzhar, sulla montagna, o Givat Ronen, Har Bracha e Itamar, dando fuoco alle case e alle auto dei loro abitanti per vendetta. Dopotutto, anche il sangue ribolle a Huwara,
All’ingresso dello showroom del negozio di Raad e Hadi, che vende pezzi di ricambio per auto di lusso, era esposta un’auto del genere: era rimasta solo la scocca nuda e annerita dell’Audi a cui era stato dato fuoco, o forse era una Skoda .

Huwara è in realtà una strada principale che ha una città. L’autostrada 60 la attraversa per tutta la sua lunghezza, poiché attraversa tutta la Cisgiordania. Ma è solo qui che questa arteria principale attraversa una località palestinese, almeno fino al completamento della tangenziale – che, insieme a un sistema di ramificazioni di tangenziali realizzato negli ultimi anni, determinerà molto di più il futuro del progetto di colonizzazione decisamente di altri cento avamposti di coloni che vi spuntano. Costruite su terra palestinese, ovviamente, queste strade servono ad avvicinare ancora di più gli insediamenti a Israele, facilitare la loro integrazione nel paese e, in generale, rendere la vita più facile ai loro residenti.

Nel frattempo, c’è la carcassa carbonizzata dell’Audi e centinaia di altre auto che hanno incontrato la stessa sorte in tutta la regione di Hawara, le cui gomme si sono sciolte in una poltiglia nera. Alcuni di questi veicoli erano stati usati, altri erano parcheggiati in discariche dove i proprietari speravano di venderli per i loro pezzi di ricambio. Uno di questi parchi, il più grande, questa settimana sembrava un cimitero per le vittime di un incendio.
Lunedì l’odore di fumo aleggiava ancora nell’aria; il fumo usciva ancora da alcuni veicoli bruciati.
È stato lanciato un sasso, la Golf si è fermata. I soldati si sono precipitati ad intervenire, tutto sembrava sul punto di scoppiare di nuovo nella violenza.

“Chi ha lanciato quel sasso? gridò istericamente un ufficiale dell’esercito. “Portate fuori di qui i vostri cani”, ribatté coraggiosamente un uomo del posto. Solo la presenza della stampa locale e straniera gli avrebbe apparentemente risparmiato il pestaggio o l’arresto.

“Redentori della terra”: questo è lo slogan impresso sulla vecchia Golf. È stata raggiunta da alcune altre macchine dei coloni che le sono sfrecciate accanto, i passeggeri che sono usciti impazienti, apparentemente pronti a combattere oa dare un’occhiata ai danni che avevano causato il giorno prima. Il vintage sembra essere la loro passione: almeno due dei veicoli degli invasori portavano le targhe speciali delle auto d’epoca.
Eccoli, i coloni: teppisti religiosi corpulenti, rozzi e volgari, che vanno in giro come signori e mostrano un comportamento arrogante nei confronti di palestinesi e soldati.

Edifici bruciati dai coloni

Stivali quasi militari, pantaloni infilati negli stivali, magliette con scritte provocatorie. Il conducente della Golf era mascherato, forse per apparire più minaccioso. Tutte queste persone sanno di non avere nulla da temere qui. Un soldato mise gentilmente una mano sulla spalla di uno di loro e lo scortò a un’auto. I coloni che abbiamo visto erano quasi certamente qui domenica.

“Vi sto guardando tutti, attenti”, sibilò l’ufficiale ai numerosi giornalisti e fotografi palestinesi, che cercavano di riprendere coloni e soldati, fratelli d’armi. “Eitan, dì a Sagi di chiamare Shapira”, urlò.

Ogni pochi minuti passava un autobus blindato quasi vuoto, che percorreva le solite rotte al servizio dei coloni. Il trasporto pubblico sembra essere migliore qui che a Tel Aviv. L’ingresso di una grande villa marrone lungo la strada è carbonizzato; i resti delle gomme che gli hanno dato fuoco giacciono sul sentiero, un mazzo di carte è sparso sotto alcuni ulivi e una griglia per barbecue si erge desolata. La casa è vuota, i suoi occupanti hanno paura di tornare. I pali della recinzione sono lungo il sentiero che conduce alla casa. Il loro scopo è chiaro, ma una barriera così fragile probabilmente non fermerà i pogromisti di montagna.
Il muro esterno di un’altra grande casa in città è annerito per tutta la sua lunghezza: quattro piani di fuliggine e condizionatori liquefatti. È improbabile che questa struttura, una delle più alte di Huwara, sia abitabile. Qualcuno ha già imbullonato delle lamiere alle finestre del piano di sotto per evitare saccheggi. Il danno economico è particolarmente visibile sulla via principale. I vasi di fiori in frantumi che i saccheggiatori hanno gettato sul loro cammino aggiungono una dimensione apocalittica alla scena.

Sulla strada che porta a Huwara c’è un gruppo di colone donne che portano bandiere israeliane, sorvegliate da soldati in un veicolo blindato. In questi giorni a Huwara è consentito solo sventolare la bandiera israeliana, apparentemente il simbolo nazionale dei cittadini. Il fatto che lunedì solo le auto dei coloni potessero circolare in città è stata anche una forma di giustizia poetica: la ricompensa è andata ai pogromisti e la punizione alle loro vittime, come dopo il massacro perpetrato contro i palestinesi dal colono Baruch Goldstein in un altro tempo e luogo .

Militari israeliani a presidio

La cabina di guida e il motore dell’autocisterna di Yusuf Damaidi, 37 anni, sono stati avvolti dalle fiamme domenica. La cisterna stessa non è stata colpita. Il giorno successivo, il fumo si alzava ancora dalla parte anteriore e le acque reflue fuoriuscivano dalla parte posteriore. Il giovane figlio di Damaidi colpisce la cabina di guida con un bastone e schegge di metallo e vetro cadono a terra.

Un complesso appartenente a un’altra famiglia (ma non imparentata) di nome Damaidi, a est di Huwara, ha due edifici a due piani, rivestiti in pietra e piastrellati in marmo, un cortile ben curato e una lussuosa residenza per gli ospiti in mezzo. Ma la pensione, che è stata completata solo quattro mesi fa, ci ha detto Radwan Damaidi, è stata completamente avvolta dalle fiamme domenica, riportando alla mente le immagini dell’incidente del 2015 nel villaggio di Douma, dove una famiglia e la loro casa sono state bruciate.

Radwan, suo padre e suo fratello possiedono un negozio che vende oro a Nablus e hanno alcune auto di lusso nel parcheggio. Uno di loro è stato incendiato e il lunotto posteriore di un 4X4 è stato sfondato dai coloni. Inizialmente, dice Radwan, erano circa 25, che hanno saltato il muro di pietra che circonda il complesso; Poi se ne sono andati, per tornare con dozzine di teppisti come rinforzi. Fu allora che diedero fuoco alla pensione e alla bellissima area salotto nel cortile.

Conseguenze furia coloni

Il cesto di za’atar fresco che era sul tavolo è una poltiglia fuligginosa. La cyclette della pensione è una carcassa bruciata. Alcune delle finestre ai piani superiori del complesso sono state distrutte da pietre lanciate dai coloni e parte di una scala in marmo è andata in frantumi. Quattro soldati si sono fermati all’ingresso del complesso mentre infuriava il pogrom e non hanno fatto nulla, ha detto Radwan. Forse pensavano che il loro compito fosse proteggere i coloni. Fatma, la nonna di Radwan, è svenuta quando i coloni hanno fatto irruzione nel cortile di casa sua. Da un vicino, un’auto è stata carbonizzata.

“È l’ora di Ben-Gvir”, diceva un adesivo su una delle macchine che sfrecciavano lungo la strada principale.

fonte: Haaretz via Tlaxcala

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus