"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Shaaban: “La Siria ha sempre difeso Gerusalemme ed i diritti del popolo palestinese, per questo ci hanno attaccato”

“Bisogna unirsi per combattere il terrorismo ed il sionismo e liberare i territori occupati”, lo ha affermato l’ assessore del Presidenza della Siria, Buothaina Shaaban, nel corso di un incontro con i componenti della Istituzione Internazionale per la difesa di Gerusalemme.

In una conferenza stampa dopo il termine della riunione, Shaaban ha ribadito che difendere la città santa di Gerusalemme significa difendere tutte le città arabe in quanto il nemico sionista insiste nel promuovere la disunione dei popoli arabi.

“Necessitiamo osare di più ed avere maggiore sincerità per affrontare questi eventi e correggere le posizioni erronee e riconsiderare tutto quello che hanno fatto i nemici della nostra nazione durante i 50 anni passati”, ha segnalato la dr.ssa Shaaban.

La Shaaban ha precisato che l’obiettivo principale del regime sionista e degli Stati Uniti, tra gli altri, è la distruzione dello Stato Nazionale e trasformare il popolo arabo in tribù ed etnie che non abbiano alcuna rilevanza a livello regionale e internazionale (come avvenuto in Libia).

Da Parte sua, il gran muftì della Repubblica di Siria , Ahmed Badreddin Hassun, ha manifestatto che la Siria ha pagato un alto prezzo dal 1948 per il suo costante appoggio al popolo palestinese, al contrario di quello che fanno alcuni paesi arabi attualmente (venduti al nemico sionista). Questo mentre molti dei paesi arabi che non condividono le proprie frontiere con la Palestina hanno acquistato armi dai nostri nemici per un valore che supera i 23 mila milioni di dollari.

Nota: La Shaaban si è riferita non per caso al piano di smembramento degli Stati arabi  pianificato dagli strateghi di Washington e di Tel Aviv per la Siria, l’Iraq ed in generale per la regione del Medio Oriente, un piano oggi apertamente rivendicato da esponenti dell’establishment USA come una “soluzione” per evitare i conflitti confessionali nella regione (conflitti che gli stessi USA hanno alimentato finanziando le fazioni radicali sunnite e salafite).

Le guerre contro gli stati  laici e nazionalisti del mondo arabo e la strategia del caos attuata dagli USA e dall’Arabia Saudita in Medio Oriente, con i loro disastrosi risultati, sono oggi sotto gli occhi di tutti e Israele sta cercando di cancellare per sempre la sacralità di Gerusalemme per le altre religioni non ebraiche, quella mussumana e quella cristiana, impadronendosi della Città Santa in spregio a tutte le convenzioni internazionali.

La Siria rivendica di aver sempre difeso Gerusalemme ed i diritti negati della popolazione palestinese e questo  è sato uno dei motivi per cui i suoi nemici, gli USA, la Gran Bretagna e l’Arabia Saudita, hanno cercato di annientare il paese. Non ci sono riusciti ma il popolo siriano ha pagato un alto prezzo: 450.000 vittime, secondo calcoli attendibili, sei anni di guerra, distruzioni immani e milioni di profughi.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione e nota: L.Lago

*

code

  1. Giorgio 9 mesi fa

    Come dar torto alla signora Buothaina Shaaban?
    La verità è una sola tutte le altre sono mistificazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Silvia 9 mesi fa

    Con I problemi che ha ora la Siria, insistono a immischiarsi nel problema palestinese? Non li capisco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 9 mesi fa

      La realtà è un poco più sfaccettata di quel che appare a un singolo sguardo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Redazione 9 mesi fa

      Teniamo presente che Gerusalemme è un simbolo per tutto il modo arabo (come lo dovrebbe essere anche per il mondo cristiano). L’occupazione israeliana ed il tratto arrogante del regime sionista, con la pretesa di usurpare la moschea di Al-Aqsa per ricostruire il Tempio ebraico, costituisce un insulto per tutto il monso arabo mussulmano. La Siria è uno dei paesi che si sono considerati sempre in guerra con Israele. Questo è uno dei motivi che hanno spinto Israele e gli USA a voler distruggere la nazione siriana.
      L.Lago

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paolo 9 mesi fa

    A me sembra che questo dio ebraico, islamico e cristiano e’ stato usato per creare le cose peggiori della storia umana ma non se ne poteva fare a meno?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlo Pollarte 9 mesi fa

      In realtà, se si legge con attenzione il Nuovo Testamento (Vangeli, lettere, ecc), il Dio (Trino: Padre, Figlio e Spirito Santo; incarnato in uomo e venuto per soffrire e morire sulla croce, così da redimerci e pagare le nostre colpe) cattolico (perché ricordiamoci che gli ebrei lo hanno disconosciuto e mandato a morte) Gesù Cristo è agli antipodi rispetto alla descrizione che ne viene fatta nel vecchio testamento (che ci sia stata qualche “aggiustatina”?). Quindi di Gesù non se ne poteva fare a meno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giorgio 9 mesi fa

      Lei confonde Cristo con Gesù.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Carlo Pollarte 9 mesi fa

        Mi dia una delucidazione a riguardo, così non confonderò più le due cose

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 9 mesi fa

          Gesù è un uomo, Cristo no.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Carlo Pollarte 9 mesi fa

            In due righe ha riscritto la catechesi cattolica. 2000 anni di dottrina liquefatti al sole. Tutto giusto per chi si professasse di religione ebraica o islamica (o mormone, testimone di geova, ecc) . Negando praticamente il dogma di fede della trinità.

            Mi piace Non mi piace
          2. Tania 9 mesi fa

            Il bisogno di fede se ne sbatte delle raffinatezze filosofiche e similari. Noi siamo sempre disponibili a nuovi dei piuttosto che a perderli.

            Mi piace Non mi piace
          3. Che storia. 9 mesi fa

            Come atea appunto vivo immersa nella fede, no? Io credo che siamo soli in un micro angolo dell’Universo, non credo che nessun altra forma di vita sia giunta su questo pianeta, ma non posso dimostrarlo, come non posso dimostrare l’esistenza di Dio, dico che fare tanta strada per fare degli schiavi pensanti dalle scimmie per farli lavorare, e dopo tutto questo daffare sparire nel nulla senza lasciare tracce, ma perché questa necessità? E’ illogica sotto ogni punto di vista (umano)… E’ stato un gioco? Un divertimento? Fossero un poco scemi questi “creatori”? Cosa è successo che hanno tolto le tende nel giro di niente quando è apparso il cristianesimo? E’ apparso Dio è sparito Giove o Zeus che dir si voglia.
            Che storia.
            Solo che c’è il continuo.

            Mi piace Non mi piace
          4. Giorgio 9 mesi fa

            Carlo Pollarte non capisco cosa centri il suo contro-commento con quello che ho risposto alla sua domanda, me lo spiega lei o lo chiedo alla sfinge?

            Mi piace Non mi piace
  4. Tania 9 mesi fa

    Come atea appunto vivo immersa nella fede, no? Io credo che siamo soli in un micro angolo dell’Universo, non credo che nessun altra forma di vita sia giunta su questo pianeta, ma non posso dimostrarlo, come non posso dimostrare l’esistenza di Dio, dico che fare tanta strada per fare degli schiavi pensanti dalle scimmie per farli lavorare, e dopo tutto questo daffare sparire nel nulla senza lasciare tracce, ma perché questa necessità? E’ illogica sotto ogni punto di vista (umano)… E’ stato un gioco? Un divertimento? Fossero un poco scemi questi “creatori”? Cosa è successo che hanno tolto le tende nel giro di niente quando è apparso il cristianesimo? E’ apparso Dio è sparito Giove o Zeus che dir si voglia.
    Che storia.
    Solo che c’è il continuo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 9 mesi fa

      Potrebbe anche essere che semplicemente passavano da queste parti, si sono fermati a riposare, non facevano niente di niente e avevano bisogno di domestici, e sul pianeta non ce n’erano…
      Certo che passeggiare per l’Universo con le distanze che ci sono tra una galassia e l’altra, rincorrere l’Universo in espansione, per solo vacanzare, visto che non ci hanno sterminato, quindi non ci volevano conquistare, non volevano espandere i loro possedimenti, non vedo alieni verdi o grigi in giro, non è semplice da capire, e comunque non hanno lasciato niente di se, nemmeno un golfino, un ninnolo, possibile niente di niente, così attenti a non lasciare tracce di se, così evoluti da permettersi anni luce di viaggio, dico robe che superano migliaia su migliaia di anni per ogni viaggio, avevano paura li andassimo a cercare a casa loro?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 9 mesi fa

        E qui casca l’asino. Perché io, atea, convinta di ciò che penso, siamo soli e soli restiamo, materialista al 1000000×100, figlia e nipote di contadini con i piedi ben piantati per terra, a 17 anni senza nulla chiedere, immaginare, pretendere, una doccia gelida che nemmeno immaginavo potesse esistere, ho fatto un viaggio astrale, sono uscita dalla materia.
        IO sono andata nell’antimateria, nel vuoto, nel niente, all’origine…
        Ma non ero dentro, eri io l’antimateria, il niente che è tutto, io ero quello, l’Universo, Dio.
        Quindi :
        A – esiste che siamo soli e soli restiamo
        B- esiste che i nostri creatori non sono credibili sotto nessun punto di vista
        C- esiste che anche che siamo l’evoluzione di una cellula è difficile da credere, cosa rarissima da riuscire a farsi, un caso su quanti? Quante volte succede che le condizioni siano talmente tutte favorevoli da dare, creare la VITA?
        D- esiste che siamo Dio, noi siamo l’origine

        Come la mettiamo? Che casino… io sono qui, in casa, tra i fornelli, e so che sono Dio perché io sono l’origine, ma l’origine non è materia, io sono materia, i fornelli sono materia, come ho fatto da Dio che sono, diventare materia? Certo, la mia mamma e il mio papà mi hanno “materializzata”, ma il problema è solo spostato…
        Mi si dice che un altro come me, materia, pur più intelligente miliardi di volte più di me, superiore a noi in tutto e per tutto, un Elohim, ha fatto materia il primo di noi, e la prima di noi. Lui? A noi? Che noi siamo Dio. Ma va la’.
        Boh!
        Mi verrebbe quindi di pensare e dire che allora esiste una ” fonte” cosmica che chi ci sa attingere sa dare la vita, no? Una fonte che è per tutto l’universo, no? Che non hai bisogno di percorrere stramiliardi di anni luce per andare ad immergerti dentro, no? Deve essere qui… vicina ad ognuno di noi, per forza, è solo che pochissimi la possono vedere, attingerci…
        Stupore puro.
        Sono convinta che certe domande non me le devo fare semplicemente perché non ci sono le risposte, nessuno, dico nessuno, è in grado di dare la risposta, quella vera.
        Qui sulla Terra usa che ognuno ha la sua risposta, io non ce l’ho. Io dico prendo atto di ciò che so, mi metto tranquilla, senza pretese, e tiro avanti, come un treno, davanti ai miei fornelli…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 9 mesi fa

          Non è che ci sia andata molto lontana!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. leo 9 mesi fa

      In effetti, da come dicono che si sia comportato, il dio della bibbia é decisamente
      scemo, oltre che rancoroso e disumano. Ad uno che, in teoria, avrebbe creato
      un universo infinito e pertanto con infiniti problemi di ” gestione”, e che peró trova
      il tempo di interferire nelle liti banali e squallide di una famigliola di primitivi
      relegati su un granello di sabbia, beh….a costui, decisamente, manca una rotella.
      Ma il bello é che su tutto ció, ossia sul niente, si sono scritti migliaia di tomi
      voluminosi e menti “eccelse” si accapigliano tuttora nelle facoltá di teologia.
      Questo é uno dei pochi casi nei quali, insieme all´acqua, occorre gettar via
      anche il neonato e persino la madre che lo ha generato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace