Sgominata in Venezuela la banda dei terroristi e mercenari colombiani

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha sottolineato che l’operazione di polizia condotta dalle forze di sicurezza è riuscita a contrastare i piani, finanziati dalla Colombia, per destabilizzare il Venezuela.

” Abbiamo appena ottenuto un grande successo nella lotta contro le bande criminali, terroristi, formate, finanziate e armate dai paramilitari colombiani “, ha sottolineato il presidente durante un atto pubblico tenutosi questo sabato a Caracas, la capitale.

Maduro ha così fatto riferimento all’arresto di tre paramilitari colombiani, che fanno parte della banda criminale ‘Koki’, responsabile dei violenti fatti avvenuti a Caracas, la capitale venezuelana.

In questo senso, il presidente chavista ha bollato il governo colombiano come “mafia narco-terrorista” e ha denunciato che oltre a “minacciare” i confini del Paese, Bogotà è già diventata “una macchina per l’esportazione di mercenari e assassini” per generare caos nella zona. Non si contano i paesi dove la Colombia (su mandato di Washington) invia i suoi mercenari, dal Venezuela ad Haiti ed allo Yemen.
Sulla stessa linea, Maduro ha assicurato che, dietro le trame dei paramilitari colombiani, c’è il leader dell’opposizione venezuelana Leopoldo López, che “personalmente” guida questi gruppi dalla Spagna per porre fine al chavismo.

Il presidente ha anche annunciato che prima o poi la polizia e le forze militari del Venezuela troveranno i capi paramilitari delle bande che hanno colpito la tranquillità della gente nelle comunità del sud di Caracas.

Il presidente venezuelano ha sottolineato che le misure coercitive della Colombia non si limitano al caso di Caracas, poiché secondo le rivelazioni, diversi autori dell’assassinio del presidente di Haiti, Jovenal Moise, sono colombiani. Il presidente colombiano, Iván Duque, “lo sapeva e deve ammetterlo”, sottolinea. .

Questa posizione disumana, ha aggiunto Maduro, rivela che “la più grande minaccia per l’America Latina e i Caraibi è la mafia che è al potere in Colombia”, ha avvertito.

Da mercoledì scorso, gruppi criminali hanno organizzato scontri e sparatorie nel settore popolare noto come Cota 905 della capitale, e la violenza si è diffusa a sud ea ovest della città. I criminali avevano innescato sparatorie ed esplosioni nella zona, tenendo sotto controllo e terrorizzando i residenti dei quartieri El Paraíso, La Vega ed El Cementerio.

Arresto di mercenari colombiani in Venezuela


Dopo l’operazione delle forze di sicurezza i gruppi dei terroristi sono stati neutralizzati e sequestrate armi da guerra e munizioni. Le forze di polizia e della Guardia Nazionale continuano a presidiare la zona per prevenire atti di delinquenza degli antisociali e garantire la tranquillità dei quartieri della capitale.

Nota: Vari residenti della città di Caracas rimproverano il governo per non aver iniziato da tempo prima a mostrare la mano dura contro i gruppi di delinquenti che infestano la città di Caracas. Ci vogliono posti di blocco fissi e strutture di controllo diffuse nei vari quartieri per prevenire le attività dei delinquenti che si dedicano agli assalti armati ed alle rapine ai danni di cittadini ed esercenti. In molti si augurano che scenda in campo la Forza Armata Nazionale Bolivariana (FANB) per assicurare l’ordine in città e nei dintorni.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

12 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 09:00h, 11 Luglio Rispondi

    cocaleri yankee

  • Giorgio
    Inserito alle 09:23h, 11 Luglio Rispondi

    Tribunali popolari, legge marziale e pena di morte contro i killer mercenari di Cia e Pentagono ……

    • atlas
      Inserito alle 10:36h, 11 Luglio Rispondi

      non solo, la resistenza al male violento e criminale democratico non si fa certo con omofili, pederasti e pedofili, ONORE agli UOMINI della Milizia Popolare Socialista bolivariana venezuelana. Quì invece abbiamo i trans e i sinistri Zan del PD, leggete cosa scrive ‘la Repubblica’ delle banane: “elezioni in Moldova, così Maia Sandu vuole sbarazzarsi dei filo-russi” https://www.repubblica.it/esteri/2021/07/11/news/elezioni_in_moldova_cosi_maia_sandu_vuole_sbarazzarsi_dei_filo-russi-309841417/?rss&ref=twhr scommetto che chi si abbona alle saune frequentate da omofili sono gli stesi che lo fanno anche dando soldi a pubblicazioni giudeo democratiche come questa, ‘la stampa’, ‘il foglio’ …… credo abbiamo il sacrosanto diritto, almeno su un sito di controinformazione, di non essere disturbati da troll omofili, pederasti e pedofili, sei d’accordo (non metto neanche il punto di domanda)

      • cherubbo
        Inserito alle 11:26h, 11 Luglio Rispondi

        AL Tabari, uno dei più grandi commentatori delle biografie è gli Hadith (racconti) di Maometto, disse che niente, Niente, contraddice il fatto che aisha fu sposata a 6 anni e stuprata a 6 anni.
        Aisha era una bambina, è lei stessa a dirlo in Ṣaḥīḥ al-Bukhārī Libro 58 Hadith 234.
        In Ṣaḥīḥ al-Bukhārī Volume 8, Libro 73, Numero 151 è scritto che Aisha voleva giocare con le bambole in presenza di Maometto.
        A me fanno piu’ schifo i pedofili.
        E cio’ non si puo’ negare perche’ significherebbe bestemmiare Il Ṣaḥīḥ di al-Bukhārī,e quindi dire che questa raccolta di hadith contiene falsità. Attenzione che Allah si arrabbia, poi va a finire che non ti da’ nessuna vergine in paradiso.
        Hai il coraggio di dare dei pedofili alle persone normali ma non sei capace di analizzare criticamente la tua religione.

        • atlas
          Inserito alle 11:48h, 11 Luglio Rispondi

          cambiamo strategia. Non diamo da mangiare ai troll democratici (non rispondiamogli nel merito dei loro commenti contrari all’orientamento sovranista del sito). E’ Luciano Lago che li deve definitivamente cancellare tutti, il sito è il suo. Finchè non lo fa è uno che dimostra solo di scrivere chiacchiere (democrazia)

          • Giorgio
            Inserito alle 20:06h, 11 Luglio

            Mi associo alla strategia che proponi Atlas ….. basta dare spago alla feccia provocatrice ……

      • Serio
        Inserito alle 15:28h, 11 Luglio Rispondi

        Ehi DEFICIENTE, finalmente ti hanno smascherato e adesso sei senza argomenti ,e inserisci il disco rotto.
        Fino a qualche tempo fa facevi il grosso assieme a Karminuzzo, passato forse alle patrie galere.???.e ti devi sentire fortunato che ti sei fermato altrimenti avrebbero accompagnato amche te assie al tuo amichetto

        • xande
          Inserito alle 18:04h, 11 Luglio Rispondi

          e con moderato intendo falso.
          Amici carissimi che ancora perdono tempo qui statemi bene

        • atlas
          Inserito alle 19:33h, 11 Luglio Rispondi

          cambiamo strategia. Non diamo da mangiare ai troll democratici (non rispondiamogli nel merito dei loro commenti contrari all’orientamento sovranista del sito). E’ Luciano Lago che li deve definitivamente cancellare tutti, il sito è il suo. Finchè non lo fa è uno che dimostra solo di scrivere chiacchiere (democrazia)

        • atlas
          Inserito alle 02:40h, 12 Luglio Rispondi

          cambiamo strategia. Non diamo da mangiare ai troll democratici (non rispondiamogli nel merito dei loro commenti contrari all’orientamento sovranista del sito). E’ Luciano Lago che li deve definitivamente cancellare tutti, il sito è il suo. Finchè non lo fa è uno che dimostra solo di scrivere chiacchiere (democrazia)

        • xande
          Inserito alle 13:10h, 13 Luglio Rispondi

          E si cretino di un clown talmente patetico da mettersi per nome SERIO.
          Carminiello e’ finito in galera,nella stessa cella col tuo papi il quale indossava una parrucca e faceva la parte della femmina.
          Potresti andare a trovarlo ogni tanto,piange sempre,dice che gli manchi.
          Parlando di amichetti che fine ha fatto quello omofilo di Giannattsio?
          Potete giocare alla cavallina insieme:tu,lui e il tuo papi.

  • mario
    Inserito alle 13:20h, 11 Luglio Rispondi

    devono essere passati subito per le armi questi assassini al soldo di ebrei anglo americani
    w venezuela…………………………siempre

Inserisci un Commento