Sfidando gli Stati Uniti, la Cina aumenta gli acquisti di greggio iraniano e venezuelano

placeholder

La Cina ha aumentato le importazioni di petrolio dall’Iran e dal Venezuela, ignorando le sanzioni statunitensi, afferma un media statunitense.
Secondo i dati forniti venerdì dal Wall Street Journal (WSJ), il colosso asiatico ha moltiplicato drasticamente le sue importazioni di petrolio da Iran e Venezuela, mettendo a dura prova la politica dell’amministrazione statunitense Joseph Biden.

La Cina dovrebbe importare 918.000 barili al giorno di petrolio iraniano a marzo, che sarebbe il volume più alto dalla reimposizione di sanzioni da parte di Washington a Teheran due anni fa, in seguito all’uscita degli Stati Uniti dall’accordo nucleare iraniano. Secondo la società di analisi Kpler, citato da WSJ .
Inoltre, il fornitore di dati finanziari di Londra, Refinitiv, rileva la crescita degli acquisti di petrolio della Cina dal Venezuela, nel mezzo di un forte regime di sanzioni statunitensi contro questo paese sudamericano.

In questo contesto, l’Amministrazione Biden ha aperto la possibilità che gli Stati Uniti tornino al Comprehensive Plan of Joint Action (PIAC o JCPOA, per il suo acronimo in inglese) – nome ufficiale dell’accordo nucleare del 2015 -, da cui è uscito nel 2018 , durante il mandato di Donald Trump, ma ha posto una serie di condizioni. Teheran afferma che non accetterà mai di rinegoziare quanto concordato nel PIAC e che l’unica cosa che può salvare questo accordo è la totale eliminazione delle sanzioni USA.

Nel frattempo, Teheran e Caracas, due alleati strategici, hanno rafforzato i loro legami di fronte agli embarghi statunitensi. La Repubblica islamica dell’Iran ha inviato cinque petroliere caricate con 1,53 milioni di barili di benzina e additivi in ​​Venezuela nel maggio 2020, e ha continuato a inviare altri carichi di greggio per alleviare la grave carenza di benzina a seguito della paralisi per le sanzioni statunitensi (che hanno bloccato le raffinerie del Venezuela).

Fin dall’inizio, la Cina, il principale consumatore di petrolio dell’Iran, si è opposta alle sanzioni unilaterali degli Stati Uniti contro l’Iran e ha affermato che continuerà ad acquistare idrocarburi iraniani nonostante le pressioni di Washington.

Arrivo petroliere iraniane in Venezuela

Allo stesso modo, le autorità cinesi hanno respinto le critiche di Washington per i suoi legami con Caracas e hanno ricordato che le relazioni bilaterali tra Cina e Venezuela sono una questione bilaterale che non riguarda nessun altro.


Nota: Il fallimento della politica delle sanzioni rende Washington impotente di fronte al peso economico della Cina che si dimostra in grado di sostituire da sola una buona parte degli acquisti di greggio degli altri paesi. Inoltre la Cina invia forniture alimentari, generi di prima necessità e medicinali ai paesi che sono sotto embargo da parte degli Stati Uniti. L’assedio per fame di cui soffrono paesi come il Venezuela, Cuba, la Siria, viene rotto dalle esportazioni della Cina che, in questo modo si assicura la gratitudine dei governi di questi paesi e tale politica consente alla Cina di allargare il cerchio della sua influenza. In definitiva la politica delle sanzioni si ritorce contro chi la utilizza come arma.

Fonti: Hispan Tv Wall Street Journal

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM