Seymour Hersh: “Sono tutte bugie. La guerra è finita. La Russia ha vinto”.

Di Richard Abelson e Seymour M. Hersh
Con l’avvicinarsi dell’anniversario del presunto sabotaggio del gasdotto Nord Stream da parte del regime Biden, il 26 settembre, il giornalista investigativo veterano Seymour Hersh ha accusato una “operazione segreta di disinformazione” della CIA e dell’MI-6 per aver ingannato il pubblico sullo stato disastroso dello sforzo bellico guidato dagli Stati Uniti.

La guerra è finita. La Russia ha vinto. Non c’è più alcuna offensiva ucraina, ma la Casa Bianca e i media americani devono continuare a mentire”, ha detto a Hersh un alto funzionario dell’intelligence statunitense.
“La verità è che se all’esercito ucraino venisse ordinato di continuare l’offensiva, l’esercito si ammutinerebbe. I soldati non sono più disposti a morire, ma questo non si adatta alle sciocchezze scritte dalla Casa Bianca di Biden.

Con l’avvicinarsi del primo anniversario della distruzione del gasdotto Nord Stream martedì prossimo, Hersh ha promesso ulteriori rivelazioni dopo la sua feroce denuncia dell’8 febbraio sul presunto complotto del regime Biden per commettere il più grande atto di sabotaggio industriale dalla Seconda Guerra Mondiale – contro un alleato, la Germania.

Mentre Volodymyr Zelenskyj faceva il giro delle Nazioni Unite e di Washington, Hersh ha scritto che la sua fonte di intelligence gli aveva detto che “la guerra continua… perché Zelenskyj insiste che debba andare avanti”.

“Nel suo quartier generale o alla Casa Bianca di Biden non c’è alcuna discussione su un cessate il fuoco e nessun interesse per i colloqui che potrebbero portare alla fine del massacro”, ha detto Hersh.

Biden con Zelenskij

Parlando delle affermazioni ucraine sulla lentezza dei progressi in un’offensiva che ha causato circa 75.000 vittime, il funzionario ha detto a Hersh: “Sono tutte bugie”.
C’è stata una “operazione segreta di disinformazione” da parte della CIA e dell’intelligence britannica mirata a screditare Putin, ha scritto Hersh, che ha portato “i principali media qui e a Londra a riferire che il presidente russo soffriva di varie malattie che includevano disturbi del sangue e un cancro grave.”

Durante la tanto attesa offensiva primaverile ucraina, “ci furono alcune prime penetrazioni” della “Linea Maginot” pesantemente fortificata dei russi, ha detto la fonte a Hersh, “e i russi si ritirarono per risucchiarli. E furono tutti uccisi”.

Dopo settimane di elevate perdite e scarsi progressi, insieme a terribili perdite di carri armati e veicoli blindati”, ha detto la fonte, “elementi importanti dell’esercito ucraino, senza dichiararlo, hanno praticamente annullato l’offensiva”, riferisce Hersh. “I due villaggi che l’esercito ucraino ha recentemente affermato di aver catturato” sono così piccoli che potrebbero stare tra due cartelli Burma-Shave”, ha detto la fonte.

L’”ostilità neoconservatrice verso la Russia” del regime Biden-Obama aveva causato “una divisione significativa nella comunità dell’intelligence”, scrive Hersh, citando un “disaccordo di lunga data tra la CIA e altri elementi della comunità dell’intelligence sulla prognosi dell’attuale guerra nel paese”. Ucraina.”

La CIA è stata “molto più scettica rispetto ai suoi omologhi della Defense Intelligence Agency (DIA) sulla prospettiva di un successo dell’Ucraina”, osserva Hersh, cosa che, secondo lui, i media americani hanno ignorato.

Parlando all’ONU questa settimana, il presidente Biden ha ignorato il disastroso fallimento dell’offensiva ucraina da un miliardo di dollari, mentre Zelenskyj si è rifiutato di prendere in considerazione i negoziati di pace e ha continuato a chiedere più soldi e armi.

In un’intervista con The Economist , Zelenskyj ha lanciato una velata minaccia ai paesi europei che avevano accolto milioni di rifugiati ucraini, secondo Hersh, dicendo che i rifugiati si erano “comportati bene”. . . e sono grati”, ma “non c’è modo di prevedere come reagirebbero all’abbandono del loro Paese”.

Non era altro che una minaccia di insurrezione interna”, ha scritto Hersh.

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

*

8 commenti su “Seymour Hersh: “Sono tutte bugie. La guerra è finita. La Russia ha vinto”.

  1. Articolo che condividerei se avessi i social , ma questi servono solo per litigare on fannulloni seriali o rabbiosi senior obnubilati dalle tv ; del resto è un premio Pulitzer , non certo uno che scrive (male) per Rai news , Ansa , adnkronos , CorSega lastampa etc etc…P.S. direte che c’è Telegram , Youtube ma son logiche da setta , da carbonari l’informazione deve essere senza censure e non trincerata in torri….

  2. Potrebbe essere disinformazione, la NATO sta puntando ad allargare la guerra, Biden tra poco sarà in Asia centrale per sobillare i paesi della regione ad attaccare alle spalle Russia e Cina, sta anche cercando di vendere degli F-16 al Vietnam per satellizzarlo e fargli attaccare la Cina.
    Possono sembrare mosse disperate, ma con psicotici come Blinken e la Nuland cinesi e russi possono aspettarsi di tutto.

  3. Google news , yahoo , msn e in genere i social o le piattaforme digitali di Microsoft sono ad appannaggio della guerra informatica degli scagnozzi della Nato , ovvio.
    Kiev – Mediaset, Ansa , Rai news – ” Decapitat la flotta del mar Nero” ; “Uccisi minimo tre generali russi del comando dell’edificio attaccato” ; questo è il tenore delle notizie che ci vengono propagate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM