Seymour Hersh: “Biden si è lanciato sull’Ucraina” perché “vuole essere rieletto”


Il giornalista ritiene che Bill Clinton abbia imparato a trarre vantaggio dalla guerra “nei giorni peggiori della sua presidenza”, quando bombardò l’Iraq nel 1993.
Il noto giornalista e investigatore americano Seymour Hersh sostiene in un’intervista al programma RT ‘Direct Impact’ che il conflitto in Ucraina è vantaggioso per il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, dal momento che “vuole essere rieletto” alle elezioni presidenziali di 2024.

“Ci sono molti problemi nel Paese che [Biden] non sta affrontando. E per i presidenti, la guerra è sempre un grande vantaggio. Quando vai in guerra, vinci molti punti , sempre”, dice Hersh. Inoltre, ricorda che il presidente degli Stati Uniti “non ha il pieno controllo” ed “è stanco”.
In questo contesto, il premio Pulitzer ricorda che Bill Clinton, presidente degli Stati Uniti dal 1993 al 2001, “lo ha imparato nei giorni peggiori della sua presidenza, quando sono iniziati i bombardamenti sull’Iraq”.

Secondo Hersh, Clinton “ha ricevuto molte critiche” e ha bombardato la capitale irachena Baghdad nel 1993. “Era la prima volta che gli Stati Uniti attaccavano una grande città del Medio Oriente. Il giorno dopo, domenica, [Clinton] ” Va in chiesa. L’attentato è avvenuto sabato. Va in chiesa ed è un eroe . I giornalisti gli si avventano addosso. Ascoltano ogni sua parola”, ricorda.

Il giornalista ha sottolineato che “è così che funziona questo meccanismo” per approfittare della guerra, motivo per cui —sottolinea— Biden si è “lanciato contro l’Ucraina” e “farà tutto il possibile per mantenerla”.
Seymour Hersh ha scioccato il mondo con le sue rivelazioni su chi c’è dietro la distruzione degli oleodotti del Nord Stream. In questa puntata di ‘Direct Impact’, il leggendario giornalista rilascia un’intervista esclusiva a Rick Sanchez per parlare della sua indagine sul sabotaggio perpetrato contro quell’importante infrastruttura energetica. In essa, Hersh fornisce una ripartizione del suo lavoro e racconta alcuni dei dettagli sinistri che ha scoperto.
Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, non ha pensato alle conseguenze, quando ha dato l’ordine lo scorso anno di far saltare i gasdotti Nord Stream a causa dello stallo del conflitto in Ucraina, dice il noto giornalista Seymour Hersh in un intervista con il programma ‘Direct Impact’ di RT.
Non credo che Biden abbia pensato alle conseguenze. È odio per la Russia, per il comunismo”, suggerisce Hersh.

Esplosione Gasdotto Nord Stream


Effetto boomerang delle sanzioni
L’intervistato ritiene che la Casa Bianca “non stia andando bene” con la sua strategia nei confronti dell’Ucraina. “E nemmeno le sanzioni hanno funzionato . McDonald’s potrebbe aver lasciato la Russia, ma vendono ancora hamburger. E il paese non è al verde. Le persone vivono ancora . Sono sicuro che la loro economia ha subito un duro colpo “Non guadagnano gli stessi soldi. Ma vanno avanti. Vendono benzina”, osserva.
In questo senso, sottolinea che le restrizioni anti-russe hanno avuto un effetto boomerang sulle economie occidentali, di fronte a livelli di inflazione “invisibili”, mentre le famiglie e le imprese devono fare i conti con bollette elettriche elevate.

“Cercano di cavarsela con il gas naturale liquefatto che non viene prodotto in quantità sufficiente e costa tre o quattro volte di più . Non fanno abbastanza per riscaldare le persone. E non solo in Germania, ma in tutta l’Europa occidentale”, sottolinea. .
Fai saltare in aria il Nord Stream per fare pressione sull’Europa
Nell’intervista, Hersh ribadisce la sua versione secondo cui i sommozzatori della Marina americana hanno compiuto gli atti di sabotaggio sui gasdotti, pur sostenendo che se l’Occidente volesse svolgere una vera indagine, otterrebbe la risposta ” in pochi giorni “.

Il giornalista insiste sul fatto che Biden abbia ordinato gli attacchi mesi dopo che gli esplosivi erano stati collocati sotto i gasdotti durante le esercitazioni della NATO, perché temeva che il sostegno europeo a Kiev potesse indebolirsi.

“La migliore ipotesi a cui riesco a pensare (le persone coinvolte in questo erano molto deluse) è che avesse paura che l’Europa iniziasse ad allontanarsi , specialmente i tedeschi. Dopo la seconda guerra mondiale i tedeschi non sono molto interessati. nell’avere un grande esercito. E chiedono loro di produrre più carri armati”, puntualizza.

In questo contesto, Hersh attacca il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, perché “non ha fatto nulla per impedire” l’esplosione del Nord Stream 1 e 2. Il giornalista sottolinea che “non è chiaro” se l’amministratore delegato tedesco fosse consapevole di chi ha fatto saltare le condutture, ma “sicuramente non era tra quelli che chiedevano un’indagine “.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM