"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Sempre più stretti i vincoli tra Mosca e Teheran

I presidenti di Iran e Russia, Hasan Rohani e Vladimir Putin, rispettivamente hanno riaffermato l’impegno comune dei loro paesi per potenziare le relazioni strategiche e incentivare la loro cooperazione in tutti gli ambiti, tanto a livello regionale che internazionale.
“Lo stretto rapporto di collaborazione strategica fra la Russia e l’Iran contribuisce a rafforzare la stabilità e la sicuirezza della regione, tanto in Medio Oriente ed in Asia Minore come nel resto del mondo”, ha sostenuto il presidente Rohani durante la riunione che si è svolta ad ANKARA.

Durante il vertice fra Iran Russia e Turchia il mandatario persiano è apparso soddisfatto dell’attuale livello di cooperazione fra Russia e Siria ed ha affermato che la cooperazione andrà espandendosi non soltanto al settore militare ma anche a quello economico.
Il capo del governo iraniano inoltre ha richiamato sulla necessità di incrementare le consultazioni per la situazione della Siria dove Russia e Iran sono entrambe impegnate a sradicare il terrorismo alimentato dall’esterno ed a riportare in quella nazione la stabilità e la pace difendendo l’integrità del paese.

In particolare occorre accelerare il processo di ritorno alle loro case dei rifugiati siriani che possano contribuire alla ricostruzione del paese e che siano loro, il popolo siriano, a decidere del futuro del loro paese senza le interferenze delle potenze esterne.

Anche Putin ha concordato sulla necessità di rinsaldare il rapporto strategico e la cooperazione fra i due paesi, Iran e Russia, in particolare nel campo economico e dell’energia dove esiste una grande potenzialità. La Russia è decisa ad investire in Iran essendo questo un grande paese in sviluppo il cui ruolo deve essere rispettato da tutte le nazioni del mondo, ha sottolineato Putin.

Nota: La cooperazione ed il rapporto strategico della Russia e l’Iran non sono una buona notizia per Israele e per gli USA, interessati da tempo a destabilizzare i paesi del Medio Oriente che non sono conformi agli interessi di Washington e di Tel Aviv.

Le minacce di aggressione contro l’Iran continuano da parte dell’establishment israeliano che manifesta rabbia per il ruolo essenziale di appoggio che questo paese ha fornito all’asse delle resistenza (Siria-Hezbollah) che ha bloccato i piani egemonici di USA Israele nel Medio Oriente.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. La soluzione 2 settimane fa

    L’unica soluzione per evitare una guerra inutile con gli americani e Israele. Bisogna costruire non distruggere. Se l’iran non deve avere l’atomica perche Israele la può avere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio franceschini 2 settimane fa

    Capisco Iran e Russia per carità e se riusciranno a fermare la mattanza siriana va tutto bene ma il ruolo della Turchia nell’aggressione alla Siria non è secondo a nessuno. Le responsabilità dirette e indirette di erdogan sono forse quelle principali nella catastrofe siriana e non riconoscerlo vorrebbe dire venir meno a quel proverbio arabo che fa da motto al sito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 2 settimane fa

      merdo can deve morire presto e con lui tutti quelli del suo partito di merdogan

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabio franceschini 2 settimane fa

    Invece io penso che per Israele non sia una notizia così brutta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. geometrio ellittico 2 settimane fa

      Esatto. Che finalmente ci sia un limite da entrambe le parti. Le persone in quei territori nn possono che avantaggiarsene. Certo che Israele deve cambiare la testa che comanda. Ci vorrebbe una rivoluzione colorata in Israele. Certo che vorrebbe dire distruggere il potere sionista in usa. Anche li ci vorrebbe una rivoluzione colorata. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 2 settimane fa

        ‘rivoluzioni colorate in usa’ e usrahell (che non esiste) ? Ma che ci fai in questo sito … ma vai a zappare

        e non scrivere che sei originario delle due Sicilie, siamo in fase di ristrutturazione e ci stiamo liberando delle cose inutili

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. pierovalleregia 2 settimane fa

          … zappare è un’arte, non ci si può mandare nessuno così, su due piedi, senza preparazione alcuna …
          un saluto
          Piero e famiglia

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. atlas 2 settimane fa

            hahahaha vero

            e allora dove lo mandiamo…giusto a Lourdes

            Mi piace Non mi piace
        2. geometrio ellittico 2 settimane fa

          Che Beh tu non capisca il senso è cosa certa. Proverò con un ragionamento semplice, senza i sotto inteso.cito,e non a caso, Rivoluzione colorata , per evidenziare una necessità di simmetria tra ciò che fanno i servizi segreti aglosionisti nella regione mediorientale e, i servizi segreti della fazione opposta. Eppure nn me lo sarei aspettato da te.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Walter 2 settimane fa

        Non è poi così improbabile; il portavoce della polizia israeliana, Michy Rosenfeld, ha raccolto sufficienti prove per incriminare Netanyahu per diversi casi di corruzione e non vede l’ora di sbatterlo dietro le sbarre. Potrebbe esserci una svolta epocale in Israele, con un cambio dei vertici di potere e di politica interna e internazionale. I cittadini israeliani sono arcistufi di farsi governare da un manipolo di mafiosi corrotti e guerrafondai.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. geometrio ellittico 2 settimane fa

          Bene, i primi a dover volere il cambiamento devono essere gli israeliani. Senza la parte sana della società civile si corre verso la distruzione. Vedremo se ci daranno una mano e dimostreranno che possono coincidere pacificamente con tutti i popoli. La saluto walter

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mardunolbo 2 settimane fa

            Il probkema in Israele, secondo quanto scrive israel Shamir, e’ che dopo Netanyahu, vi sarebbero pronti altri, ben peggiori di lui !

            Mi piace Non mi piace
  4. claudio 2 settimane fa

    Eccolo qua quello che accusa me di lanciare missili terra terra… ora me li faccio io i cazzi tuoi. Piantala di abbaiare agli utenti, specialmente a quelli a cui tu non arrivi nemmeno alle dita dei piedi. Vivi e lascia vivere wahabita dei centri sociali..
    per piero: carissimo, credi che il mussulmano wahabita dei centri sociali possa aspirare almeno a spaccare le pietre?? Ha già una grossa esperienza nello spaccare i coglioni.. che ne dici?? Sii buono.. 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 2 settimane fa

      e ci sono ex cc che hanno spaccato teste (di minkia) anche…di genovesi soprattutto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. claudio 2 settimane fa

        A quegli ex cc spaccheremo il culo, non credere di essere esente dalla giustizia Divina..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. atlas 2 settimane fa

          scrivi sempre di plurali perché da solo non riusciresti nemmeno a starmi di fronte ? Se ti prendo io lo faccio da solo e se sei con altri non giro certo le spalle jean claudio van damme. Hai ragione che non mi conosci, ma sappi che non scherzo, neanche da qui. Appena so di qualche evento che m’interessa t’invito e ti scriverò dove e a che ora con precisione, le scarpe da ginnastica le ho pronte.

          Certe persone cristiane genovesi devono imparare a rendersi conto di cosa è un Musulmano Sunnita Siciliano quando giura su Dio

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. claudio 2 settimane fa

            Conosci il plurale maiestatis?? Eppoi te e il tuo dio sai dove potete andarvelo a prendere?? Ecco, bravo, proprio li.. te, il tuo dio e tutte le zecche wahabite dei centri sociali come te.
            sai dove trovarmi ma non sei così stupido da venirci…

            Mi piace Non mi piace