Sempre più stretta l’alleanza strategica e la cooperazione fra Russia e Cina


Putin e Xi Jinping hanno una relazione di “tipo speciale”

di Stanislav Tarasov

L’ambasciatore russo presso la Repubblica popolare cinese Andrei Denisov ha riferito a una conferenza stampa a Pechino sulla prossima visita del presidente russo Vladimir Putin in Cina per partecipare al secondo forum “One Belt, One Way”. Denisov ha detto che in realtà questa visita sarebbe stata un vertice bilaterale , dal momento che ci sarà un incontro del capo dello stato russo con il presidente della RPC Xi Jinping .
Denisov ha notato che lui stesso ha tenuto, insieme ai suoi colleghi cinesi, uno speciale calcolo del numero di incontri tra i leader di Russia e Cina. Si è scoperto che il prossimo sarà il 28 °incontro di fila. Inoltre, secondo l’ambasciatore, “quest’anno Putin e Jinping avranno almeno quattro contatti nel solo mese di giugno”. Come previsto, entrambi i leader si incontreranno all’inizio di giugno come parte della visita ufficiale del presidente in Russia, dopo di che nei settori del vertice dei paesi SCO, del vertice sull’interazione e misure di rafforzamento della fiducia in Asia, e anche al vertice del G20.

In effetti, ogni riunione dei leader di Russia e Cina è unica per natura e contenuto. Ricordiamo che nel 2013, dopo che Jinping prese il posto di presidente della Repubblica popolare cinese, il presidente russo fu il primo capo di un paese straniero che ebbe una conversazione telefonica con il leader cinese, e la Russia fu il primo paese straniero che Jinping visitò durante una visita di stato, aprendo con successo una “nuova” pagina “nello sviluppo delle relazioni bilaterali.
Parlando in termini generali, invariabilmente agli incontri dei leader, viene presa in considerazione l’intera gamma di questioni della partnership russo-cinese. Naturalmente, allo stesso tempo, le parti si scambiano opinioni su questioni internazionali chiave. Ma questo accade con i leader di altri paesi con cui Mosca ha sviluppato e sta sviluppando relazioni strategiche di partnership. Pechino è un caso speciale perché, come è stato detto all’autore da alti funzionari del ministero degli Esteri cinese, tra Putin e Jinping si è sviluppato una speciale forma di relazione di fiducia politica. “Puoi essere sicuro che se siamo d’accordo su qualcosa con il Presidente Jinping, poi per parte mia – e so che per parte mia – stiamo sempre cercando di adempiere ai nostri obblighi”, ha detto Putin.

A questo proposito, l’agenzia cinese Xinhua ,che ha specificamente toccato questo argomento in uno dei suoi editoriali, ha osservato che “le relazioni tra i due statisti di Russia e Cina sono” relazioni uniche “, sottolineando le intenzioni dei nostri paesi di consolidare e approfondire il partenariato strategico e globale a lungo termine.
Questo, secondo l’agenzia, “consente ai leader dei due paesi di” condividere liberamente le opinioni dettagliate su importanti questioni di reciproco interesse, a volte anche senza riferimento a specifiche trame a breve termine, che sono spesso sollevate dalla politica mondiale “. E spesso accade che a volte una riunione della durata di mezz’ora si estende per tutte le tre o quattro ore, quando le parti hanno bisogno di “controllare l’orologio”. Testimoni oculari diplomatici affermano che l’amicizia si manifesta non solo negli appelli dei leader tra loro,

Il risultato: le relazioni tra i due paesi si stanno sviluppando secondo la formula “paesi amici – partenariato costruttivo – interazione strategica e partnership – relazioni complete di interazione strategica e partnership”. Questo nonostante il fatto che i due paesi non abbiano un accordo speciale sul partenariato strategico.
Ciononostante, i legami tra i due paesi in tutte le aree, che vanno dalla cooperazione militare, economica e commerciale, agli scambi umanitari e alla conclusione con importanti affari internazionali, sono su un aumento senza precedenti. L’anno scorso, il fatturato commerciale tra la Russia e la Cina ha raggiunto livelli record di $ 107 miliardi e sono in corso di attuazione progetti di energia congiunta su larga scala e altri progetti.
Tutto questo, naturalmente, influisce sull’equilibrio di potere nella politica mondiale, dove Russia e Cina si comportano come poteri responsabili, protagonisti della sicurezza globale. Ma non è solo quello. Xinhua crede che “le relazioni bilaterali e i leader dei nostri stati e dei nostri popoli abbiano non solo una dimensione politica e commerciale-economica, ma anche un’alta dimensione spirituale”.

Guardia d’onore cinese per Putin

In questi giorni, l’ambasciata russa nella RPC sta vivendo una vita intensa. I diplomatici e l’ambasciatore Denisov tengono personalmente numerosi incontri con le loro controparti cinesi, i capi di molti ministeri e dipartimenti, risolvendo questioni e coordinando incontri e contatti dei rappresentanti russi in Cina, che saranno presentati parecchio questa volta. “Sfortunatamente, il programma corto del soggiorno del nostro presidente a Pechino non gli permetterà di viaggiare in altre città della RPC, ma il programma di lavoro a Pechino sarà molto teso”, osserva il diplomatico russo.
Putin dovrebbe presentare un rapporto sulla cooperazione economica internazionale alla riunione del One Belt, One Road Forum. Il Presidente della Russia in Cina sarà accolto come l’ospite più onorato.
Nota: L’effetto più importante di questa alleanza strategica fra i due grandi paesi è quello di rompere l’Ordine Globale stabilito dagli USA sul mondo e di contrastare l’espansionismo militare e la politica di ricatti e sanzioni che Washington sta conducendo contro tutti i paesi che non si conformano con tale ordine. Il blocco Russia-Cina offre un supporto ed uno scudo di difesa a questi paesi sia nel settore militare che in quello economico, come stanno dimostrando le vicende dalla Siria, all’Iran ed al Venezuela. Questo rende nervosa l’elite di potere di Washington che è ormai consapevole di non essere più in grado di imporre il proprio ordine egemonico come avveniva nella decade degli anni ’90.

Traduzione e nota: Sergei Leonov

4 Commenti

  • atlas
    19 Aprile 2019

    questi sono gli articoli che piacciono a me

    non credo di disturbare se lo ripropongo ancora una volta, anche perché spiega tutto alla perfezione

    il fatturato commerciale tra la Russia e la Cina ha raggiunto livelli record di $ 107 miliardi ? Serviranno all’acquisto di oro fisico, nessuno vuole carta

    https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=425294391194905&id=100011430429759

  • eusebio
    20 Aprile 2019

    La dirompente potenza liberata dall’accordo tra queste due superpotenze è tale che le sfiatate oligarchie giudaico-anglofone a corto di capitali, armi e soldati (si sono ridotti a chiedere all’Italia di mandare qualche decina di uomini in Siria e alla Francia qualche decina di carri armati in Estonia, due paesi devastati dalla speculazione giudaica) contro di essa non possono niente, a loro basta stare sulla difensiva e aumentare la pressione sopratutto economica (fatta di costi della difesa ed altro) per mandarli a gambe all’aria.
    Le sanzioni e i dazi che gli impongono equivalgono a zanzare che danno addosso a degli elefanti.

  • Sed Vaste
    20 Aprile 2019

    Nessuno vuole LA carta ah ah ah ,mi sorprendo di lei atlas che gira il mondo , per il Dollaro creato dal nulla dagli Ebrei 9 persone su 10 si farebbero fiondare fin LA moglie venderebbero fin I propri figli , provi and are in giro in Un pawn shop ah ah ah ! con l’oro ah ah ah ! Vediamo cosa le danno Ah ah ah ! Ma voi dovete rimanere nei vostri paesini a pulire I’ll culo agli zebu ‘ ah ah ah!

    • atlas
      20 Aprile 2019

      io ? Meno giro e meglio sto. Se mi muovo oggi è solo per motivi precisi: religiosi e femminili

Inserisci un Commento

*

code