Segretario Generale della CSTO: l’alleanza militare eurasiatica è in grado di affrontare la Nato


di Mikhail Gamandiy-Egorov .

Secondo il Segretario generale della CSTO, l’espansione verso est della NATO alimenterà le tensioni regionali e non sarà in alcun modo una fonte di stabilità o sicurezza per i suoi Stati membri. Sempre secondo lui, le ostilità tra i due blocchi non potranno che peggiorare.

L’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (CSTO) ha tutte le possibilità per garantire la sicurezza ai paesi dell’Euroasia, ha affermato Stanislav Zas, segretario generale dell’organizzazione. Ha anche aggiunto che la CSTO rappresenta uno scudo efficace per i suoi Stati membri. Ricordiamo che l’organizzazione politico-militare è composta da Russia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Armenia e Tagikistan con adesione esterna della Cina.

Secondo lui, l’espansione a est dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico infiammerà le tensioni regionali e non stabilizzerà in alcun modo e fornirà sicurezza ai suoi paesi membri. Per quanto riguarda le prospettive dell’adesione di Finlandia e Svezia al blocco NATO, ciò non farà che aggravare le ostilità tra Russia e NATO.

Stanislav Zas ha anche ricordato che la CSTO è un’organizzazione internazionale che non è solo un blocco politico-militare, ma è anche un’organizzazione multifunzionale, che fornisce protezione contro altri tipi di minacce. Pur aggiungendo che l’organizzazione dispone di forze e risorse sufficienti, nonché di un sistema di risposta alle crisi: “La CSTO ha tutte le possibilità per fungere da garante della sicurezza dei nostri paesi e penso che siamo davvero un buon scudo per i nostri sei stati”, ha detto.

In termini di prospettive, queste dichiarazioni del Segretario Generale dell’Organizzazione del Trattato per la Sicurezza Collettiva confermano in effetti diversi aspetti. Il primo è che oggi assistiamo davvero ad una feroce opposizione tra l’Eurasia – che è diventata la principale forza trainante nella difesa e nella promozione dell’ordine multipolare internazionale – e l’Occidente – il cui insediamento continua a tentare di costringere la stragrande maggioranza del pianeta a un ritorno un ordine unipolare, antiquato e scomparso.

In questo senso, i processi attuali e futuri nel grande spazio eurasiatico assumono oggi una dimensione particolarmente importante. Sia nell’ambito di strutture come la CSTO, ma anche rispetto a grandi alleanze internazionali come la Shanghai Cooperation Organization (SCO) – composta da Russia, Cina, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan, Tagikistan, India, Pakistan, e presto L’Iran che diventerà anche membro a pieno titolo.

Da qui gli innumerevoli tentativi delle élite atlantiste di tentare di rallentare i processi in questione in Eurasia – non solo perché detto spazio rappresenta di per sé un enorme peso demografico, militare, economico-industriale e di civiltà, ma anche per l’influenza della crescente crescita di detto spazio in altre regioni del mondo, in particolare nella sua interazione con l’Africa, il Sud-est asiatico, il Medio Oriente e l’America Latina.

Infatti, e dopo gli eventi di questi mesi, l’Occidente non può più nascondere la realtà di essere solo un’estrema minoranza su scala mondiale e di non avere assolutamente alcuna legittimità nel poter parlare a nome di qualsiasi comunità internazionale. E questo nonostante gli innumerevoli strumenti ancora a sua disposizione per cercare di far credere il contrario. Un altro elemento da tenere in considerazione – visto come un pericolo estremo dall’establishment atlantista – non è altro che l’aumento del numero di persone nello spazio occidentale che rivendicano sempre più apertamente la multipolarità. Sono tutti coloro che non si ritrovano in alcun modo nelle delusioni delle loro cosiddette élite che si aggrappano alla fantasia di un’egemonia occidentale sul mondo, nella pura continuità di una mentalità coloniale.

In questo senso, è ovvio che le alleanze eurasiatiche e internazionali hanno un ruolo enorme da affermare per porre fine definitivamente ai sogni delle elite occidentali, affetti da nostalgia dell’unipolarità. Questo perché non soltanto il mondo multipolare – che è già una realtà accettata – ma anche l’era multipolare post-occidentale, è voluta ed attesa da miliardi di persone sul pianeta.

Fonte: Continental Observer

Traduzione: Gerard Trousson

1 Commento
  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:13h, 30 Maggio Rispondi

    Nato rivela sempre più propri intenti affatto difensivi… centri comando USA no riescono concepire altro che mondo sottoposto a propri voleri… a tal proposito usano in Europa fedeli cani compagnia UE per provocare in modi sempre più intollerabili grande orso russo…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Inserisci un Commento