Secondo l’audio trapelato, i soldati tedeschi pianificano attacchi al ponte di Crimea

Nell’audio gli alti funzionari della Bundeswehr menzionano anche che i loro colleghi americani e britannici “sono direttamente coinvolti nel conflitto” in Ucraina da molto tempo.

I servizi segreti russi hanno intercettato una comunicazione degli alti comandanti militari tedeschi in cui questi discutono come bombardare il ponte di Kerch , che collega la penisola di Crimea con la terraferma russa, come riferito dalla direttrice del gruppo RT Margarita Simonián .

Nella registrazione il ponte di Crimea non viene nominato direttamente, ma si parla piuttosto di “ponte orientale”, anche se geograficamente lì esiste solo un ponte strategico.

La conversazione registrata a cui fa riferimento Simonián ha avuto luogo il 19 febbraio 2024 tra diversi alti ufficiali delle forze armate tedesche (Bundeswehr). Si tratta in particolare dell’ispettore dell’aeronautica tedesca Ingo Gerhartz, del capo della direzione delle operazioni e delle esercitazioni del comando dell’aeronautica Frank Gräfe, nonché di altri due alti ufficiali militari.

Colonnello Frank Gräfe,

“Obiettivi interessanti”
Nell’audio l’ispettore dell’aeronautica tedesca Ingo Gerhartz discute con altri ufficiali la strategia per l’eventuale fornitura di missili da crociera Taurus nel contesto del continuo rifiuto del cancelliere Olaf Scholz di consegnare quelle armi a Kiev.

“Nessuno sa perché la cancelliera federale blocca queste forniture”, dice all’inizio dell’audio, suggerendo poi la consegna a Kiev di 100 missili di questo tipo in due lotti.

Esatto, questo non cambierà il corso delle ostilità. Ecco perché non vogliamo consegnarli tutti. E non tutti allo stesso tempo . Forse 50 nella prima tranche, poi, forse, ci sarà un’altra tranche di 50 missili”, ha spiegato.

“Ho imparato dai miei colleghi francesi e britannici che la situazione con i [missili] Storm Shadow e Scalp è simile a quella delle carabine Winchester. Potrebbero chiedersi: ‘Perché dovremmo fornire più missili se lo abbiamo già fatto, il che? Lo fa la Germania adesso?'”, dice Gerhartz nell’audio.

Durante la conversazione, un ufficiale del Centro delle operazioni aeree del Comando spaziale della Bundeswehr, soprannominato Frostedt, ha parlato di due “obiettivi interessanti” che l’esercito ucraino potrebbe attaccare: “il ponte a est e i depositi di munizioni superiori”.

“Il ponte a est è difficile da colpire, essendo un bersaglio piccolo, ma il Taurus potrebbe farcela e potrebbe colpire anche i depositi di munizioni”, dice.

“Non sto suggerendo l’idea del ponte, voglio semplicemente capire in modo pragmatico cosa vogliono . E cosa dovremmo insegnargli”, aggiunge.

Da parte sua, un altro soldato, soprannominato Fenske, ha espresso dubbi sulla capacità dei missili Taurus di infliggere gravi danni al ponte di Crimea. “Abbiamo lavorato intensamente su questo argomento e, sfortunatamente, siamo giunti alla conclusione che il ponte è come una pista di atterraggio a causa delle sue dimensioni. Pertanto, potrebbero essere necessari più di 10 o 20 missili. Riusciranno solo a fare un buco e danneggiare il ponte,” dice nella registrazione trapelata.

Nell’audio, alti funzionari della Bundeswehr (le forze armate tedesche) menzionano anche che i loro colleghi americani e britannici “sono direttamente coinvolti nel conflitto ucraino da molto tempo”, ha osservato Simonián sul suo canale Telegram.

Le chef d’état major de l’armée de l’air allemande le général Ingo Gerhartz

Cosa ne penserà Annalena Baerbock?”
Dopo aver riferito dell’esistenza di questo audio di 40 minuti, Simonián ha annunciato che si rivolgerà “con una domanda giornalistica ufficiale ” all’ambasciatore della Repubblica Federale di Germania, al suo ministro degli Esteri e cancelliere Olaf Scholz, che in precedenza avevano assicurato che la NATO non è e non parteciperà al conflitto ucraino.

“Come va interpretato in effetti? Non è ora che la Russia ricordi attivamente alla Germania come sono finiti i bombardamenti russi sui ponti per la Germania l’ultima volta ?”, ha chiesto il giornalista.

Ad una domanda su questa fuga di notizie, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov l’ha definita “sorprendente da un lato”, anche se “non dall’altro”.

“Sappiamo per certo che partecipano soldati della NATO che si travestono da mercenari o da altre persone non appartenenti alle forze armate dei paesi della NATO”, ha dichiarato durante il Forum diplomatico ad Antalya (Turchia).

In questo senso la portavoce del Ministero degli Esteri russo, María Zajárova, ha commentato la controversia in attesa delle reazioni politiche e mediatiche interne alla Germania.

“Chissà cosa ne penserà Annalena Baerbock. La stampa tedesca ha una buona ragione per dimostrare la sua indipendenza e porre domande. E la nostra stampa ha un argomento di attualità da discutere con l’ambasciata tedesca a Mosca”, ha scritto sul suo canale Telegram. .

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

12 commenti su “Secondo l’audio trapelato, i soldati tedeschi pianificano attacchi al ponte di Crimea

  1. Quindi stanno già individuando obbiettivi possibili per un attacco nato alla Federazione Russa … Quando scoppierà la guerra nucleare, voluta dagli ebrei che governano gli usa e dai loro servi europoidi? Abbiamo ancora due o tre mesi, oppure è addirittura imminente, questione di alcune settimane?

    Cari saluti

  2. Dopo due gasdotti colpiti dagli USA i tedeschi non hanno ancora capito che i nemici sono gli anglosassoni. I nemici anche di noi italiani , quelli che ci stanno rovinando l’economia sono gli angloamericani ; chi gradualmente ci ridurrà in miseria sono gli angloamericani, colpendo l’agricoltura, il patrimonio immobiliare e il risparmio degli italiani

    1. scholz e la sua banda di vigliacchi, nonché la merdoni e la sua banda di venduti sanno benissimo che il nemico dei popoli, delle nazioni e delle classi dominate sono proprio i loro “alleati”, ma continuano a servirli per mantenersi in posizione di sottopotere (sottopancia) e riempirsi il ventre di escrementi e di soldi.

      Mai visto una “classe politica” più vigliacca, leccapiedi e dannosa per centinaia di milioni, come accade oggi in Europa (possiamo escludere Fico e forse anche Orban), a meno di non fare il confronto con l’infame burocrazia europoide/ eurolager … Neanche il Quisling (Vidkun) era così baciachiappe nei confronti dei padroni.

      Cari saluti

  3. La Germania è sempre stata nemica della russia e dell’Europa bisogna collassarla una volta per tutte gli usa non l’hanno ancora capito dove c’è un tedesco c’è un nemico come gli israeliani.

  4. Riflettendoci bene la Russia non ha paura di alcune squadracce di cani sciolti. Addestratori, incursori, genieri, spie e sabotatori, che operano in Ucraina da anni. Giugno 2023, dopo qualche settimana dall’ arrivo dei Leopard2 sul campo di battaglia i russi ne distruggono uno con dentro tre carristi della bundesweir, con tanto di divisa ufficiale. Oltre a saperlo, i russi e d’ averne già le prove da tempo, i nazi
    non sono aumentati di molto se si fa eccezione per i mercenari polacchi. Ma quelli sarebbero in regola perché hanno doppio passaporto ucraino per parentela, quindi volontari. Ripeto Mosca non teme questa gente. Né le loro operazioni terroristiche a ponti o panetterie. Il ponte di Kerch è già stato bombardato due volte, nessuna guerra mondiale ancora. Putin ha paura solo di uno schieramento al completo nei suoi reparti (terra, aria, mare) di forza multinazionale Nato. Supportato dalla flotta atlantica del Nord di stanza nelle basi baltiche. Qualche decina di bravi per quanto preparati non potranno minimamente contrastarlo, né danneggiarlo nella sua Operazione Speciale. Ne scateneranno alcun che per ora. I Taurus tedeschi, tra l’ altro molto inferiori per potenza e gittata agl’ himars americani, falliranno come hanno fallito i razzi anglosassoni.

  5. Ovviamente se un impazzito scholz, o Macron, inviasse in Ucraina l’ esercito regolare, al gran completo forse una decina di battaglioni, la ritorsione con conseguente ingresso diretto nel conflitto sarebbe inevitabile. Compreso l’ uso d’ ordigni termonucleari. Ma lo ritengo altamente improbabile per svariati motivi.

  6. strano,,,,,i colleghi oltremare riescono a segare grattaceli da 500 metri con la pentrite e polverizzarli completamente alla velocità di caduta libera mentre loro passano ancora ai petardi.

    1. La penx o pentrite pare non sia applicabile ad ordigni lanciabili. Ne fanno un utilizzo principalmente cantieristico. In altre parole per farla detonare efficacemente va’ collegata a mano. Non a caso parlano di corde di penx. Se ci provassero i russi li catturerebbero od ucciderebbero immediatamente. Ormai Kerch è diventato un obbiettivo sorvegliatissimo. E poi conviene più vendere missili che esplosivo. Sakuti

  7. In Germania , cosi’ come in altre realta’ europee orientali e non , cova sotto le ceneri della seconda guerra mondiale un sottobosco di revanscismo nazista ansioso di prendersi qualche rivincita postuma . Ormai e’ piu’ che evidente , noi pigs , dovremmo lasciarli al loro destino , e non seguirli come stiamo facendo . Ovviamente in tutto questo a guadagnarci saranno i soliti , indovinate chi !

  8. La vera domanda è: quale sarà la città europea che verrà sacrificata in un attacco falsa flag di cui incolpare i russi? evento che porterà in guerra l’europa…..questa è la domanda: sarà una capitale europea? o una grande-media città? signori quando si entra in una fossa settica è inevitabile sporcarsi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM