Scott Ritter: L’offensiva israeliana contro Gaza si conclude con una sconfitta politica e militare

dal globo Sputnik

Israele e Hamas hanno esteso il cessate il fuoco mediato dal Qatar nella Striscia di Gaza che Tel Aviv aveva promesso non sarebbe mai avvenuto. L’ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite (ONU) ed ex marine statunitense Scott Ritter ha affermato che il risultato è stato una vittoria politica per il movimento di resistenza palestinese.

Secondo quanto riferito, Israele e il movimento di resistenza islamica Hamas, che governa l’enclave palestinese assediata, hanno concordato martedì di estendere di due o tre giorni il cessate il fuoco di quattro giorni mediato dal Qatar, Stato arabo del Golfo Persico.

Gli scambi di prigionieri dovevano continuare durante questo periodo, con Hamas che avrebbe rilasciato 20 israeliani fatti prigionieri durante i raid del 7 ottobre nel sud di Israele. Il numero dei palestinesi da rilasciare non è stato specificato, ma Israele aveva precedentemente rilasciato 180 donne e bambini dalle sue carceri in cambio di 61 civili israeliani e circa 20 stranieri detenuti da Hamas. Tutto si è però interrotto con la ripresa delle ostilità.

L’ex marine americano Scott Ritter ha detto a Sputnik che i bombardamenti e l’invasione di terra sono falliti se misurati “secondo gli standard di Israele”.

Egli ha sottolineato che Israele ha rifiutato qualsiasi proposta di cessate il fuoco dall’inizio dell’ultima escalation, il 7 ottobre, mentre Hamas ha proposto una tregua e uno scambio di prigionieri.

“ Questo è sempre stato l’obiettivo di Hamas ”, ha detto Ritter. “ Uno degli obiettivi dichiarati di Hamas era quello di convincere Israele a rilasciare le migliaia di palestinesi detenuti ”.

Il commentatore ha osservato che Hamas ha avanzato tre richieste politiche dopo aver lanciato l’operazione Al-Aqsa Storm: uno Stato per la Palestina, il rilascio dei prigionieri palestinesi dalle carceri israeliane e la fine delle incursioni dei coloni e della polizia israeliani nella moschea di Al-Aqsa in Gerusalemme – il terzo luogo più sacro dell’Islam e sotto la giurisdizione giordana.

“ Queste sono le tre grandi cose. Hamas è sul punto di raggiungere ciascuno di questi obiettivi ”, ha sottolineato Ritter. “ La guerra è un’estensione della politica con altri mezzi. Hamas sta vincendo politicamente ”.

D’altro canto, il conflitto è stato un disastro politico per il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu . Più di 16.000 palestinesi sono stati uccisi durante quasi due mesi di bombardamenti e incursioni di terra israeliane, con 35.000 feriti e 6.000 dispersi sotto le macerie delle case distrutte.

Il mondo si è rivoltato contro Israele. Israele è stato denunciato come uno stato criminale di guerra ”, ha detto Ritter. “ Anche l’America , che ha dimostrato di saper bere sangue su larga scala, oggi dice ‘basta’ ”.

Ma alla fine, ha sostenuto l’ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite, Netanyahu è stato costretto ad accettare il cessate il fuoco “ perché Israele era stato picchiato fino a raggiungere una situazione di stallo a Gaza ”.

“ Puoi guardare la mappa e vedere tutto il blu lì. È uno spazio vuoto. Queste sono aree urbane distrutte e incontrastate ”, ha detto Ritter. “ Ma la maggior parte di Gaza, la parte settentrionale di Gaza, non è sotto il controllo israeliano ”.

Resistenza palestinese

Ha detto che nei giorni precedenti la tregua, le truppe israeliane si erano rifiutate di entrare in battaglia ” perché sarebbero state massacrate, perché stavano cadendo nella trappola di Hamas “.

” Hamas stava spuntando qua, là e ovunque ed eliminava i soldati israeliani “, ha detto Ritter. “ Hanno ucciso solo un migliaio di membri di Hamas armati alla leggera. Tutti questi attentati, e ne hanno avuti solo 1000. Cosa ti suggerisce questo? Che Hamas sa cosa sta facendo, che Hamas è profondamente nascosto, che Hamas era preparato per questa lotta e che questa lotta era solo all’inizio ”.

L’esperto ha affermato che tutto ciò che Israele ha realizzato è stato “ infliggere un livello orribile di dolore e sofferenza al popolo palestinese ”, la cui colpa ha cercato di attribuire ad Hamas.

“ Hamas sapeva che sarebbe successo. Faceva parte del piano di Hamas, tutti sanno che Israele avrebbe fatto quello che ha fatto ”, ha detto Ritter. “ Ciò che Hamas ha fatto è stato creare una situazione in cui Israele è diventato Israele, Israele è stato in grado di esporre al mondo il suo vero volto demoniaco, che tipo di orribili maniaci genocidi sono. Ma il popolo palestinese ha pagato il prezzo, un prezzo molto alto ”.

Fonte: Sputnik Globe

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “Scott Ritter: L’offensiva israeliana contro Gaza si conclude con una sconfitta politica e militare

  1. Non capisco questa riluttanza israeliana a rilasciare gli ostaggi , tanto una volta mandati a casa li possono bombardare immediatamente… gli converrebbe fare questo scambio e poi fare pulizia …o no ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM