Scorci di un finale di partita in Ucraina

placeholder


di M.K. Bhadrakumar –

Il problema della guerra in Ucraina è che è stata tutta fumo e niente arrosto. Gli obiettivi russi di “smilitarizzazione” e “de-nazificazione” dell’Ucraina hanno assunto un aspetto surreale. La narrazione occidentale secondo cui la guerra è tra Russia e Ucraina, dove la questione centrale è il principio westfaliano della sovranità nazionale, si è progressivamente esaurita lasciando un vuoto.

Oggi ci si rende conto che la guerra è in realtà tra la Russia e la NATO e che l’Ucraina ha cessato di essere un Paese sovrano dal 2014, quando la C.I.A. e le agenzie occidentali consorelle – Germania, Regno Unito, Francia, Svezia, ecc – hanno installato un regime fantoccio a Kiev.

La nebbia della guerra si sta dissolvendo e le linee di battaglia stanno diventando visibili. A livello autorevole, si sta aprendo una discussione sincera sulla partita finale.

Sicuramente la videoconferenza del Presidente russo Vladimir Putin con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza a Mosca venerdì scorso e l’incontro con il Presidente bielorusso Alexander Lukashenko a San Pietroburgo domenica sono diventati il momento decisivo. Le due trascrizioni sono una dietro l’altra e devono essere lette insieme. (qui e qui)

Non c’è dubbio che i due eventi siano stati accuratamente coreografati dai funzionari del Cremlino e destinati a trasmettere molteplici messaggi. La Russia è fiduciosa di aver raggiunto il dominio sul fronte di battaglia – avendo sconfitto l’esercito ucraino e la “controffensiva” di Kiev si sta spostando nello specchietto retrovisore. Ma Mosca prevede che l’amministrazione Biden possa avere in mente un piano di guerra ancora più grande.

Alla riunione del Consiglio di Sicurezza, Putin ha “de-classificato” i rapporti di intelligence che arrivano a Mosca da varie fonti e che indicano l’intenzione di inserire nell’Ucraina occidentale una forza di spedizione polacca. Putin l’ha definita “un’unità militare regolare ben organizzata ed equipaggiata da utilizzare per le operazioni” in Ucraina occidentale “per la successiva occupazione di questi territori”.

Un gioco pericoloso
Incontro Lukashenko-Putin al Cremlino, 2021. (Presidente russo/Wikimedia Commons)

In effetti, c’è una lunga storia di revanscismo polacco. Putin, lui stesso appassionato di storia, ne ha parlato a lungo. Ha affermato con tono stoico che se le autorità di Kiev dovessero acconsentire a questo piano polacco-americano, “come fanno di solito i traditori, sono affari loro. Noi non interferiremo”.

Ma, ha aggiunto Putin, “la Bielorussia fa parte dello Stato dell’Unione, e lanciare un’aggressione contro la Bielorussia significherebbe lanciare un’aggressione contro la Federazione Russa. Risponderemo a questo con tutte le risorse a nostra disposizione”. Putin ha avvertito che quello che si sta preparando “è un gioco estremamente pericoloso, e gli autori di tali piani dovrebbero pensare alle conseguenze”.

Lukashenko con Putin

Domenica, durante l’incontro con Putin a San Pietroburgo, Lukashenko ha ripreso il filo della discussione. Ha informato Putin dei nuovi schieramenti polacchi vicino al confine con la Bielorussia – a soli 40 km da Brest – e di altri preparativi in corso: l’apertura di un’officina per la riparazione dei carri armati Leopard in Polonia, l’attivazione di un campo d’aviazione a Rzeszow, al confine con l’Ucraina (a circa 100 km da Lvov), per l’uso degli americani che trasferiscono armi, mercenari, ecc.

Lukashenko ha dichiarato:
“Questo è inaccettabile per noi. L’alienazione dell’Ucraina occidentale, lo smembramento dell’Ucraina e il trasferimento delle sue terre alla Polonia sono inaccettabili. Se la popolazione dell’Ucraina occidentale ce lo chiederà, forniremo loro il nostro sostegno. Le chiedo [Putin] di discutere e riflettere su questo tema. Naturalmente, vorrei che ci sostenesse in questo senso. Se si presenterà la necessità di tale sostegno, se l’Ucraina occidentale ci chiederà aiuto, allora forniremo assistenza e sostegno alla popolazione dell’Ucraina occidentale. Se ciò accadrà, li sosterremo in ogni modo possibile”.

Lukashenko ha continuato: “Vi chiedo di discutere la questione e di riflettere. Ovviamente, vorrei che ci sosteneste in questo senso. Con questo sostegno, e se l’Ucraina occidentale chiederà questo aiuto, noi forniremo sicuramente assistenza e sostegno alla popolazione occidentale dell’Ucraina”.

Come era prevedibile, Putin non ha risposto, almeno non pubblicamente. Lukashenko ha definito l’intervento polacco come equivalente allo smembramento dell’Ucraina e al suo assorbimento “a pezzi” nella NATO. Lukashenko è stato diretto: “Questo è sostenuto dagli americani”. È interessante notare che ha anche chiesto l’invio di combattenti Wagner per contrastare la minaccia alla Bielorussia.

Il punto fondamentale è che Putin e Lukashenko hanno discusso pubblicamente di questo argomento. Chiaramente, entrambi hanno parlato sulla base di input di intelligence. Prevedono un punto di inflessione.

Una cosa è che il popolo russo sia ben consapevole che il suo Paese sta combattendo de facto contro la NATO in Ucraina. Ma è una questione completamente diversa che la guerra possa drammaticamente degenerare in una guerra con la Polonia, un esercito della NATO che gli Stati Uniti considerano il loro partner più importante nell’Europa continentale.
Soffermandosi a lungo sul revanscismo polacco, che ha un passato controverso nella storia europea moderna, Putin ha probabilmente calcolato che in Europa, compresa la Polonia, potrebbe esserci resistenza alle macchinazioni che potrebbero trascinare la NATO in una guerra continentale con la Russia.

Allo stesso modo, anche la Polonia deve essere indecisa. Secondo Politico, le forze armate polacche sono circa 150.000, di cui 30.000 appartengono a una nuova forza di difesa territoriale che sono “soldati del fine settimana che si sottopongono a 16 giorni di addestramento seguiti da corsi di aggiornamento”.

Ancora una volta, la potenza militare della Polonia non si traduce in influenza politica in Europa, perché le forze centriste che dominano l’UE diffidano di Varsavia, controllata dal partito nazionalista Diritto e Giustizia, il cui disprezzo per le norme democratiche e lo Stato di diritto ha danneggiato la reputazione della Polonia in tutto il blocco.

Soprattutto, la Polonia ha motivo di preoccuparsi dell’affidabilità di Washington. In futuro, la preoccupazione della leadership polacca sarà, paradossalmente, che Donald Trump non torni alla presidenza nel 2024. Nonostante la cooperazione con il Pentagono sulla guerra in Ucraina, l’attuale leadership polacca continua a diffidare del presidente Joe Biden, proprio come il primo ministro ungherese Viktor Orban.

Avvertimento all’Occidente

Sgt. Brandon Stabile, a squad leader assigned to 6th Squadron, 8th Cavalry Regiment, 2nd Infantry Brigade Combat Team, 3rd Infantry Division instructs a Ukrainian Soldier on reacting to an ambush, Sept. 8, at the International Peacekeeping and Security Center. The training was in conjunction with Polish forces who recently partnered with the Joint Multinational Training Group-Ukraine. JMTG-U is an example of multinational partners working together to help build the training capacity of the Ukrainian land forces. (Photo by Army Staff Sgt. Elizabeth Tarr)

Le forze armate polacche collaborano con gli Stati Uniti per addestrare i soldati ucraini, 2016. (U.S. Army Staff Sgt. Elizabeth Tarr/Wikimedia Commons)

A conti fatti, quindi, è ragionevole pensare che la sciabolata di Lukashenko e la lezione di Putin sulla storia europea possano essere considerate più che altro un avvertimento all’Occidente, al fine di modulare un gioco finale in Ucraina che sia ottimale per gli interessi russi. Uno smembramento dell’Ucraina o un’espansione incontrollabile della guerra oltre i suoi confini non sarà nell’interesse della Russia.

M.K. Bhadrakumar è un ex diplomatico. È stato ambasciatore dell’India in Uzbekistan e in Turchia. Le sue opinioni sono personali.

Fonte: Consortium News

Questo articolo è apparso originariamente su Indian Punchline

7 commenti su “Scorci di un finale di partita in Ucraina

  1. Non penso proprio che gli usa se ne fottano tanto di polacchi e italiani come nato ma ci considerino carne da cannone come i dementi ucro per il loro scopo cioè distruggere la Russia spero che Putin e il popolo russo reagiscano al più presto e facciano piazza pulita..

  2. L’ unica cosa che mi dispiace di questa guerra è il fatto che sono (da cittadino con passaporto italiano) considerato dai russi nemico. Vorrei ricordare che non sono loro nemico, io non mi sognerei MAI di sparare contro di loro alcunchè. Non sono nemmeno nemico degli ukra che li considero soltanto povere vittime della propaganda.

  3. Intanto gli ucraini continuano imperterriti a bombardicchiare Mosca, ovviamente perchè sanno che non saranno puniti severamente.

  4. Gli Ucraini entro breve tempo si arrenderanno alla Russia presumo dopo aver accoppato tutti membri nazisti Ucraini che sono dei Burattini controllati dagli USA !
    USA-UK-UE-NATO stanno finendo soldi-munizioni ed armamenti da inviare in Ucraina !
    Le perdite umane di armamenti Ucraini anche nuovi sono immense !
    Questa guerra è una via di mezzo tra le enormi perdite di uomini giornaliere subite dal” Esercito Italiano nella prima guerra mondiale e le enormi perdite di armamenti e veicoli anche corazzati subite dal” ASSE Italo-Tedesco-Giapponese della seconda guerra mondiale !
    Quando da USA & NATO non arriveranno più in Ucraina soldi-nuovi armamenti e munizioni di rimpiazzo il popolo Ucraino e i Soldati Ucraini si sentiranno abbandonati come CANI che vengono abbandonati in Tangenziale o Autostrada perciò irti di rabbia si RIBELERANNO !

  5. monk imperterrito scrivi post sconclusionati e/o castronerie , i droni su mosca non sono un bombardamento ma atti di terrorismo internazionale sponsorizzati dal regime di bidet , informarsi è la prassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM