Scacco Matto

di Scott Ritter (*)

La sconfitta dell’architettura di difesa missilistica statunitense-israeliana da parte dell’Iran ha implicazioni sulla sicurezza globale.

L’attenzione del mondo è stata giustamente focalizzata sulle conseguenze dell’attacco di ritorsione dell’Iran contro Israele del 13 e 14 aprile 2024. L’obiettivo dell’Iran nel lanciare questo attacco era quello di stabilire una posizione deterrente intesa a far sapere a Israele e agli Stati Uniti che qualsiasi attacco contro l’Iran , sia sul suolo iraniano che su quello di altri paesi, scatenerebbe una risposta che arrecherebbe all’attacco un danno maggiore di quello che quest’ultimo non potrebbe sperare di infliggere all’Iran. Per ottenere questo risultato, l’Iran ha dovuto dimostrarsi in grado di sconfiggere i sistemi di difesa antimissile balistici di Israele e degli Stati Uniti che erano schierati dentro e intorno a Israele al momento dell’attacco. L’Iran ci è riuscito, con almeno nove missili che hanno colpito due basi aeree israeliane poste sotto l’ombrello protettivo dello scudo missilistico israelo-americano.

L’atteggiamento deterrente dell’Iran ha implicazioni che si estendono ben oltre i dintorni di Israele o il Medio Oriente. Sconfiggendo lo scudo di difesa missilistico israelo-americano, l’Iran ha esposto il concetto di supremazia statunitense nella difesa missilistica che è centrale nei modelli di protezione delle forze statunitensi utilizzati quando si proietta il potere militare su scala globale. La posizione difensiva degli Stati Uniti nei confronti di Russia, Cina e Corea del Nord si basa su ipotesi sull’efficacia delle capacità di difesa statunitense contro i missili balistici. Attaccando con successo le basi aeree israeliane che beneficiavano dell’intera gamma di tecnologie missilistiche antibalistiche americane, l’Iran ha rivelato la vulnerabilità dello scudo di difesa missilistico americano alle moderne tecnologie missilistiche che comportano testate manovrabili, esche e velocità ipersonica. Le basi americane in Europa, nel Pacifico e nel Medio Oriente, che si pensava fossero ben protette, si rivelarono improvvisamente vulnerabili agli attacchi ostili. Lo stesso vale per le navi della Marina americana che operano in mare.

Le difese israeliane contro i missili balistici sono state rafforzate dallo spiegamento sul suolo israeliano di un avanzato radar in banda X AN/TPY-2, gestito dall’esercito americano, è stato installato dal Ministero della Difesa. Il radar, gestito dalla 13a batteria di difesa missilistica dell’esercito americano, si trova su Har Qeren, un grattacielo nel deserto del Negev vicino alla città di Be’er Sheva. L’AN/TPY-2 è un radar di difesa missilistica in grado di rilevare, tracciare e distinguere i missili balistici, distinguendo tra minacce e non minacce (cioè missili in arrivo e detriti spaziali).

L’AN/TPY-2 funziona in due modalità diverse. La prima, chiamata “modalità avanzata”, rileva e traccia i missili balistici mentre vengono lanciati. La seconda, chiamata “modalità terminale”, viene utilizzata per guidare gli intercettori verso un missile in discesa. L’AN/TPY-2 è ottimizzato per funzionare con il sistema di difesa antimissile balistico Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) guidando il missile THAAD verso il suo bersaglio.

Sistema antimissile Patriot

Gli Stati Uniti avevano schierato almeno una, e forse due, batterie di missili THAAD in Israele al momento dell’attacco iraniano. Oltre ad aiutare i missili THAAD ad abbattere le minacce in arrivo, i dati radar AN/TPY-2 sono stati integrati con i dati radar israeliani e altre informazioni tecniche raccolte dalla rete di satelliti di allarme rapido dell’Organizzazione (BMDO) schierati al solo scopo di monitorare e segnalare i lanci di missili balistici iraniani. Questo sistema integrato di allarme rapido, sorveglianza e tracciamento era collegato a un’architettura di difesa missilistica multistrato comprendente il sistema statunitense THAAD e i sistemi di intercettazione missilistici antibalistici israeliani Arrow 2, Arrow 3, Advanced Patriot e David’s Sling.

Thaad System antimissile

La presenza di almeno due cacciatorpediniere classe Aegis della Marina americana, equipaggiati con il radar SPY-1 in banda S e missili intercettori SM-3/SM-6, rafforza la capacità e la letalità dell’architettura di difesa del missile antibalistico americano-israeliano . Le navi della Marina abilitate al sistema di difesa contro i missili balistici sono configurate per collegarsi al radar terrestre AN/TPY-2 in banda X e al più ampio sistema di difesa contro i missili balistici attraverso il sistema di comando e controllo, gestione del combattimento e comunicazione (C2BMC ). La combinazione di radar e intercettori terrestri con il sistema di difesa contro i missili balistici della Marina americana fornisce ai comandanti militari statunitensi una protezione a livello di teatro contro le minacce di missili balistici ostili. Questo sistema integrato è progettato per rilevare, acquisire e tracciare le minacce in arrivo e, utilizzando complessi algoritmi informatici, rilevare obiettivi e distruggerli utilizzando testate cinetiche hit-to-kill.

Il 13 e 14 aprile 2023 questo sistema ha fallito. In breve, la combinazione delle capacità di difesa contro i missili balistici statunitensi e israeliani dispiegate dentro e intorno al deserto del Negev ha reso le basi aeree israeliane ivi situate i luoghi più protetti al mondo contro le minacce poste dai missili balistici.

Tuttavia, l’Iran è riuscito a colpire entrambi i siti con diversi missili.

Le implicazioni strategiche globali di questo sorprendente risultato iraniano stanno cambiando le regole del gioco. Gli Stati Uniti sono da tempo alle prese con la nozione di minaccia “A2/AD” (diniego di accesso/diniego di area) posta dai missili balistici ostili. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno cercato di mitigare questa minaccia AA/A2 sovrapponendo un’architettura di difesa teatrale contro i missili balistici come quella impiegata in Israele. Il fallimento dei sistemi di difesa combinati USA-Israele di fronte ad un attacco missilistico iraniano concertato ha messo in luce le carenze delle capacità di difesa antimissile balistica degli Stati Uniti in tutto il mondo.

In breve, ciò significa che le forze statunitensi e NATO in Europa sono vulnerabili agli attacchi di tecnologie missilistiche russe avanzate che eguagliano o superano quelle utilizzate dall’Iran per attaccare Israele. Ciò significa anche che molto probabilmente la Cina sarebbe in grado di colpire e affondare le navi della marina statunitense nell’Oceano Pacifico in caso di conflitto su Taiwan. E che la Corea del Nord potrebbe fare lo stesso con le navi e le forze americane a terra vicino al Giappone e alla Corea del Sud.

Fino a quando gli Stati Uniti non svilupperanno, produrranno e dispiegheranno sistemi di difesa missilistica in grado di sconfiggere la nuova tecnologia missilistica utilizzata da paesi come Iran, Russia, Cina e Corea del Nord, la proiezione delle capacità della potenza militare degli Stati Uniti sarà scacco matto contro i potenziali avversari dell’America. .

Fonte: Scott Ritter

*Scott Ritter è stato ispettore Onu sugli armamenti in Iraq tra il 1991 e il 1998. Prima di lavorare per le Nazioni Unite era un ufficiale dei marines e un consigliere del generale Schwarzkopf nella prima guerra del Golfo. Pur essendo stato vittima di numerose campagne di diffamazione e nonostante gli innumerevoli tentativi di emarginazione, Ritter ha mantenuto inalterata la sua credibilità e la sua autorevolezza. Attualmente è opinionista di FoxNews.

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Scacco Matto

  1. Come sostengo l’EST – i Tre Imperi e l’Asse della Resistenza – hanno sistemi d’arma che SURCLASSANO gli americani e c. .
    Si poteva aver qualche dubbio sui missili americani in Arabia Saudita, poiché si pensa che non erano l’ultima versione, la più moderna, e non fermavano gli attacchi dei droni e dei missili Yemeniti.
    Ma l’Israele e le navi americane hanno le versioni più moderne ……. E ANCH’ESSE NON FERMANO I MISSILI E I DRONI SOFISTICATI !!!!!!!!!
    Confermo che i missili balistici, gli ipersonici e penso tutti i droni hanno colpito con precisione e devastazione !
    In caso di guerra atomica – detto da ingegneri americani – META’ DEI MISSILI NUCLEARI INTERCONTINENTALI AMERICANI MALFUNZIONEREBBE,
    (FALLIREBBE IL LANCIO O LA TRIETTORIA) – L’ALTRA META’ CREDO CHE VERREBBE SPAZZATA VIA DAI SISTEMI AEROSPAZIALI RUSSI – CINESI – IRANIANI, INTERAMENTE.

  2. Tecnologie futuristiche e superarmi non bastano a vincere le guerre. Esiste sempre un arma superiore od una strategia per neutralizzarle. Una buona recensione militare comunque.

  3. l” Iran ha con 5 giorni di anticipo ha avvisato Israele che lo avrebbe bombardato ha anche avvisato i criminali paesi USA & NATO che aiutano Israele in ogni azione Terrorista -Genocidio -Militare !
    L” Iran ha perfino fornito rotte dei Droni e missili Iraniani e i suoi bersagli militari in Israele !
    L” Iran nella sua rappresaglia contro Israele NON ha ricevuto nessun aiuto esterno !
    Israele invece è stato protetto e difeso militarmente dagli USA & NATO durante la coraggiosa anche se stupida rappresaglia Iraniana !
    Malgrado che la possente difesa aerea Israeliana assieme a centinaia di aerei e decine di navi da guerra Israeliane e dei paesi USA&NATO abbiano tentato di bloccare Droni e missili Iraniani due basi militari Israeliane sono andate distrutte !
    La rappresaglia Iraniana è stata una Vittoria Onorevole mentre per Israele e i paesi USA & NATO una sonora sconfitta militare e una brutta figura di Merda ! Il messaggio iraniano subliminale ad Israele e ai paesi USA & NATO è stato molto chiaro ! Anche noi Iraniani possediamo armamenti in grado di colpirvi e farvi male perciò è meglio che NON VOGLIATE FARE una guerra al” Iran !

  4. Perché stupida rappresaglia? Gli iraniani, senza scatenare una guerra vera e propria , hanno mandato un chiaro avvertimento con il lancio di solo una manciata tra missili e droni che hanno colpito nonostante un grande preavviso, le rinomate difese israeliane, e gli aiuti di paesi terzi. Hanno così monitorato e ottenuto preziose informazioni sulle difese israeliane e loro modus operandi (che ne hanno beneficiato anche i paesi limitrofi e non solo vedi Russia) ed hanno arrecato un danno economico non indifferente ai sionisti. Se si considera che gli hezbollah libanesi hanno accatastato oltre 120 mila tra razzi e missili, più droni e artiglieria varia, questi da soli potrebbero mettere israele in condizioni di non nuocere. Gli israeliani infatti si limitano a colpire qualche postazione in Libano o qualche comandante/dirigente se ne hanno l’occasione ma non vanno oltre nonostante anche la copertura navale fornita da alleati vari. L’affermazione scacco matto è perfetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM