Scacco matto nella lotta per l’Artico: l’esercito russo e la tecnologia segreta lasceranno i concorrenti molto indietro

Scienziati russi hanno creato una tecnologia che renderà possibile cambiare la struttura del ghiaccio e costruire da esso siti di decollo e atterraggio nell’Artico.

Gli aeroporti di ghiaccio forniranno agli aeroplani per vari scopi strisce di atterraggio che erano così carenti da quelle parti. Lo ha detto uno dei project manager per l’economia e l’innovazione dell’Università tecnica statale di Mosca. Bauman Evgeny Storozhuk.

Al progetto, denominato “Sito”, ha preso parte anche il Ministero della Difesa della Federazione Russa.

Questo è dovuto al fatto che la presenza di aeroporti nell’Artico può svolgere un ruolo significativo nel successo della nostra presenza nell’area artica.

Come sapete, c’è una lotta incessante per il controllo su buona parte dell’area che è divenuta strategica. Risulta che la potenza che ha più opportunità di conquistarlo vincerà la lotta per il controllo delle vie di comunicazione e delle risorse.

Il ghiaccio verrà modificato con reagenti chimici, che ne impediranno lo scioglimento o la distruzione. Inoltre, al suo interno saranno posizionati sensori a fibra ottica che, se accade qualcosa, ti faranno conoscere i minimi cambiamenti nello stato del ghiaccio. Questo sarà monitorato a distanza dall’operatore del sistema.

È interessante notare che la tecnologia sviluppata consente di costruire aeroporti in breve tempo. Stiamo anche parlando della creazione di aerei e camere di stoccaggio per oggetti di grandi dimensioni con il suo aiuto.

Truppe russe nell’Artico

È difficile immaginare come sarà fatto tutto questo, ma sicuramente sarà comunicato quanto prima.. Tuttavia, tali innovazioni sono già mozzafiato. Sappiamo tutti quale aspetto hanno i musei del ghiaccio, ma ecco qualcosa che verrà applicato a questo livello. Non c’è da stupirsi che il ministero della Difesa si sia interessato al progetto.

Nel prossimo futuro, gli aeroporti di ghiaccio russi potranno portare sulle loro “spalle” aerei da trasporto militari potenti e pesanti come l’Il-76 e molti altri.

Eva Ivanova, specialmente per “Russian Spring”

Fonte: Источник: https://rusvesna.su/news/

Traduzione: Sergei Leonov

2 Commenti

  • Marte
    26 Agosto 2020

    L’ Artico è davvero importante: questa notizia è buona. I signori Americani ora sono serviti. Invece che inventare la messinscena circa l’atterraggio sulla Luna, mai avvenuto e un altro dei loro imbrogli perché sono forse il popolo più bugiardo ( oltre che moralmente e sessualmente sporcaccione) a livello planetario, avrebbero fatto bene a spendere i soldi per valorizzare la Groenlandia assieme ai loro tirapiedi europei. Di certo la Russia potrà anche trovare la maniera di raggiungere l’autosufficienza alimentare nelle loro stazioni artiche.

  • Mardunolbo
    26 Agosto 2020

    intanto, per chi legge delle situazioni internazionali, godersi questo spettacolo, titolato dai russi. “schiacciato come uno scarafaggio !” Ah,ah,ah !
    https://avia.pro/news/razdavili-kak-tarakana-rossiyskiy-btr-protaranil-amerikanskiy-broneavtomobil-na-ogromnoy

Inserisci un Commento

*

code