Sayyed Nasrallah: “Israele” è in crisi … e l’ingresso di Gaza nell’equazione di Gerusalemme è uno sviluppo importante

Il segretario generale di Hezbollah saluta la fermezza del popolo palestinese di fronte all’occupazione israeliana e afferma il fallimento della pressione statunitense sull’Iran, che ha “oltrepassato la fase del pericolo”.

Il segretario generale di Hezbollah, Sayyid Hassan Nasrallah, ha affermato in un discorso televisivo che commemora la Giornata internazionale di Gerusalemme, che la scena pubblica palestinese “è una scena di rifiuto dell’occupazione e di adesione alla lotta, e questo è ciò che dà legittimità ad ogni asse di resistenza e ad ogni sostegno fornito al popolo palestinese, sia esso politico, militare o altro ”.

Sayyed Nasrallah ha aggiunto che “la fermezza del popolo palestinese e la sua adesione ai propri diritti e al non abbandonare Gerusalemme è la base”.

Sayyed Nasrallah ha fatto riferimento all’ingresso dei missili della resistenza palestinese nell’equazione della difesa di Gerusalemme, descrivendolo come “lo sviluppo più importante e pericoloso che deve essere risolto”, esprimendo la sua fiducia che il popolo palestinese è “idoneo a preservare Gerusalemme, la loro terra e i loro diritti. “

Ha continuato: “L’israeliano ammette che entrare a Gaza sulla questione del conflitto è una minaccia molto seria, e questo apre grandi orizzonti alla resistenza, e invito i leader della resistenza a continuare su questo approccio”.

Sayyed Nasrallah ha chiarito che il titolo più importante attualmente è “fermezza palestinese, e dobbiamo stare con il popolo palestinese e non cercare giustificazioni per rinunciare a questa responsabilità”.

La scommessa su una guerra americana con l’Iran è finita
Sayyed Nasrallah ha sottolineato che il titolo importante è “la stabilità dell’asse di resistenza”. Iran, “il paese più forte in questo asse, e per molti anni c’è stato uno sforzo per abbattere il regime in Iran e restituirlo agli israeliani e l’asse americano, “ma Teheran” ha varcato la fase del pericolo e la scommessa su una guerra americana con l’Iran è finita “”.

Nasrallah ha sottolineato che le opzioni dell’America e di “Israele” per rinunciare al programma nucleare iraniano “sono terminate”, specialmente dopo la risposta dell’Iran all’attacco aumentando il livello di arricchimento dell’uranio, che “è ciò che ha terrorizzato Israele”, secondo Nasrallah.

Ha continuato: “L’Iran non ha bisogno di assicurare ai suoi alleati che nessun negoziato sarà a loro spese o a spese del loro popolo perché l’esperienza ha dimostrato che l’Iran non abbandona gli alleati, non li vende o negozia su di loro, e quindi siamo noi a sostenere ogni dialogo iraniano internazionale o arabo perché contribuisce a rafforzare l’asse degli amici “.

Hezbollah in formazione

Ma quelli che “dovrebbero essere preoccupati”, secondo Sayyed Nasrallah, sono “gli alleati dell’America nella regione, da Israele ad alcuni paesi del Golfo, e tutti coloro che si guadagnano da vivere con posizioni politiche. Per quanto riguarda gli amici dell’Iran, hanno grande fiducia che ciò che sta accadendo è nell’interesse dell’asse della resistenza “.

Sayyed Nasrallah ha definito “positivo” il dialogo iraniano-saudita, esprimendo il suo sostegno a “qualsiasi dialogo che contribuisca a calmare la regione e rafforzi l’asse di resistenza”.

L’asse della resistenza è più stabile e “Israele” sta entrando in crisi.
Sayyed Nasrallah ha affermato che “la fase di prendere di mira l’asse è stata superata, e l’israeliano oggi è pieno di ansia per la stabilità dell’asse di resistenza e lo sviluppo delle sue capacità”, mentre “altri assi che in passato gli anni sembravano essere forti, oggi sono apparsi disarticolati e portati a difendere alcune delle conquiste della fase passata “.

Missili di Hezbollah

Ha aggiunto: Prendere di mira le forze di resistenza in Iraq è un “fallimento”, e in Yemen “i fratelli sono risoluti e avanzati, e il mondo sta parlando della fine della guerra … e degli sviluppi qualitativi nella posizione e nelle capacità dello Yemen gli anni passati sono un’aggiunta qualitativa all’asse della resistenza, soprattutto alla luce di questa leadership onesta, saggia e giovane “.

Sayyed Nasrallah ha sottolineato che la Siria è in una posizione migliore dopo anni di guerra, “molti paesi arabi sono in contatto con lo Stato siriano”, mentre “l’Arabia Saudita non può imporre condizioni alla Siria riguardo alle sue relazioni con l’Iran mentre sta negoziando con Teheran. “

Quanto all’entità sionista, secondo Sayyed Nasrallah, è “in crisi e tra i segni di ciò c’è la crisi politica interna e l’incapacità di formare un governo a causa dei problemi di Benjamin Netanyahu”.

Ha continuato: “L’entità si è trasformata da un’entità basata su fondamenta ideologiche in un’entità che serve una persona specifica, e questo conferma l’esistenza di un vero problema di leadership, e questo è un segno di debolezza e declino”, in un momento in cui alcuni sionisti parlano della “strada per arrivare a una guerra civile”.

Ha sottolineato che “segni di declino e debolezza ” hanno cominciato ad apparire sull’entità nemica, mentre “la gioventù del popolo palestinese e l’asse della resistenza si rinnovano”.

Fonte: Al-Mayadeen Net

Traduzione: Fadi Haddad

9 Commenti
  • Eugenio Orso
    Inserito alle 22:54h, 12 Maggio Rispondi

    Ritengo che Nasrallah sia un politico intelligente e che comprenda le situazioni geopolitiche mutate,rispetto a un decennio fa.
    Una frase chiave di Nasrallah è che l’entità sionista è “in crisi e tra i segni di ciò c’è la crisi politica interna e l’incapacità di formare un governo a causa dei problemi di Benjamin Netanyahu”.
    Riprende in grande stile il conflitto in Palestina e a Gaza, mentre il cosiddetto israele è in crisi poltica e non è più forte militarmente e apparentemente incrollabile come loera, ad esempio, negli anni ottanta …
    L’Iran, invece,mi sembra molto saldo e così i suoi alleati.
    Anche se il cosiddetto israele riuscirà a vincere ancora una volta militarmente contro Hamas e gli altri resistenti, sarà solo una vittoria temporanea, soltanto militare e circoscritti,perché ho l’impressione che, finalmente, tempi molto duri attendano gli ebrei occupatori della Palestina.

    Cari saluti

  • Savo
    Inserito alle 00:12h, 13 Maggio Rispondi

    Io vedo soltanto uno stato molto ben preparato ed equipaggiato militarmente , contro una popolazione pressochè inerme ingabbiata in una striscia di terra dove non può fuggire e non può combattere. Questa non è una guerra , troppo grande la disparità delle forze in campo , questa è solo pulizia etnica e lo sappiamo tutti come andrà a finire : è già successo e succederà ancora.

  • Giorgio
    Inserito alle 08:30h, 13 Maggio Rispondi

    Condivido totalmente …..

  • Teoclimeno
    Inserito alle 10:25h, 13 Maggio Rispondi

    Israele delenda est!

    • Mardunolbo
      Inserito alle 11:39h, 13 Maggio Rispondi

      teoclitoridi saluti ai teoclimenidi e le frasi di circostanza. Tradotto: saluti dal bus del k..dato che più che frasette idiote non vengono fuori.

      • Teoclimeno
        Inserito alle 12:47h, 13 Maggio Rispondi

        MERDUNOLBO, emerito cagone. Tutto quello che sai fare è sparare flatulenze. Sei un Cretino! Ossia un Cristiano.

        • Teoclimeno
          Inserito alle 21:14h, 13 Maggio Rispondi

          Egregio Signor GIORGIO, ha ragione: non tutti i cristiani sono cretini. Ci mancherebbe altro, ma il MERDUNOLBO non perde occasione per insolentirmi, pur non avendolo mai apostrofato negativamente. Vorrei solo essere lasciato in pace, ma forse chiedo troppo.

        • Hannibal7
          Inserito alle 21:46h, 13 Maggio Rispondi

          Egregio sig Giorgio parole sagge le sue….

    • Teoclimeno
      Inserito alle 12:49h, 13 Maggio Rispondi

      Israele delenda est-Israele deve essere distrutta.

Inserisci un Commento