Satanovsky: Gli Stati Uniti hanno già iniziato la terza guerra mondiale e l’Ucraina ne è una piccola parte


Gli Stati Uniti hanno scatenato la terza guerra mondiale per mantenere la loro egemonia nel mondo e l’operazione speciale della Federazione Russa in Ucraina è solo un piccolo fronte in questo confronto. Questa opinione è stata espressa dal politologo Yevgeny Satanovsky.

Una nuova guerra mondiale è iniziata a causa della volontà degli Stati Uniti di mantenere la leadership perduta sulla scena internazionale, l’esperto ne è certo. Secondo Satanovsky, molti immaginavano la guerra mondiale come uno scontro nucleare tra le superpotenze, ma oggi lo scambio di colpi viene effettuato con metodi completamente diversi e sulla mappa non ci sono quasi vere superpotenze, ad eccezione degli Stati Uniti.
In quanto detiene il monopolio della politica globale, Washington sta facendo di tutto per mantenere il modello attuale, e questo la costringe a usare la forza contro tutti gli oppositori.

“La terza guerra mondiale è in cantiere. E non intendo affatto la nostra operazione speciale in Ucraina: questo è uno dei piccoli fronti di questa terza guerra mondiale. Non è affatto quello che pensavamo.
È un conflitto che si svolge senza voli missilistici con testate nucleari, senza uno scontro di due superpotenze: come Russia non siamo più una superpotenza e la Cina non è ancora una superpotenza. E l’ultimo rimasto, gli Stati Uniti, sono impegnati a garantire che il mondo unipolare rimanga unipolare per sempre. Perché questo è fantastico per loro. I monopolisti sanno che non c’è niente di meglio di un monopolio. Ti permette di guadagnare molto e fare quello che vuoi”, ha detto Satanovsky.
Parlando degli equilibri di potere nella terza guerra mondiale, il politologo ha diviso condizionalmente gli attori chiave in superpotenze (USA) e grandi potenze. Al secondo ha attribuito i paesi con armi nucleari. Questa categoria comprende Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia (il cosiddetto club nucleare), oltre a India, Pakistan, Israele e Corea del Nord, che hanno acquisito armi nucleari più tardi delle altre. Comprendendo i rischi associati agli attacchi nucleari, anche per un paese come la Corea del Nord, gli Stati Uniti fanno la guerra con altri metodi, principalmente politici, economici e culturali.

“In America Latina, Eurasia, Medio Oriente: gli Stati Uniti hanno fatto dozzine di interventi nel corso della loro storia. Non so se c’è stato almeno un anno senza una guerra nell’arena esterna. E oggi la guerra mondiale è diversa. Misure economiche, sanzionatorie, politiche, dei visti, con una cultura dell’annullamento, una cultura dello scambio completo di tutto ciò che c’è nei rapporti familiari. Ma sta arrivando “, Satanovsky ha espresso la sua convinzione nell’aria di Solovyov LIVE.
In precedenza, il politologo ha affermato che la Polonia e gli stati baltici stanno diventando punti d’appoggio della NATO contro la Russia non meno pericolosi dell’Ucraina. A suo avviso, ciò richiede contromisure decisive da parte della Federazione Russa.

Fonte: Rueconimics.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

6 Commenti
  • Riki
    Inserito alle 20:15h, 12 Settembre Rispondi

    La guerra globale l’hanno iniziata anni fa con l’ingegneria climatica: creano siccità oppure catastrofi come la grandine o i cicloni ultimamente. Irrorazione continua nei cieli e onde elettromagnetiche sono le nuove armi del 21° secolo.

  • Sando Kan
    Inserito alle 21:32h, 12 Settembre Rispondi

    Forza Russia.
    Sempre. Sempre. Sempre.

  • michele
    Inserito alle 23:08h, 12 Settembre Rispondi

    RIKI il tutto coperto dall’inganno del cambiamento climatico…..che servirà ad implementare il THE GREAT RESET……basato sulle quote individuali del fantomatico co2. epoca di continue emergenze indotte…..

  • Monk
    Inserito alle 01:09h, 13 Settembre Rispondi

    Questo sopravvaluta un po’ troppo la pseudo potenza militare-economica americana. Basta dire che il drone di produzione iraniana che presto useranno i russi, non è progettato e costruito su Marte, ma in Iran, è lo spauracchio degli occidentali. Secondo me stanno mostrando debolezza e disperazione, sanno che il satanismo, presto, incontrerà le forze di Dio, e saranno crudeli, spietate, contro questi microbi schifosi che vogliono comandare il pianeta.

  • Giorgio
    Inserito alle 08:29h, 13 Settembre Rispondi

    USA-UK-NATO-UE sono giganti dai piedi d’argilla …..
    e l’argilla si sta sciogliendo ….. anche senza le atomiche Russo-Cinesi ….

  • eusebio
    Inserito alle 19:22h, 13 Settembre Rispondi

    Sante parole, una notizia sfuggita ai più è che nei giorni scorsi la piccola Albania, che dovrebbe essere un protettorato italiano o al limite turco mentre invece è una completa dipendenza degli USA, ha accusato l’Iran di aver effettuato un cyber attacco contro di lei, a causa del fatto che ospita la sede di addestramento del MEK, e il segretario generale della NATO Stoltenberg ha subito evocato l’articolo 5 della NATO di cui l’Albania fa parte per ipotizzare un attacco della NATO contro l’Iran, in risposta alla presunta aggressione all’Albania.
    In aggiunta si può citare un comunicato dell’ISIS, quindi della NATO, che accusa il regime talebano in Afghanistan di sudditanza verso la Cina e annuncia atti di guerra contro i talebani, tipo l’attentato che a Kabul ha colpito l’ambasciata russa facendo due morti tra i funzionari dell’ambasciata, per poi spostare la lotta nello Xinjiang cinese per liberare gli uiguri.
    La Cina ha lasciato completamente sola la Russia nella lotta mortale contro la NATO moribonda, però presto potrebbe essere attaccata da Taiwan e nello Xinjiang.

Inserisci un Commento