Saremo manipolati per farci accettare una guerra contro la Cina

di Terje Alnes

C’è una costante campagna mediatica occidentale per far credere che la guerra con la Cina sia inevitabile. I media norvegesi si stanno allineando e il Forum norvegese della difesa è in prima linea.

Ricordate la storia, lo scorso febbraio, del “pallone spia” cinese che sorvolò il Canada e gli Stati Uniti? Tutti i media occidentali, compresi quelli norvegesi, ne hanno parlato. ” È chiaro che lo scopo di questo pallone era quello di effettuare la sorveglianza, e la sua direzione attuale lo portava su aree sensibili “, si legge ad esempio in VG, che cita “una fonte anonima del Pentagono”.

Oggi il Pentagono ammette che la Cina ha detto la verità e che il pallone non ha raccolto informazioni di intelligence. Era un pallone meteorologico che era andato fuori rotta, come hanno detto i cinesi. Ma ora che la smentita è stata pubblicata, praticamente nessuno nel mondo occidentale capirà. Alla fonte anonima (un eufemismo per indicare l’intelligence statunitense) è stato permesso di diffondere il suo messaggio cospiratorio per diverse settimane e l’opinione pubblica è stata manipolata per credere che si trattasse di attività di spionaggio cinese. Tutta questa storia aveva uno scopo propagandistico: fomentare l’isteria anticinese.

Questo è il modo in cui l’opinione pubblica deve essere modellata e manipolata affinché consideri la Cina una potenza pericolosa che minaccia i nostri “ valori ” e le nostre democrazie occidentali.

La propaganda anti-cinese fa parte della strategia statunitense per combattere la crescente influenza della Cina nel mondo. Per diffondere questa propaganda, il Senato degli Stati Uniti ha stanziato 325 milioni di dollari all’anno fino al 2027 in quello che viene chiamato il “Fondo per contrastare l’influenza cinese”. L’obiettivo è contrastare “l’influenza dannosa” del Partito Comunista Cinese nel mondo. È particolarmente importante screditare la Belt and Road Initiative (BRI), che oggi riunisce 150 nazioni e organizzazioni.

Nel 2020, uno dei peggiori falchi guerrafondai del Senato americano – Marco Rubio (foto) – ha preso l’iniziativa di creare l’“Alleanza interparlamentare sulla Cina ”. L’organizzazione è composta da parlamentari filo-americani provenienti da molti paesi ed è l’espressione del febbrile tentativo degli Stati Uniti di garantire la loro precedente egemonia in modo che possano continuare a dettare “l’ordine mondiale ” . Il presidente del Partito liberale norvegese Guri Melby (foto) siede nel consiglio d’amministrazione.

Prima l’Ucraina, poi Taiwan
In qualità di Segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg si è rivolto questa settimana al Council on Foreign Relations a Washington. Per 100 anni, questo think tank privato ha svolto un ruolo di primo piano nel plasmare la strategia di potere globale dell’America. Stoltenberg ha assicurato al pubblico che anche lui ha riconosciuto la necessità di “trattare con la Cina”.

“ Se gli Stati Uniti sono preoccupati per la Cina e vogliono puntare sull’Asia, devono assicurarsi che Putin non vinca in Ucraina. Perché se l’Ucraina vince, avremo dalla nostra parte il secondo esercito più grande d’Europa, l’esercito ucraino agguerrito, e avremo un esercito russo indebolito, e ora abbiamo anche un’Europa che sta davvero aumentando le sue spese per la difesa. . Sarà quindi più semplice per voi concentrarvi sulla Cina e non preoccuparvi solo o meno della situazione in Europa. E viceversa accade se vince Putin.
“È quindi nell’interesse della sicurezza degli Stati Uniti garantire la vittoria dell’Ucraina in modo che possa trattare più facilmente con la Cina “.

Far vincere la guerra all’Ucraina indebolirà il più possibile la Russia. Gli Stati Uniti potranno così rivolgere la propria attenzione e le proprie risorse verso la Cina. Al vertice NATO dello scorso anno a Madrid, dove l’alleanza adottò un nuovo concetto strategico, la Cina fu menzionata per la prima volta come avversario:

” Le ambizioni dichiarate e le politiche coercitive della Repubblica popolare cinese (RPC) mettono alla prova i nostri interessi, la nostra sicurezza e i nostri valori… Aumenteremo la nostra consapevolezza collettiva, rafforzeremo la nostra resilienza e preparazione e ci proteggeremo dalle tattiche e dagli sforzi coercitivi della Cina di dividere l’Alleanza .

Alcuni vivono ancora nell’illusione che la NATO sia un’alleanza di difesa progettata per proteggere gli Stati membri dagli attacchi militari. Questo accadeva almeno trent’anni fa (se non mai). Oggi la NATO è la potenza militare più forte e aggressiva del mondo, utilizzata esclusivamente per servire l’ambizione degli Stati Uniti di mantenere la propria potenza egemonica. Questo potere è oggi pienamente messo in discussione dalla Cina. Di conseguenza, la Cina si ritrova nel mirino della NATO, soggetta a campagne diffamatorie e provocazioni militari aggressive.

L’aggressione degli Stati Uniti nell’Asia orientale si riflette nelle 313 basi militari che vi sono presenti. Gli Stati Uniti hanno recentemente firmato un accordo con le Filippine che apre la strada alla creazione di nove nuove basi militari sul suolo filippino. Una mappa del continente mostra come gli Stati Uniti stabilirono una cintura di basi militari che si estendeva dal Giappone a nord fino alla Malesia e all’Australia a sud.


Taiwan Truppe

Preparativi di guerra intorno a Taiwan
Da molto tempo si sta preparando uno scontro intorno a TaiwanÈ inquietante tracciare il parallelo con la situazione in Ucraina prima dell’invasione russa del 24 febbraio 2022. Gli Stati Uniti intendono provocare o simulare un attacco cinese all’isola per iniziare una guerra con la Cina?
I think tank di Washington pianificarono e simularono l’esito di una simile guerra. Elbridge A. Colby, membro del Council on Foreign Relations, nel suo libro “ Strategia di negazione: difesa americana in un’era di grande conflitto di potere ” (2021), Elbridge A. Colby raccomanda quindi di lanciare, se necessario, “una guerra limitata » contro la Cina, che potrebbe comportare l’uso di armi nucleari. Gli Stati Uniti “daranno una possibilità alla guerra”?

Come dovremmo interpretare la serie di rapporti in corso “Taiwan Special 2023” nel Forum della difesa norvegese? Si tratta di altro che di una campagna per preparare i norvegesi alla guerra imminente?

Si tratta di una sontuosa impresa giornalistica in cui un reporter e un fotoreporter vengono inviati per documentare l’accumulo di forze e la tensione militare intorno all’isola. Con titoli come “Ecco come andrà a finire la guerra di Taiwan”, il forum norvegese fa il gioco dei falchi belligeranti più aggressivi dei think tank di Washington. Questo forum si riferisce direttamente al Centro per gli Studi Strategici e Internazionali (CSIS) che, in un rapporto, descrive i risultati di un gioco di guerra che simula un attacco cinese a Taiwan. Lo scenario principale prevede la partecipazione degli Stati Uniti alla guerra a fianco di Taiwan.

Taiwan fa parte della Cina
È necessario ricordare che Taiwan fa parte della Cina. Solo 13 dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite riconoscono Taiwan come Stato indipendente e la maggior parte di essi sono micro-paesi come Belize, Nauru e lo Stato della Città del Vaticano. Ciò significa che la stragrande maggioranza degli stati del mondo non riconosce Taiwan, ma considera l’isola una provincia della Cina. Secondo il diritto internazionale, Taiwan può quindi essere considerato un governo ribelle illegittimo.

Non è un segreto che l’obiettivo della Cina sia riunificare l’isola con la terraferma, ma non c’è motivo di credere che la Cina stia seriamente considerando una “soluzione” militare per raggiungere questo obiettivo. Ma cos’altro può fare la Cina se non armarsi militarmente mentre gli Stati Uniti sono apertamente e militarmente impegnati in quella che è una provincia cinese?

Possiamo solo immaginare come reagirebbero gli Stati Uniti se la Cina avesse offerto assistenza militare all’isola caraibica di Porto Rico, consentendo ai portoricani di liberarsi dal loro attuale status semicoloniale di territorio senza personalità giuridica appartenente agli Stati Uniti. Comprendiamo meglio oggi come l’aggressione degli Stati Uniti contro Taiwan contravvenga al diritto internazionale?

Quando è stata l’ultima volta che hai sentito qualcosa di positivo sulla Cina?

La storia del fumetto nell’introduzione è solo un esempio di come i media occidentali diffondano sistematicamente informazioni negative sulla Cina. Dovremmo porci la domanda opposta: quante volte hai letto o sentito qualcosa di positivo sulla Cina nei media occidentali?

Tecnologia cinese avanzata

Stiamo parlando dello Stato del mondo che, negli ultimi decenni, può vantare la migliore evoluzione delle condizioni di vita umana e che ha contribuito di gran lunga maggiormente al raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile numero 1 delle Nazioni Unite, eliminazione della povertà estrema. 800 milioni di cinesi sono usciti dalla povertà, il che equivale al 10% dell’umanità. Non è lodevole di per sé? Nel 1949, quando il Partito Comunista Cinese prese il potere, la Cina era uno dei paesi più poveri del mondo. Anche oggi la Cina è tutt’altro che un paese ricco rispetto agli standard globali. Secondo la Banca Mondiale, nel 2022 il PIL nominale pro capite della Cina era circa un sesto di quello degli Stati Uniti. Tuttavia, le condizioni di vita sono migliorate notevolmente.

Quante volte sentiamo parlare degli anni terribili sotto Mao Zedong? La realtà è abbastanza diversa. Tra la rivoluzione e la morte di Mao nel 1976, l’aspettativa di vita in Cina è aumentata di 31 anni, l’incremento più rapido mai registrato in un grande Paese. Nello stesso periodo, il tasso di alfabetizzazione è aumentato dal 20% al 93%. Dopo la rivoluzione del 1949, l’aspettativa di vita è aumentata da 36 a 67 anni nei successivi tre decenni, superando di gran lunga l’aumento globale. In Cina, l’aspettativa di vita è oggi di 78,2 anni e il tasso di alfabetizzazione è del 97%. Per fare un confronto, le cifre negli Stati Uniti sono rispettivamente 76,4 e 79%. Dal 2000, la Cina beneficia di un’assicurazione sanitaria universale, di un minimo di 9 anni di istruzione obbligatoria e gratuita, di pensioni, (https://socialistchina.org/2023/08/11/western-tales-about… ).

Allora perché l’Occidente condanna quasi all’unanimità la Cina? Perché bisogna guardare molto lontano, anche nella “sinistra” occidentale per trovare qualcuno che dica qualcosa di positivo sulla Cina?

È perché la Cina è una “dittatura”? Secondo uno studio della Kennedy School of Government dell’Università di Harvard, il 93% della popolazione cinese è soddisfatta del proprio governo centrale. Probabilmente non troverete un governo al mondo che goda di un sostegno maggiore da parte del proprio popolo rispetto alla Cina.

Il successo della Cina è riconosciuto in gran parte del mondo, con l’eccezione della sfera occidentale della NATO. La Cina quindi non rappresenta solo una minaccia economica all’egemonia americana, ma è anche una minaccia politica. Il capitalismo occidentale alle condizioni americane non è stato la soluzione ai problemi dei paesi sottosviluppati, anzi. Questo è il motivo per cui sempre più paesi guardano alla Cina e desiderano cooperare e imparare da quel paese.

Chi minaccia la pace nel mondo? La risposta è ovvia. La Cina costruisce, mentre gli Stati Uniti e la NATO bombardano.

Fonte: Steigan s

Traduzione: Gerard Trousson

7 commenti su “Saremo manipolati per farci accettare una guerra contro la Cina

  1. Pienamente d’accordo con l’articolo. Qualche accanito anti cinese dirà che in Cina vige la dittatura del proletariato, cioè del partito comunista, che non esiste il multi partitismo e la libertà di iniziativa privata in economia, nè libertà di stampa e di parola e che il partito – stato controlla e decide tutto, e che la Cina vuole conquistare il mondo ! Mentre qua in occidente votiamo ogni anno, cambiamo coalizione di governo ad ogni elezione e la stampa è “libera” anche se è agli ordini di un pugno di magnati ! Mentre invece partiti politici e media sono diretti da ristrette èlite sovranazionali, che i partiti, i loro leader e la stampa non solo li dirigono a piacimento, ma li creano dal nulla a seconda dei loro interessi.
    Conclusione: il cosiddetto “libero mercato” (che è strettamente legato alla democrazia parlamentare) non è altro che una dittatura dei mercati finanziari dietro ai quali operano un pugno di fondi di investimento e di multinazionali di estrazione anglo americana, che, loro si, vogliono conquistare il mondo !

  2. Da sempre negli USA si controllano e si censurano gli organi di informazione e prima di fare la ennesima guerra umanitaria USA si calunnia ed infama il futuro nemico per creare odio e rabbia nel popolo bue ed ignorante USA !
    Questo giochetto gli USA lo fanno come Stato da quando sono NATI come STATO UFFICIALE !
    Con la fine della guerra di Indipendenza e fine delle ostilità da parte inglese il primo atto del nuovo Stato USA appena NATO è stato quello di condannare a morte per impiccagione per un inesistente atto di spionaggio un grosso ufficiale Inglese !
    Con questo assassinio spregiudicato incitato dal neonato governo USA tramite i suoi organi di stampa gli USA volevano far sapere a tutto il mondo che erano una futura potente nazione e che se né fregavano del diritto internazionale e delle leggi internazionali !
    P.S. In tutti i paesi con regimi dittatoriali Filo-USA la informazione ufficiale e ufficiosa viene censurata e controllata dai regimi locali che la usano come propaganda Filo-USA per favorire future guerre USA & NATO !

  3. Gli usanato sono il polo negativo con. Guerra,miseria e morte, mentre la
    Cina è un polo positivo con quel che ha realizzato con la rivoluzione

  4. Cari signori che scrivete contro gli USA, ma siete mai stati in Cina? Andateci e molti di voi cambieranno idea, ma non vi rendete conto che i cinesi si sono intrufolati in tutte le economie di tutte le nazioni se girate un po’ il mondo Ve ne rendete conto benissimo sono delle teste di ponte per la conquista dei paesi. Gli USA lo fanno tramite la politica loro con l’economia. Gli USA hanno fatto un grande errore spingere meglio dire obbligare i Russi a spingersi nelle grinfie dei cinesi, invece che integrarli in Europa credo che questo errore costi molto caro agli Usa, xchè più tempo passa e più la Cina si rafforza e loro sono Miliardi di essere umani contro poco più di 1/2 milioni di occidentali. Scusate se devo scegliere il male minore mi schiero con il blocco Occidentale.

    1. Ci avrei scommesso … ecco qua l’anti cinese, anti russo, anti iraniano … sappiamo che ti schieri non con il male minore, ma con il male assoluto, cioè USA-UK-NATO-UE-SIONISTI, la pensi come Borrel … occidente = paradiso e resto del mondo = giungla !
      I fatti, non io o qualcun altro, hanno la testa più dura della tua e ti faranno cambiare idea !

  5. Il confronto tra la Cina e l’occidente collettivo è il confronto tra un gigantesco stato nazionale coeso ed omogeneo ed un’accozzaglia di paesi decadenti, deindustrializzati e depopolati, capitanati da una ex grande potenza come gli USA in grave crisi economica, culturale, finanziaria, senza industria, con un’industria cantieristica di sole 100000 tonnellate di capacità produttiva l’anno contro i 20 o 30 milioni di tonnellate dell’industria cantieristica cinese.
    Gli USA nel 1945 avevano 145 milioni di abitanti contro i 500 della Cina, oggi sono 334 contro 1450, ma che guerra gli vogliono fare?
    L’1% della popolazione americana detiene il 54% delle azioni e delle obbligazioni, sia pubbliche che private, e possiamo ben immaginare a quale gruppo etnico dell’1% appartenga quell’oligarchia.
    I politici americani sono più o meno tutti ricchi a decine di milioni di dollari, comprati dall’oligarchia ebraica nordamericana, e più o meno allo stesso livello ci sono i politici europei a loro affiliati.
    Questa ristretta oligarchia politico-economica molto connotata sul piano etnico prende ordini dall’aleatoria, transitoria e velleitaria entità sionista, che dal punto di vista demografico è molto integrata con la comunità ebraica nordamericana, forse un paio di milioni di cittadini sionisti ha pure la cittadinanza americana o canadese, e molti ebrei nordamericani passano l’inverno nella Palestina occupata.
    La guerra in Ucraina serviva a spacchettare la Russia ed usare le sue immense risorse ed anche i suoi arsenali per attaccare la Cina, facendo un confronto tra gli eserciti ucraino e russo impegnati nei combattimenti dall’inizio della guerra si è notato che gli ucraini sono stati sempre in superiorità numerica anche di 2 a 1 fino a qualche settimana fa, ora sono più o meno pari, ma in termini di attrezzature i russi sono sempre stati molto superiori, anche 4 a 1 nonostante tutte le armi fornite dalla NATO.
    Ora negli USA c’è che fa problemi nel fornire fondi all’Ucraina, in realtà come ha detto Putin basta che la FED stampi dollari, l’80% di quelli circolanti oggi nel mondo sono stati stampati negli ultimi 4 anni, in realtà stanno finendo le attrezzature e le munizioni, e la NATO non ha la capacità industriale per produrle.
    Di conseguenza di fronte ad una probabile debacle l’occidente allargato preferisce forse staccare la spina al regime ucraino sul piano economico per evitare una solenne figuraccia militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM