Salutiamo la caduta della democrazia americana

di Pepe Escobar.

Né Trump né Biden possono fermare una partnership Cina-Russia che apre nuove strade al progresso e alla prosperità di paesi guidati dallo stato. Quali che siano le conseguenze geopolitiche e geoeconomiche della spettacolare distopia americana, il partenariato strategico tra Russia e Cina, nei loro registri leggermente diversi, ha già votato sulla via da seguire.

Ecco come ho inquadrato quello che è al centro del piano quinquennale 2021-2025 della Cina approvato al plenum di Pechino la scorsa settimana.
Questa l’interpretazione standard di un think tank cinese.
Ed ecco un contesto particolarmente rilevante che mostra quanto sia onnipresente la sinofobia di fronte a un modello di governance estremamente efficace made in China. Questo studio mostra come la storia, la cultura e i complessi assiomi della civiltà cinese semplicemente non possano adattarsi alla visione egemonica del mondo occidentale e pseudo cristiano.

Il “segreto” non così nascosto del piano quinquennale 2021-2025 della Cina – che il Global Times ha definito “autonomia economica” – è quello di basare il crescente peso geopolitico dello stato di civiltà sulle scoperte tecnologiche.

È essenziale che la Cina proceda su un percorso “autonomo”, vale a dire che dipende molto poco, se non affatto, da input stranieri. Anche un orizzonte chiaro – ” pragmatico ” – è stato fissato: il 2035, a metà strada tra oggi e il 2049. A quel punto, la Cina dovrebbe essere alla pari o addirittura superare gli Stati Uniti in termini di potere geopolitico, geoeconomico e tecnologico.

Potenza cinese

Questo è il motivo per cui i leader cinesi stanno attivamente studiando la convergenza tra fisica quantistica e scienza dell’informazione, che è vista come la spina dorsale della spinta “Made in China” verso la Quarta Rivoluzione Industriale.
Il piano quinquennale chiarisce che i due vettori chiave sono l’intelligenza artificiale e la robotica, ambiti in cui la ricerca cinese è già molto avanzata. Le innovazioni in questi campi daranno origine a una matrice di applicazioni in tutti i campi, dal trasporto alla medicina, compresi gli armamenti.

Huawei è essenziale in questo processo continuo, in quanto non è solo un colosso dei dati, ma un fornitore di hardware IT, che crea le piattaforme e l’infrastruttura fisica necessarie a una moltitudine di aziende per sviluppare le proprie versioni di città intelligenti, città sicure o medicinali.

Produzione cinese elettronica

Le grandi capitali – Est e Ovest – sono molto in sintonia con la direzione che sta prendendo, un processo che coinvolge anche i principali centri delle Nuove Vie della Seta. In linea con lo scenario della “terra delle opportunità” del 21 ° secolo, Big Capital si sposterà sempre più in Asia orientale, in Cina e questi nuovi hub della seta.

Questa nuova matrice geoeconomica si baserà principalmente sull’impatto della strategia “Made in China 2025”. Verrà presentata una scelta chiara per la maggior parte del pianeta: “win-win” o “somma zero”.
I fallimenti del neoliberismo

Dopo aver osservato il potente scontro, rafforzato dal Covid-19, tra il paradigma neoliberista e il “socialismo con caratteristiche cinesi”, il Sud del mondo sta solo cominciando a trarre le dovute conclusioni.
Nessuno tsunami della propaganda occidentale può trasformare in meglio quello che in realtà è un devastante collasso ideologico, in una o due fasi.
L’abietto fallimento del neoliberismo nell’affrontare il Covid-19 è palesemente evidente in tutto l’Occidente.
La distopia elettorale americana sta sigillando il totale fallimento della “democrazia” liberale occidentale: che tipo di “scelta” sta offrendo Trump-Biden?
Questo sta accadendo proprio mentre il Partito Comunista Cinese ultra efficiente e implacabilmente demonizzato dagli anglo-USA sta lanciando la sua roadmap per i prossimi cinque anni. Washington non può nemmeno pianificare cosa accadrà il giorno successivo.

L’obiettivo iniziale di Trump, suggerito da Henry Kissinger prima dell’inaugurazione del gennaio 2017, era quello di giocare – un forma di altro – “divide et impera” seducendo la Russia contro la Cina.
Era l’anatema assoluto per il Deep State e i suoi seguaci Dem. Da qui la spietata demonizzazione di Trump che ne è seguita, con Russiagate in cima alla classifica. E poi Trump ha scelto unilateralmente di sanzionare e demonizzare comunque la Cina.

Supponendo che i Democratici vincano, lo scenario si volterà verso un’ulteriore demonizzazione della Russia, anche se la guerra ibrida isterica contro la Cina persiste su tutti i fronti: uiguri, Tibet, Hong Kong, Mar Cinese Meridionale. , Taiwan.

Puti e Xi Jimping alla riunione dello SCO nella pausa pranzo

Ora confrontiamo tutto quanto sopra con la roadmap russa.

Quanto segue è stato chiaramente spiegato nei discorsi cruciali del ministro degli Esteri Sergey Lavrov e del presidente Putin durante le recenti discussioni del Club Valdai.

Putin ha fatto una dichiarazione chiave sul ruolo del Capitale, sottolineando la necessità di “abbandonare la pratica del consumo sfrenato e illimitato – il consumo eccessivo – a favore di una sufficienza giudiziosa e ragionevole, quando non si vive solo per oggi. ‘ma lui pensa anche al domani’.

Putin ha ribadito l’importanza del ruolo dello Stato: “Lo Stato è un elemento necessario, non c’è modo […] di fare a meno del sostegno statale”.

E, insieme alle infinite sperimentazioni cinesi, ha aggiunto che in realtà non ci sono regole economiche scolpite nella pietra: “Nessun modello è puro o rigido, né l’economia di mercato lo è. né l’economia pianificata oggi, ma dobbiamo solo determinare il livello di coinvolgimento dello stato nell’economia. Su cosa ci basiamo per prendere questa decisione? L’opportunità. Dobbiamo evitare di usare modelli astratti e finora siamo riusciti a evitarlo ”.
Putin, pragmatico, ha definito come regolare il ruolo dello Stato come “una forma d’arte”.
E ha fornito il seguente esempio: “Mantenere l’inflazione un po ‘più alta renderà più facile per i consumatori e le imprese russi rimborsare i loro prestiti. È economicamente più sano delle politiche deflazionistiche delle società occidentali ”.
Come risultato diretto delle politiche pragmatiche di Putin – che includono ampi programmi sociali e grandi progetti nazionali – l’Occidente non è consapevole che la Russia potrebbe essere sul punto di superare la Germania come quinta economia più grande del mondo.

Il risultato è che, combinata, la partnership strategica tra Russia e Cina questa offre, soprattutto al Sud del mondo, due approcci radicalmente diversi al dogma neoliberista occidentale standard. E per l’intero establishment americano, questo è un anatema.

Quindi, qualunque sia l’esito della “scelta” di Trump-Biden, il conflitto tra egemoni delle due principali governance non può che diventare più incandescente.

Pepe Escobar

Fonte: https://asiatimes.com/2020/11/bidding-farewell-to-americas-failed-democracy/

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • giulio
    Inserito alle 22:27h, 04 Novembre Rispondi

    se vincerà Trump i “democratici” s’inventeranno qualche altra fesseria tipo il russiagate e il conflitto sarà combattuto essenzialmente in qualche aula di tribunale e sui media.
    Se Trump perderà è quasi certo che i suoi seguaci delusi e incazzati metteranno a ferro e fuoco le città scontrandosi con gli altri al punto da innescare forse una vera e propria guerra civile che non potrebbe non indebolire ulteriormente l’jmpero.
    spero che trump perda…anche perchè non m’incantantano le storielle del trump pacifista, nazionalista, isolazionista e roba del genere

  • Farouq
    Inserito alle 01:08h, 05 Novembre Rispondi

    Perché c’era la democrazia in America?

    l’America è governata da tempo da una minoranza di fanatici criminali e il popolo lo sa ed è anche contento perché riceve qualche osso da sgranocchiare regolamento

    Ma sembra che sia finita la festa

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 02:34h, 05 Novembre Rispondi

      sappiamo tutti, tranne il kompagno giulio naturalmente, che in america chi governa sta a tel aviv.
      ora la mia domanda è : mi pare evidente che tra i due il più vicino ai J fosse Trump, quindi come è possibile che abbiano fatto vincere biden ?

      la risposta può forse essere che biden è invischiato col compagno Xi e la cricca giudeo massonica ha deciso di spostare il baricentro dagli usa alla cina ?
      del resto parliamoci chiaro, togliete l’audio alla tv e guardate biden, vi dà l’idea di uno che ci arriva al 2024 ? ma non scherziamo…

      una volta, 7-8 anni fa credo, lessi sul forum di Nexus una profezia che parlava della fine del mondo, un presidente americano che non sarebbe giunto al termine del suo mandato ma sostituito da una donna,
      putroppo alcuni anni dopo non sono più riuscito a trovare il topic, ma inizio a pensare che tra questo e Irlmaier ci stiamo avviando verso un tragico futuro, con biden o comunque i sinistronzi dem al comando l’attacco alla Russia è sempre più probabile.

    • Alessandro
      Inserito alle 09:28h, 05 Novembre Rispondi

      Occhio al gatto nero.

  • atlas
    Inserito alle 08:19h, 05 Novembre Rispondi

    i democratici sono caduti ? E MI AUGURO CHE DIO NON LI FACCIA ALZARE MAI PIU’

    in nessuna parte del mondo

  • atlas
    Inserito alle 08:38h, 05 Novembre Rispondi

    ma che finisca presto sta farsa, e ci occupiamo di cose NOSTRE