Sale la tensione fra la Cina e gli USA

ESCALATION NELLE TENSIONI USA-CINA: GLI STATI UNITI POSSONO PIANIFICARE UN’INVASIONE DI ‘TAIWAN

PECHINO Se i marines statunitensi verranno inviati per proteggere l’American Institute di Taiwan (IAT), il movimento potrebbe essere interpretato da Pechino come ” grave atto di sovversione ” e ” anche come un’invasione dell’esercito americano sul suolo cinese ” , hanno avvertito i media statali cinesi.

Un nuovo rapporto indica che il personale militare statunitense potrebbe essere mobilitato per fornire sicurezza personale agli ufficiali nel nuovo edificio dell’Istituto a Taiwan. Pechino la considererebbe una “sovversione dell’unità politica cinese”, ha avvertito un editoriale del Global Times, e ha avvisato di “un numero crescente di contromisure che Washington dovrà affrontare”.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non ha ancora deciso se i marines statunitensi saranno di stanza presso lo IAT, come ha riferito il noto ricercatore senior, David An, presso il Taiwan Global Institute, così come presso altre ambasciate statunitensi in tutto il mondo.

Mentre svolge i suoi compiti come un’ambasciata americana, questo non è tecnicamente un edificio dell’ambasciata – un’importante distinzione nella delicata danza iplomatica tra Washington, Taipei e Pechino . Questo perché l’apertura di un incarico diplomatico di questo tipo potrebbe essere interpretato come riconoscimento della sovranità di Taiwan, qualcosa che complicherebbe il rapporto con i cinesi.

Flotta cinese nel mare sud Cina

Sulla base di questi fatti, An ha detto che l’impressione è che ” la decisione finale [riguardante lo schieramento degli ufficiali delle forze armate] è ancora in fase di esame all’interno del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. ”

L’indecisione non ha impedito al Global Times di rilasciare una dura condanna delle possibili provocazioni: “Se i marines statunitensi fossero pubblicamente in divisa in AI, questo sarebbe trattato da Pechino come una severa sovversione della politica di una sola Cina o persino un’invasione militare fatta dagli Stati Uniti sul suolo cinese. ”

Nel testo si è anche osservato che, se Washington “crea problemi e prende misure estreme, saprà presto come reagirà Pechino.” Per An, 10 o 20 o addirittura 30 marines statunitensi a Taiwan che proteggono l’edificio “rappresenterebbero difficilmente una” invasione “, dal momento che un numero così esiguo di forze statunitensi “non sarebbe una vera capacità di minaccia contro un esercito straniero”.

Per aggravare la tensione potenziale nelle relazioni USA-Cina su questioni relative a Taiwan, l’ attuale disputa commerciale tra Pechino e Washington non mostra segni di poter cessare a breve.

“Chiaramente, abbiamo un problema cronico con la Cina”, ha detto Robert Lighthizer, il più alto negoziatore commerciale degli Stati Uniti, in una testimonianza davanti al Senato la scorsa settimana. “Alcuni problemi saranno affrontati in un breve periodo di tempo”, ha detto, ma ha aggiunto che “avremo un problema con la Cina che durerà per anni”.

L’ultimo piano che gli Stati Uniti stanno considerando di mobilitare il Corpo dei Marines per invadere Taiwan, sarebbe considerato dalla Cina come un atto di guerra e un’invasione militare di Taiwan, conosciuta precedentemente come l’isola di Formosa. Taiwan è considerata dalla Cina come parte integrante della sua nazione. La rivoluzione cinese fu un lungo processo storico che attraversò molte fasi, realizzando finalmente un governo veramente sovrano stabilito dal Partito Comunista Cinese nel 1949. Questo pose la Cina su un percorso di sviluppo sovrano, che alla fine ha visto la Cina crescere come uno dei paesi più potenti sul pianeta.

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Sergei Leonov

2 Commenti

  • Farouq
    31 Luglio 2018

    Quella è una guerra possibile, gli americani creeranno l’incidente poi fermeranno diplomaticamente il tutto accusando la Cina, obiettivo? Rubare gli enormi depositi cinesi negli stati uniti, la più grande rapina di tutti i tempi

  • Mardunolbo
    31 Luglio 2018

    Gli usa, con Nixon, tramite la diplomazia del “ping-pong” inviarono in Cina una squadra di ping-pong . Da allora si accordarono per escludere Taiwan (Cina Nazionalista) dal consesso dell’Onu, per ficcarci la Cina Popolare di forza.
    Non contenti gli Usa, continuano ad usare Taiwan per punzecchiare la Cina Popolare. Ultime sono le elezioni, probabilmente manipolate, per ottenere la salita al potere della presidentessa totalmente asservita agli Usa. Ciò dato che il precedente presidente aveva stretto accordi con la Cina ed i rapporti si erano molto stabilizzati, ma ciò ovviamente non poteva andare bene agli Usa…
    Ora si accingono ad inviare marines di guardia ad istituto che non è sede diplomatica, avendo tolta ambasciata statunitense a Taipei !
    Insomma, ogni provocazione alla Cina è buona ! La Cina Popolare si risente subito perchè , anche in base agli accordi con gli Usa, la Cina sarebbe una sola, non due, come di fatto sono !
    Insomma un gran pasticcio sostenuto con faciloneria dagli Stati Uniti.
    Infatti non si capisce perchè gli Usa debbano inviare una squadra di militari per difendere una sede commerciale, e non usare, più semplicemente , delle guardie giurate…

Inserisci un Commento

*

code