Russia – Smettila di chiamare “opposizione” la squadra di Navalny, sono agenti della NATO

di Christelle Néant

Maria Zakharova, la portavoce del ministero degli Esteri russo, ha richiamato a cessare di qualificare Navalny e la sua squadra come opposizione in Russia, e di chiamarli con la loro vera qualifica in vista delle loro azioni, ovvero agenti della NATO.

Occorre dire che, in seguito al completo sabotaggio di Alexeï Navalny e del suo team , tra il video pubblicato dall’FSB che mostra il suo braccio destro mentre si incontra con una persona considerata un agente dell’MI6, e il comportamento abietto di “Mr. 2%” in tribunale, di fronte a un veterano della seconda guerra mondiale, il fatto che l ‘”opposizione” russa sia in realtà una squadra di agenti della NATO è diventata questione sempre più evidente.

In seguito al fallimento delle ultime manifestazioni pro-Navalny in Russia , il suo partner Leonid Volkov, che guida le azioni di protesta dall’estero, ha chiesto il 4 febbraio di sospenderle fino alla primavera, o addirittura all’estate.
“ Non organizzeremo raduni il prossimo fine settimana… L’ondata di proteste deve finire a un punto alto. Perché se continuiamo a diminuire, questo demotiverà e frustrerà tutti terribilmente … Ci prepareremo bene e organizzeremo qualcosa di grande in primavera e in estate ” , ha detto.

Tuttavia il 9 febbraio, la situazione è cambiata, il team di Navalny ha annunciato che finalmente nuove azioni sarebbero state intraprese a febbraio.

Perché una tale inversione di tendenza in soli cinque giorni? Perché Volkov e Achourkov (quello che era stato filmato in compagnia di un presunto agente dell’MI6) sono andati a ricevere le loro istruzioni dai loro capi occidentali. E nemmeno in modo segreto. La Polonia ha postato con orgoglio l’incontro sulla sua bacheca Twitter.
“I recenti sviluppi nelle relazioni UE-Russia richiedono un’azione da parte degli Stati membri dell’UE. Ecco perché la Polonia ospita un incontro virtuale con i più stretti collaboratori di A. Navalny, Leonid Volkov e Vladimir Achourkov . I 27 rappresentanti permanenti dell’Ue insieme agli ambasciatori di Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Ucraina stanno ora discutendo i prossimi passi ”.

Chiaramente, la NATO ha dato i suoi ordini alla squadra di Navalny per il resto delle azioni da svolgere, rendendoli agenti dell’organizzazione. Nessuna cospirazione al coperto, tutto è dichiarato esplicitamente nel tweet!

Achourkov con agente M-16 (registrato mente chiede finanziamenti per squadra di Navalny)

Questo incontro in cui Achourkov e Volkov hanno ricevuto gli ordini dai loro capi della NATO non è sfuggito all’attenzione di Maria Zakharova, la portavoce del ministero degli Esteri russo, che l’ha commentata sulla sua pagina di Facebook come prova che la squadra di Navalny è in realtà un gruppo di agenti di influenza.
“Allora cosa è successo tra il 4 e il 9 febbraio che ha portato l ‘“ opposizione ”a cambiare radicalmente tattica? E ‘semplice – si è tenuta una riunione in linea con Volkov e Achourkov a Presentazione permanente della Polonia presso l’UE a Bruxelles 8 febbraio 2021, con la partecipazione dei paesi dell’Unione europea, Stati Uniti, e il Regno Unito . In effetti, è stata una riunione dei paesi della NATO. I membri della NATO hanno istruito l ‘”opposizione”, o addirittura i loro agenti di influenza, su come condurre operazioni sovversive “più intelligenti”.

L’Occidente ha già investito troppi soldi e risorse in questa storia per aspettare la primavera. Capiscono che in primavera la campagna di informazione lanciata dall’Occidente si indebolirà. Non possono più destreggiarsi con il tema delle “armi chimiche” senza presentare i fatti perché hanno le spalle al muro. Essi produrranno quindi la loro carta vincente “, ha scritto sul suo muro.

Mentre era sul set del primo canale televisivo russo, Maria Zakharova è andata ancora oltre nella conclusione da trarre da tutto questo , dicendo che era necessario smettere di chiamare la squadra di Navalny “opposizione”, e piuttosto qualificarli per quello che sono precisamente, agenti di influenza della NATO.

“In generale, dovremmo smetterla di chiamarli ‘l’opposizione’, l’opposizione è un’altra cosa. Sono agenti di influenza ” , ha detto.

Commentando i dettagli dell’incontro, la portavoce del ministero degli Esteri russo ha sottolineato che si trattava di un incontro della NATO con i suoi agenti di influenza volto a destabilizzare la situazione in Russia.

“Non importa cosa ci metti sopra, come lo chiami, ma è un incontro con agenti di influenza per destabilizzare la situazione in uno stato sovrano, non c’è altro modo per farlo. Chiamali nel modo giusto ” , ha detto la signora Zakharova .
E per il diplomatico, atti del genere da parte dei cittadini russi non possono essere qualificati se non come tradimento .

Navalny al processo per aver insultato un veterano di guerra di 94 anni

“È banale e volgare, è sempre stato così. Prendi le opere classiche dei nostri autori: dall’alta letteratura alle fiabe per bambini. Per il nostro Paese, questa è una storia la cui qualificazione è inequivocabile. Al momento non stiamo prendendo riferimenti legali ecc. Ma per quanto riguarda la valutazione morale ed etica, è un tradimento ” , ha detto la signora Zakharova.

Il diplomatico ha anche insistito nel sottolineare che Alexeï Navalny, presentato dall’Occidente come un “prigioniero di coscienza” non meriterebbe tale qualificazione perché sarebbe privo di coscienza.

“Voglio dire che anche i media occidentali hanno sostenuto o partecipato a questa campagna… così come le organizzazioni non governative: Amnesty International, che ha definito Navalny un ‘prigioniero di coscienza’. È un ossimoro – non si può chiamare una persona che non ha coscienza perché giace “prigioniera di coscienza “, ha detto Zakharova in una riunione della Duma che ha indagato sull’ingerenza straniera negli affari interni della Russia.

La portvoce ha chiarito che la Russia non può considerare le azioni dei Paesi coinvolti ” se non come un tentativo di deviare le risorse informative con l’obiettivo di interferire negli affari interni del Paese, cosa contraria ai principi giuridici internazionali “.

L’affare Navalny e il suo utilizzo da parte dei paesi della NATO per interferire negli affari interni della Russia, mostra chiaramente il doppio standard occidentale, che urla sull’immaginaria interferenza russa, ma non esita a sottomettere Mosca a quello che loro la accusano di fare. Ma soprattutto, potrebbe finire per affondare completamente Alexeï Navalny e la sua squadra politicamente in Russia. Perché i russi non desiderano avere un agente della NATO a capo del paese.

Fonte: Christelle Néant

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM