Russia NATO: La guerra imminente

di Luciano Lago
Che nessuno si lasci ingannare. La guerra è ormai inevitabile ed il conto alla rovescia è già iniziato.

Questo conflitto sta scivolando verso le sue fasi più cruente senza che qualcuno possa fermarlo ed è uscito fuori di ogni controllo. La macchina bellica adesso si è già messa in moto e nessuno potrà fermarla.

Il conflitto tra Russia e Ucraina era iniziato nel febbraio del 2022 ma, già circa due mesi dopo l’inizio c’era stata una possibilità di trattativa che poteva soddisfare le parti ma questa fu bloccata dagli anglo USA con l’intervento del premier britannico Johnson che si precipitò a Kiev per bloccare Zelensky.
Dopo più di 2 anni il fronte si va attualmente allargando come una palla di neve che, precipitando da una montagna, si ingrandisce sempre di più.
Il fronte bellico, per la verità, ha cessato di essere importante, visto che la guerra per l’Ucraina è definitivamente persa e il fronte più importante adesso è quello politico. Questo è il fronte che maggiormente può influenzare il corso degli avvenimenti, dove i politici occidentali stanno dimostrando un infantilismo e una presupponenza con cui cercano di dimostrare che le battaglie politiche sono più importanti di quelle militari.
Questi politici sono confusi e disorientati dal precipitare della situazione e hanno preso la decisione di salvare la faccia a tutti i costi, così pensano che le battaglie politiche siano più importanti che quelle militari, nonostante che queste ultime portino ad una distruzione assicurata nell’epoca del nucleare.
Qualsiasi intesa risulta quasi impossibile e la UE si trova in una disconnessione totale dalla realtà e non ha trovato niente di meglio che convocare una “conferenza di pace” in Svizzera, senza neppure invitare la Russia, l’attore principale, in un vertice a cui non ci saranno i grandi paesi che rifiutano di partecipare, dalla Cina, al Brasile, al Sud Africa ed altri, inclusi gli USA dove mancherà il presidente Biden, impegnato in California, motivo per cui tale conferenza sarà destinata al fallimento.
Questo vertice più che una conferenza di pace sarà una conferenza di guerra e già si sa che questa, senza le parti più importanti, sarà solo una kermesse pubblicitaria del comico ucraino Zelensky che promette di esibirsi in uno dei suoi soliti numeri.
Si dovrà fare un altra conferenza forse in Arabia Saudita, dicono, per avere qualche possibilità concreta di negoziati. Nel frattempo la situazione precipita.
Il caso è che, tra i partecipanti al vertice della Nato in corso, abbondano i paesi guerrafondai, tra questi il premier svedese il quale ha proposto di attaccare la Russia sul suo territorio, come anche il presidente dell’Estonia che ha detto di fare il possibile per mettere la Russia in ginocchio, come questi ha enfatizzato nelle sue dichiarazioni. Il negoziato, secondo questo personaggio, sarebbe possibile soltanto dopo la sconfitta della Russia. La Polonia non è da meno ed il premier polacco è tra i più convinti nel voler inviare le proprie truppe sul territorio ucraino e promette guerra senza quartiere.
Anche la Spagna ha messo del suo per incendiare ancora di più la situazione proponendo un piano di armi da fornire all’Ucraina e addestramento delle truppe ucraine, incluso lo sblocco delle limitazioni all’uso delle armi.


I padroni degli Stati Uniti hanno insistito nel seguitare a inviare gli ucraini come carne da macello al fronte, per quanto il personale sia quasi esaurito, ma gli USA sono persuasi che questi soldati ucraini possano, con nuove armi, proseguire ad affrontare i russi almeno fino alle elezioni presidenziali di Novembre negli USA ed attaccare in profondità nel territorio russo per simulare una qualche vittoria.
Le istruzioni (riservate) di Biden sono quelle di attaccare frontalmente contro le forze le forze russe e le città russe, uccidere più russi possibile, visto che Washington ha necessità urgente di vittorie sul campo da esibire alle sue prossime elezioni.

Gli analisti USA della Rand Corporation hanno ripreso il piano USA in Ucraina ed hanno scritto che è necessario bombardare in territorio Russia aerodromi, aerei, basi militari, vie ferroviarie, depositi di carburante, fabbriche di armi e infrastrutture varie. Il piano è ben articolato e particolareggiato e prevede di attaccare le città russe, inclusa Mosca e San Pietroburgo, per seminare terrore e caos in Russia, anche in modo da mostrare ai votanti statunitensi una qualsiasi parvenza di vittoria.
Le nazioni europee devono essere in prima fila in questo piano e, all’occorrenza sostituire gli ucraini che sono insufficienti come numero e come addestramento. Adesso tocca agli europei, polacchi, baltici, francesi, svedesi, combattere per gli interessi americani, un “grande onore”. Nel frattempo loro, gli yankes, si dedicheranno con attenzione a Israele ed alla Cina.
Nell’ambito di questo piano le forze ucraine, sotto la guida Nato, hanno già attaccato per lo meno due strutture radar strategiche in Russia, guarda caso quelle dell’allarme nucleare, a circa 1500 Km. dalla frontiera ucraina, con missili e droni a lunga gittata coordinati dalla Nato, producendo anche danni e quindi suscitando allarme nel comando russo che vede in questo una chiara minaccia alla sicurezza della Federazione Russa ed al suo “ombrello nucleare”. Una notizia passata sotto silenzio dai media occidentali ma di enorme importanza.

Dmytro Kuleba (L) and NATO Secretary General Jens Stoltenberg

In realtà il piano di attacco contro la Russia elaborato a Washington non è una novità ma era tenuto nel cassetto dagli strateghi del Pentagono che aspettavano l’occasione di tirarlo fuori. Si tratta dell’obiettivo di infliggere una sconfitta strategica alla Russia utilizzando l’Ucraina come piattaforma d’attacco e di destabilizzazione del potere di Putin. Era il piano che aveva previsto il colpo di Stato a Kiev nel 2014 (Maidan), la realizzazione di basi segrete della CIA e della Nato in Ucraina fin dal 2014/2015 (come rivelato anche dal New York Times), la preparazione dell’Esercito ucraino e delle fazioni banderiste in funzione anti russa e, nella fase successiva, la realizzazione di attacchi terroristici e sabotaggi all’interno della Russia anche utilizzando gruppi islamisti predisposti e addestrati dalla CIA (vedi l’attacco al Crocus City Hall di mosca con 143 morti ). Tutto era stato pianificato dagli strateghi USA tra cui spiccavano la Viktoria Nuland e altri esponenti dell’Amministrazione Obama prima e di Biden poi.

Sottomarino Russo

Oggi intanto l’altra notizia è quella che gli elicotteri d’attacco russi elicotteri di attacco MI-24 e MI-28 sono stati trasferiti in Bielorussia e sono atterrati in un aeroporto bielorusso, ma non si conosce il motivo preciso. Tuttavia la Nato suggerisce che questo potrebbe essere la partecipazione negli esercizi con armi nucleari o la preparazione di una nuova offensiva dal territorio della Bielorussia.

La seconda opzione sembra la più probabile.
Nel contesto di questa situazione di conflitto, l’altra notizia è quella secondo cui 11 sommergibili russi dotati di armi nucleari hanno lasciato gli ormeggi delle loro basi e stanno navigando nell’Atlantico per essere operativi H24. Sarà un segnale anche questo che dovrebbe far raffreddare le teste calde di Washington e di Londra.

16 commenti su “Russia NATO: La guerra imminente

  1. Voglio vedere dopo che si sono fatti questo film e aver detto armiamoci e partite quanti saranno davvero disposti a partire. A scanso di qualche esaltato Gli europei sono troppo abituati alle agiatezze e i poveri vogliono diventare agiati anche loro non andare incontro a morte certa. Inoltre la leva obbligatoria l’hanno tolta da un pezzo in Italia e reintrodurre in questo momento solle verebbe molte proteste.

  2. Auguri di buon sfacelo. Se la Nato si sente davvero pronta per uno scontro totale con la Russia, ci provino pure. Purtroppo se questo fosse l’ imminente prossimo futuro, nessuno potrebbe darci niente. Io lo vedo solo come una specie di suicidio collettivo, senza l’ appoggio della popolazione. In linea di massima in tanta parte contraria alla guerra. Una massa di mezzi stati senza però statisti, male armata e con pochi effettivi disponibili. Vedremo come specie i paesi UE, ad esempio proprio la Francia di Macron, riusciranno a convincere la popolazione ad arruolarsi. Distrutti i regolari. Poveri sottosviluppati mentali da clinica psichiatrica.

  3. Come è possibile che la Russia abbia permesso che si facesse dell’Ucraina, un paese sempre legato alla Russia e in gran parte russo esso stesso, un mostro di tal fatta? Come è possibile? È incredibile che dei sistemi di controllo relativi alle armi atomiche siano stati attaccati e addirittura danneggiati. E non si sente una protesta ufficiale da parte russa. E questo dall’Ucraina, un paese storicamente russo, che parla lingua russa, che è alle radici della Russia. Dopo Minsk 1 si sapeva bene cosa volevano. Ma Putin ha permesso anche Minsk 2. Poi lo ha fregato la Merkel col Nord Stream 2 tenendolo buono per più di 7 lunghi anni, dove in Ucraina hanno fatto un lavaggio del cervello h24. È quello che sto pensando. Che il Nord stream 2 sia stato concepito per questo motivo. Come cartina di tornasolevper per per accecare i russi e non permettergli di vedere quello che stava avvenendo sotto i loro occhi: la trasformazione dell’Ucraina in un mostro antirusso.

    1. Gli ucraini sono sempre stati antirussi anche quando vivevano insieme, adesso con questa guerra sta risolvendo il problema la Russia non vuole coquistare territori ma solo distruggere lo stato ucraino, quando la russia avra liberato tutti i territori di origine ruasso si divideranno l’ucraina i russi è i paesi occidentali!!

    2. Io credo che i Russi, sapevano esattamente dove stavano andando a parare gli occidentali, hanno tollerato e tergiversato, perché non si sentivano pronti ad affrontare quello che si palesava come uno scontro totale. Hanno atteso 8 lunghi anni che hanno permesso di mettere a punto e produrre tutti gli armamenti necessari a vincere questo scontro totale, o a renderlo così sconveniente per l’occidente da riuscire a fermarlo. Lo sviluppo di tutte le armi ipersoniche, i nuovi ICBM e SLBM, e il Poseidon, servivano a dissuadere l’occidente dallo scontro totale, se invece i nasoni che governano i burattini messi al governo di tutte le nazioni occidentali, US compresi, pensano che i loro bunker siano sufficienti a salvare le loro putride membra, ci troveremmo presto in una guerra nucleare globale.

    3. Purtroppo la Russia di quegli anni o non era la Russia di oggi. Putin in quella circostanza (golpe di Obama a Kiev) reagi’ con intelligenza limitando danni ben peggiori, riprendendosi la Crimea con l’enorme base navale di Sebastopoli (vero obiettivo Usa) e incomincio’ a prepararsi al peggio nel Donbas. Cos’altro poteva fare, invadere l’Ucraina no di certo. Strinse i denti e cominciò a lavorare per dotarsi di armi e strumenti sempre più sofisticati. Dire che uno statista come Putin si è fatto fregare mi pare esagerato, ma dire che la sua buona fede sia stata tradita da satanisti infidi occidentali mi sembra più corretto. Putin non é uno sprovveduto e la sua estrazione dai ranghi del KGB lo dice chiaro, oggi soprattutto. Quando ha deciso che era il momento per fronteggiare l`arroganza americana e della Nato aveva chiaro che poteva farlo perché aveva raggiunto una condizione di buona supremazia militare convenzionale sui diapositivi dell’occidente mentre in termini nucleari ce n’era e ce n’è abbastanza per incenerirlo in 24 ore (ma questo come extrema ratio). Ciò che non hanno ancora capito in Occidente è che l’Ucraina è roba russa e che la Russia è nata in Ucraina e che le radici russe sono fuse con quelle ucraine. Da lì non si passa. Costi quel che costi perché l’esistenza della Russia è legata all’Ucraina e la Russia non concepisce che il mondo possa continuare ad esistere senza la Santa Madre Russia così come è stata, è, e vuole continuare ad essere.

    4. In parte concordo con i tuoi ragionamenti, ma non capisco come i Russi non abbiano mai reagito ai trattati di Minsk alla distruzione dei gasdotti e agli attentati subiti suoi territori, non è che siano in combutta e facciano come i ladri di Pisa che di giorno litigano e la notte rubano insieme.

  4. Marrone ha detto recentemente che non crede che la Russia voglia una escalation del conflitto quindi si autofocus di volerla lui stesso. Comunque le cose sono due: o sottovaluta l’avversario o sta giocando con il fuoco ed è masochista.

  5. Come dissero le profezie della Madonna e non solo (che tutti prendevano come barzellette), la guerra a questo punto è inevitabile! L’umanità è una fogna a cielo aperto. Ci sono stati fin troppi avvertimenti. Aurore, terremoti ed eclissi e sole nero, ma non è bastato. Meglio stare con il merdaphone da 1000 euro in mano, ma la pacchia è finita!

    1. Una parte della profezia di Fatima annuncia che la Russia sarà la mano di Dio per punire il mondo e comunque la profezia di Irlmaier e’ strabiliante per i particolari descritti nella nuova guerra mondiale che si sta realizzando punto per punto, il veggente dice che sarà la Russia ad attaccare l’occidente all’improvviso senza che nessuno se l’aspetti, ora comprendiamo il motivo, le masse sono addormentate e si credono al sicuro guardando la TV, il risveglio sarà molto amaro, manca poco.

  6. Constatazione elementare : Purtroppo l’impero del male non può essere fermato con le “buone” ! Esempio storico concreto : Allende pensava che prendendo il 51 % alle elezioni, pacificamente e democraticamente, avrebbe tolto il Cile dalle grinfie delle multinazionali USA che lo affamavano ! Errore mortale, perchè poi Pinochet e i suoi sgherri diretti da Pentagono e Cia hanno provveduto ad assassinarlo, per ridare in mano alle multinazionali USA quelle concessioni minerarie “agratis” che Allende aveva nazionalizzato ! Viceversa il giochino del golpe non poteva riuscire in Venezuela, in Nicaragua e a Cuba, nonostante tutti i tentativi di destabilizzare quei paesi ! Perchè ? Perchè in questi paesi tuttora resistenti, il potere popolare non si esprime solo con una maggioranza parlamentare, che può essere rovesciata in qualunque momento, con le buone (l’arresto di Lula in Brasile per esempio), o più spesso con le cattive (omicidio Moro o golpe cileno appunto), perchè il potere popolare si esprime anche, e soprattutto, con una milizia armata che impedisce il ritorno al potere dei pupazzi di Washington ! Le milizie castriste dopo la rivoluzione del 1959, quelle sandiniste in Nicaragua, quelle “chaviste” in Venezuela, la cui esistenza garantisce la sovranità popolare in questi paesi ! Ecco perchè dico che l’impero del male anglo sion americano, può essere fermato solo con le “maniere forti”, sia dalla Russia che da tutti gli altri paesi resistenti !

  7. Qualunque cosa si pensi sulle cause che spieghino come si è arrivati a questo punto, cinta solo, ormai, che a questo punto non si vogliono fermare – i guerrrafondai con i morti degli altri, cioè, le belve atlantiste. La Russia vinca: se i suoi nemici vogliono la guerra atomica perché non vogliono darsi vinti, non sarà colpa di Putin, ma dei porci U.S..A./Davos che hanno voluto questo e vogliono tutto. Non lo avranno gratis

  8. Gli USA sono messi mali come armamenti, l’F-35 è un tale bidone che l’aviazione (o meglio le aviazioni, USAF, aviazione della marina e quella dei marines) non lo vuole e gli invenduti sono stoccati nei magazzini della Lockheed, a Taiwan manderanno 60 F-16 per attaccare la terraferma cinese ma i caccia di quarta generazione cinesi J-20, in attesa dei J-35 e comunque affiancati da una ventina di Sukhoi-35, mentre i J-20 operativi sono oltre 200, sono assolutamente in grado di batterli.
    Un F-35 pochi giorni fa è caduto ad Albuquerque in New Mexico e ha quasi ammazzato il pilota, figuriamoci se possono sfidare le potenti aviazioni cinese e russa.
    Gli USA sono completamente deindustrializzati ed iperindebitati, il debito pubblico è prossimo ai 34800 miliardi di dollari, per circa il 26% in mani estere, ma sempre meno nelle mani delle banche centrali che lo svendono tutte tranne quei solenni imbecilli della banca centrale nipponica che ne detiene una quota di 1200 miliardi, mentre sempre più è in mano a grandi investitori privati, sia interni che esteri, solo Warren Buffett pare abbia investito nei titoli di stato americani ben 130 miliardi di dollari, attratti dai tassi di interesse attorno al 5,5%, che dovrebbero aumentare perchè l’inflazione reale è fuori controllo e deve essere calmierata.
    Difficile che la situazione non degeneri nel medio periodo, anche se l’opposizione repubblicana è completamente controllata dall’AIPAC sionista lo spaventoso malgoverno degli ebrei che controllano il partito democratico sta portando gli USA, loro sì e non certo la Russia, verso la dissoluzione.
    Il potere ebraico negli USA è totale, non ci sono oppositori seri, pare che l’antisemita più seguito sia un ragazzo di origine messicana di appena 27 anni, Nick Fuentes.
    Anche se gli USA attuali sono stati ridotti dagli ebrei peggio della Repubblica di Weimar non ci sono pericoli interni per il potere ebraico come furono i nazisti all’epoca.
    Un pericolo potrebbe essere rappresentato da una minaccia esterna, in questi giorni si dovrebbero tenere in Venezuela manovre congiunte tra le marine venezuelana e iraniana, forse un movimento chavista che si potrebbe affermare tra la popolazione ispanica americana appoggiato da gruppi di pasdaran infiltrati negli USA potrebbero “occuparsi” della comunità ebraica nordamericana.
    Quando scoppiò la Seconda Guerra Mondiale l’aviazione italiana bombardò Tel Aviv nel 1940 e nel 1941, quando Rommel arrivò ad El Alamein era pronto in Grecia l’Einsatzgruppen Egypt delle SS pronto ad “occuparsi” della comunità ebraica che infestava la Palestina, ma poi Rommel, forse corrotto dai Rothshild, non avendo voluto lui occupare Malta, si fece battere.
    La storia sarebbe stata diversa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM