Russia-NATO: La guerra all’ultimo Regno Unito europeo…

di Boris Genadevich Karpov

È consuetudine affermare che la NATO è pronta a combattere “fino all’ultimo ucraino”, ma l’attualità tende a trasformare il conflitto in una guerra “fino all’ultimo europeo”. Il fatto che i vari paesi europei siano in competizione virtuale per fornire le armi più letali possibili all’Ucraina dimostra che il conflitto, per il momento locale, si trasformerà ovviamente in un conflitto regionale su tutta l’Europa, e molto probabilmente su scala mondiale poiché gli Stati Uniti ovviamente non rimarranno immuni.

Le escalation sono state numerose, regolari e costanti. Dalla consegna dell’equipaggiamento difensivo, siamo rapidamente passati all’equipaggiamento offensivo leggero, quindi all’equipaggiamento offensivo pesante (carri armati e aerei), e l’Inghilterra ora annuncia silenziosamente che sta consegnando munizioni all’uranio impoverito che sono in realtà “munizioni nucleari”.

Chi tra gli uomini sani di mente può immaginare che la Russia se ne stia a guardare? Finora la sua reazione è stata moderata, troppo moderata per molti. Nonostante ciò, gli ucraini hanno subito perdite pesantissime che potevano essere compensate solo inviando al fronte pensionati e giovanissimi. Anche i mercenari stranieri, molto numerosi, vengono pesantemente colpiti e diventa difficile per l’Ucraina formare nuove unità in sostituzione di quelle distrutte. Inoltre, è un segreto di Pulcinella che molti soldati europei lasciano ufficialmente i loro eserciti per unirsi alle forze ucraine. Sono quindi considerati “soldati ucraini” ma in realtà sono soldati della NATO.

Quindi il fatto è che la Russia non è in guerra con l’Ucraina, ma con la NATO, e questo è il motivo principale per cui non tutte le nostre armi sono ancora entrate in gioco Molti sono sorpresi che i carri armati “Armata”, ad esempio, non siano ancora intervenuti. Sii paziente, arriverà. Allo stesso modo, i missili ipersonici sono attualmente usati con parsimonia, riservati come sono a colpire i paesi della NATO quando sarà il momento.

La decisione della Corte penale internazionale di ordinare l’arresto del presidente Putin non è stata ovviamente presa senza il consenso dei paesi occidentali, o anche sotto la loro diretta istruzione. Questo non ha alcun impatto sulle operazioni militari ma è molto carico di significato e simbolismo: l‘Europa sta attaccando direttamente Vladimir Putin, e quindi la Russia. Non si tratta quindi più di difendere l’Ucraina ma di distruggere la Russia e, se questo era perfettamente chiaro fin dall’inizio solo per i più iniziati, ora lo è per tutti.

La Russia adatta quindi le sue azioni di conseguenza e si può facilmente comprendere in quale direzione: verso l’Europa.

Postazione missili Iskander

In Europa perché le armi usate dall’Ucraina passano tutte dall’Europa. Possiamo quindi aspettarci attacchi nei siti di stoccaggio e nei siti di produzione. Ovunque si trovino in Europa. Ad esempio, è più facile distruggere la fabbrica di Bourges in Francia che produce cannoni Caesar che cercare questi cannoni sparsi in Ucraina. È altrettanto facile colpire massicciamente una base di stoccaggio in Romania o in Polonia piuttosto che cercare i carri armati sul terreno in Ucraina e distruggerli uno per uno.

Questi attacchi che, se l’Inghilterra invierà “munizioni nucleari” in Ucraina, potrebbero essere attacchi nucleari a bassa intensità scateneranno ovviamente la furia dei governi europei, senza eccezioni. Vediamo oggi che anche coloro che, prima di essere eletti, avevano promesso una posizione moderata, sono i più aspri nei confronti della Russia. La scena dell’isteria del premier italiano Meloni, ad esempio, sta girando su Internet…

Quindi ci sarà una dichiarazione di guerra della NATO contro la Russia, e poi vedremo il vero stato pietoso degli eserciti europei che metodicamente distruggiamo.

Una volta disattivato l’ultimo esercito europeo, gli Stati Uniti avranno difficoltà a continuare i loro attacchi alla Russia a meno che non lancino massicci attacchi nucleari. Questo è difficile da prevedere poiché sanno che in cambio anche loro saranno distrutti. Inoltre, negli ultimi mesi si sono verificati misteriosi incendi e distruzioni di molte strutture industriali ed energetiche negli Stati Uniti. Credere che si tratti di una serie di coincidenze è uno scherzo, ed è facile capire l’interesse di queste distruzioni…

L’ex presidente Dmitry Medvedeev lo ripete regolarmente, ci stiamo rapidamente avvicinando a un conflitto aperto contro la NATO, ma sembra che le sue dichiarazioni siano ignorate o addirittura disprezzate dai leader occidentali. Questo è un altro dei tanti errori che hanno commesso dal 2014, ma sarà l’ultimo.

L’unica possibilità per evitare la distruzione dell’Europa sarebbe che i loro popoli rovesciassero i governi in carica. Ma a parte difendere i loro piccoli interessi corporativi, non sono capaci di nulla.

I francesi si ribellano oggi contro la modifica dell’età pensionabile. Ma cosa importa una volta che l’Europa e quindi la Francia saranno distrutte?

fonte: Rusreinfo/Reseau International

Traduzione: Luciano Lago



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus