Russia: la sicurezza della Turchia nel nord della Siria è garantita dal dispiegamento di soldati siriani

Oggi, giovedì, il ministero degli Esteri russo ha espresso preoccupazione per l’operazione militare turca nel nord della Siria, sperando che “Ankara si astenga da azioni che potrebbero portare a un deterioramento della situazione in Siria”.

“Abbiamo ricevuto con allarme segnalazioni sull’operazione militare turca nel nord della Siria e speriamo che Ankara si astenga da pratiche che potrebbero portare a un grave deterioramento alla luce della difficile situazione in Siria”, ha affermato il ministero degli Esteri russo in una nota.

“Allo stesso tempo, comprendiamo le preoccupazioni della Turchia riguardo alle minacce alla sicurezza nazionale provenienti dalle aree di confine siriane”, aggiunge la dichiarazione.

Ha sottolineato: “A questo proposito, riteniamo che una sicurezza affidabile al confine siriano-turco possa essere garantita solo attraverso il dispiegamento di personale militare siriano delle forze di sicurezza siriane nell’area ad esso adiacente”.

Fonti sul campo siriane hanno detto ad Al -Mayadeen Net , pochi giorni fa, che “la Russia vuole inviare messaggi di avvertimento alla Turchia, affermando la sua disponibilità a prevenire qualsiasi nuova operazione militare turca nel nord del Paese, oltre a dimostrare la sua continuazione militare presenza sul territorio».

Tank turchi

In una lettera al Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, e al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, il Ministero degli Affari Esteri siriano ha protestato contro l’istituzione da parte della Turchia di una “zona sicura” all’interno del territorio siriano, sottolineando che la misura è una “forma di aggressione nei suoi confronti”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato ieri, mercoledì, che “la Turchia ripulirà dai terroristi le aree di Tel Rifaat e Manbij nel nord della Siria”, secondo la sua affermazione, mentre il segretario di Stato americano, Anthony Blinken, ieri ha messo in guardia la Turchia contro un attacco militare in Siria, sottolineando che questo “metterà a rischio l’area”.

Da parte sua, l’Iran si è opposto al desiderio della Turchia di effettuare un’operazione militare all’interno del territorio siriano, affermando che “qualsiasi azione militare di qualsiasi Paese nel territorio di qualsiasi altro Paese è una violazione dell’integrità territoriale e della sovranità nazionale del Paese attaccato. “

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

Nessun commento

Inserisci un Commento