Russia: la NATO sapeva dell’attacco dell’Ucraina agli aeroporti militari russi



L’inviato della Russia a Vienna per i colloqui sulla sicurezza militare e sul controllo degli armamenti rivela che la NATO sapeva che l’Ucraina avrebbe preso di mira i campi militari all’interno dei suoi territori.
Giovedì, ai colloqui sulla sicurezza militare e sul controllo degli armamenti di Vienna, Konstantin Gavrilov, capo della delegazione russa, ha osservato che la NATO era a conoscenza dei recenti attacchi ucraini agli aeroporti militari russi nella regione di Saratov e Ryazan.

Gavrilov ha affermato che “la NATO era a conoscenza dei preparativi per gli ultimi attacchi ucraini contro gli aeroporti militari russi”, aggiungendo che “abbiamo dato loro una risposta immediata con un massiccio attacco al sistema di comando e controllo militare, alle strutture del complesso di difesa e alle relative strutture energetiche in Ucraina.”

L’inviato ha anche sottolineato che tali risposte si ripeteranno, senza dubbio, “ogni volta che continueranno gli atti di terrorismo ucraino “.
Il 5 dicembre, l’Ucraina ha lanciato un attacco contro gli aeroporti militari russi nelle regioni di Saratov e Ryazan utilizzando droni jet di fabbricazione sovietica, ha affermato il ministero della Difesa russo.

“La mattina del 5 dicembre, il regime di Kiev, al fine di disabilitare gli aerei russi a lungo raggio, ha tentato di colpire con veicoli aerei senza pilota a reazione di fabbricazione sovietica gli aeroporti militari Dyagilevo nella regione di Ryazan e Engels nella regione di Saratov”, ha detto il ministero della Difesa.

La Russia ha detto che i droni stavano volando a bassa quota quando le difese aeree delle forze aerospaziali russe li hanno intercettati.

“A seguito della caduta e dell’esplosione di frammenti di droni a reazione negli aeroporti russi, la pelle dello scafo di due aerei è stata leggermente danneggiata”, afferma la nota.

A causa del relitto dei droni ucraini, ha detto Mosca, tre militari russi che si trovavano all’aeroporto sono rimasti gravemente feriti e sono morti in seguito, con altre quattro ferite di varia gravità prima di essere portati in strutture mediche dove hanno ricevuto le cure mediche necessarie.

Gavrilov ha annunciato che “i droni utilizzati nell’attacco agli aeroporti militari russi sono stati modernizzati con la partecipazione di una compagnia americana”. Ha riferito: “Durante il 2022, presso la Kharkov Aviation Factory, si è lavorato per modernizzare i suddetti droni Tu-141 Strig, con la partecipazione di specialisti del Loach Design Office di Kiev e della società americana Raytheon Technologies. La gamma di questi i droni raggiungono i 1.000 km. È chiaro in quale direzione”.

Base aerea russa Engels

Secondo Gavrilov, “È noto che i padroni occidentali del regime di Kiev sono quelli che determinano la maggior parte degli obiettivi che i neonazisti prendono di mira. Pertanto, i droni Tu-141 Strig sono diretti ai loro obiettivi utilizzando il satellite globale americano sistema “GPS”.

La base di Engels era stata indicata, dai consiglieri militari USA che dirigono le operazioni in Ucrania, come un obiettivo strategico e l’aviazione della NATO aveva fornito le coordinate alle foorze ucraine per colpire tale base.

In precedenza:
Putin: Rischio di guerra nucleare in aumento
Il presidente russo sottolinea che la Russia impiegherà le sue capacità nucleari sulla base di una politica di attacco di rappresaglia.

Da Al Mayadeen inglese
Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM