"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Russia: gli attacchi dell’Occidente alla Siria non rimarranno senza conseguenze

L’ambasciatore russo a Washington, Anatoli  Antonov, ha avvisato che l’attacco da parte di USA, Francia e Regno Unito non rimarrà senza conseguenze, come da una nota pubblicata dall’ambasciata russa.

Tutta la responsabilità degli attacchi e le conseguenze ricadono su Washington, su Londra e su Parigi, come risulta inammissibile insultare il presidente della Russia, ha scritto l’ambasciatore.

Antonov ha reagito in questo modo a seguito dell’attacco scatenato dalla coalizione diretta dagli USA contro la Siria, sulla base della provocazione e montatura predisposta dai ribelli jihadisti sostenuti dai paesi occidentali. I governi occidentali hanno attribuito alla responsabilità del governo di Bashar al-Assad l’episodio, senza avere alcuna prova concreta, nell’abituale sistema di Washington di fabbricare un pretesto falso per attaccare un paese sovrano, sistema già visto in Iraq, in Libia ed in altri paesi aggrediti da Washington.

Le forze russe e siriane hanno sostenuto di aver abbattuto una buona parte dei missili lanciati sugli obiettivi siriani ma alcune esplosioni si sono registrate anche nell’area urbana di Damasco.

Rispetto a questo attacco Antonov ha dichairato che i menzionati paesi occidentali non hanno ascoltato le avvertenze di Mosca nel momento di attuare il loro attacco che risulta già pianificato da tempo.

Stessa dichiarazione anche dal ministro degli esteri russoSerguei  Lavrov il quale aveva illustrato come tutta l’operazione di Douma dell’attacco chimico era stata una provocazione utilizzata come pretesto.

L’attacco unilaterale attuato dalle potenze occidentali non rimarrà senza conseguenze, hanno dichiarato i rappresentanti del Governo russo.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Sergei Leonov

*

code

  1. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Ecco come riporta la notizia il benemerito, ancorché moderatissimo e misurato Sputnik (ex Voce della Russia):

    https://it.sputniknews.com/mondo/201804145887313-Trump-guerra-Damasco-Assad-armi-chimiche/

    Raid mirati contro la Siria di USA, Francia e Gb, il Pentagono spiega i risultati

    I raid americani per un lungo periodo ridurranno le capacità della Siria di “fabbricare armi chimiche”, ha dichiarato in una conferenza stampa Joseph Dunford, capo dello Stato Maggiore congiunto (Joint Chiefs of Staff).
    “Questa notte insieme a due alleati (Francia e Gran Bretagna — ndr), abbiamo colpito diverse strutture, compromettendo le capacità della Siria di ricercare, sviluppare e utilizzare armi chimiche e biologiche”, ha detto Dunford.
    Gli Stati Uniti ed i loro alleati hanno concluso i raid in Siria, non ci sono ancora nuovi piani, ha aggiunto il generale Joseph Dunford.
    “Al momento i raid sono finiti”, ha detto Dunford nella conferenza stampa.
    Il presidente americano Donald Trump ha dato l’ordine di bombardare la Siria questa notte. Oltre agli Stati Uniti, hanno preso parte all’operazione militare Gran Bretagna e Francia.
    Come osservato dall’inquilino della Casa Bianca, l’operazione congiunta di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia è legata al presunto uso di armi chimiche da parte delle forze governative siriane nella Ghouta orientale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Animaligebbia 3 mesi fa

      Forse saro’ impopolare,ma questo mi sembra una sceneggiata concordata dai russi con gli americani per alleggerire trump dalle pressioni neocon e non ha prodotto danni in Siria.I russi sono stati preavvisati dei raid e degli obbiettivi e praticamente hanno buttato giu’ dei capannoni vuoti, alcuni missili sono stati abbattuti dalla contraerea siriana con vettori risalenti all’epoca sovietica e con questo l’industria delle armi usa puo’ andare a cagare.Ho l’impressione che la reazione sara’ “terrestre”,con l’eliminazione,senza telecamere,dei consiglieri occidentali (alcuni sono gia’ in mano ai siriani come arma di negoziato).E “se sbaglio mi corriggerete”.Cordialmente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Norberto Trevisano 3 mesi fa

        Credo che tu abbia ragione. Neanche ai Russi conviene un’escalation del conflitto, quindi un “gioco delle parti” da dare in pasto alle rispettive opinioni pubbliche è possibile. Peccato che qualcuno è morto sul serio sotto queste bombe…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Eugenio Orso 3 mesi fa

        Esiste questa ipotesi, anche perché le installazioni e gli uomini di Mosca non sono stati toccati, a quanto sembra.
        Se la cosa fosse concordata, dietro le quinte, sarebbe comunque un segno di debolezza da parte dei tre criminali-buffoni, Trump, Macron e May (vedi il mio commento successivo) e una prova che la benemerita Russia cerca in tutti i modi di evitare un allargamento del conflitto con esiti imprevedibili.
        A tutti noi piacerebbe vedere aerei usnato abbattuti, i loro piloti linciati dalla popolazione inferocita e le loro portaerei affondate, con migliaia in mare a crepare fra le fiamme.
        Tuttavia, è chiaramente preferibile che la cosa finisca lì, anche perché siriani e russi stanno vincendo sul terreno, in Siria, e continueranno a vincere nonostante i missili dei tre criminali internazionali.
        Si noti che gli sporchi ebrei d’israele non si sono uniti al concerto … Forse c’è stato qualche monito russo molto severo, sempre “dietro le quinte”?

        Cari saluti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Anonimo 3 mesi fa

          Mi sembra che qualche giorno fà Putin abbia telefonato a netanyau consigliandogli di starsene buono buono in un angolo, in previsione dell’attacco

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Fabio franceschini 3 mesi fa

        Non se se ci sono prigionieri occidentali in mano ai siriani.di sicuro c’è stato un “via libera” russo e una comunicazione USA .resta però un sopruso che i russi hanno accettato. Vediamo i danni effettivi e va bene così se sono poco domani riprende la guerra ai terroristi.la ghouta è libera e quest a è una enorme sconfitta per gli occidentali.questo conta alla fine. E il pentagono ha temuto di dover andare in guerra con i russi non credo sia un bel giorno i neocon e la loro retorica.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Trump ha parlato alla nazione quando stava scattando l’attacco missilistico alla Siria.
    Macron ha dato appoggio e May ha anche rilasciato dichiarazioni …
    Tutti e tre gli scarafaggi usatlantisti hanno motivi per orchestrare simili provocazioni guerrafondaie.
    A parte gli ordini ricevuti da lobby ebraica, neocon, City finanziarie e aristocrazie del denaro genocide, Trump deve far risaltare la sua fedeltà ai padroni del vapore – con o senza stella di davide – e far dimenticare le tormentate vicende interne, dal caso fbi ai “legami con la Russia e Putin” (anche se non ci sono); pena l’impeachment.
    Il burattino dei Rothschild Macron, con la paura della guerra, vorrebbe cancellare gli scioperi generalizzati di lavoratori e studenti in Francia, a causa della loi travail e delle riforme neoliberiste, che rischiano di trasformarsi in rivolta (persino la Tour Eiffel, simbolo della Francia e di Parigi è stata chiusa).
    La vecchiaccia May ha le gatte da pelare che sappiamo, con la Brexit e la perdita di consensi …
    Anche per questo la Siria è stata proditoriamente attaccata, ancora una volta.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabio franceschini 3 mesi fa

    Mah!quali conseguenze? Pare essere stato un attacco modesto e comunicato attraverso le linee di de conflitto l’importante è che non abbia fatto troppe vittime e distrutto aerei .le armi chimiche sappiamo bene che non c’erano. Comunque sono deluso dal comportamento russo per la sostanziale accettazione di questo ennesimo sopruso.!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Geometrio 3 mesi fa

    Nn ho capito , quindi hanno attaccato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Il comportamento russo può essere giustificato se i danni cagionati dagli usnato sono modesti e, soprattutto, per la volontà di evitare un conflitto su vasta scala che coinvolga direttamente la Russia e anche l’Europa (in prima battuta, Ucraina, Baltico).
    Sappiamo che la vendetta è un piatto che si gusta freddo e i russi hanno già dimostrato sufficiente pazienza …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. claudio 3 mesi fa

    Quosque tandem abutere, catilina, patientia nostra??
    Può esserci stato benissimo un accordo usa russia, ciò non togli che putin abbia promesso di tendere la pariglia attaccando anche i lanciatori dei missili.. quindi?? Israele se ne è tenuta fuori ma gli altri no, che dobbiamo fare?? Facciamo solo chiacchiere?? Chi ci perde la faccia è pure putin..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Animaligebbia 3 mesi fa

      Putin ha dimostrato molte volte di essere un abilissimo stratega,molto al di sopra dei cani rabbiosi neocon e con pazienza tutta orientale tesse la sua trama: lui sa e gli occidentali pure, che il dominio del dollaro ha i giorni contati,e quando non sara’ piu’ la moneta di riferimento gli anglosionisti dovranno mollare la presa,loro lo sanno e schiumano di rabbia,per questo cercano di provocare un conflitto,una guerra e’ l’unico modo per loro per rinserrare le fila e salvare la loro economia.Putin e i suoi alleati sanno molto bene cosa fare,non per niente era un ufficiale del KGB.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mardunolbo 3 mesi fa

        Concordo Animaligebbia ! e desidero aggiungere che il capo di stato maggiore russo disse che la risposta anche contro i vettori, vi sarebbe stata se anche un solo russo fosse ferito da missili. Se cio’ non avvenne, la risposta russa sara’ fredda, determinata e profonda, aspettando il momento buono.
        Ma la schiuma rabbiosa dei cani ameropidi e dei giudeizzati inglesi e francesi sara’ reingurgitata dagli stessi al vedere che i ratti mercenari da loro mantenuti ed “evocati” finiranno a pezzi comunque , ovunque sul suolo siriano. E presto si aggiungera’ qualche consulente/consigliere usnato finito nella fogna e restituito in sacco nero.
        Non v’e’ da dubitare !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Animaligebbia 3 mesi fa

          Caro Mardunolbo ebbene si! Dovro’ chiedere scusa al nipotino di Trump.Zucchero filato a gogo’.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. claudio 3 mesi fa

        Sarà pure come dici te caro gebbia, ma intanto continua ad incassare e i giorni contati per la fine del dominio del dollaro sono ancora tantissimi.. la situazione richiede qualcosa di più.. ripeto: ci sta rimettendo la faccia.. e la sua accondis endenza con israele è dubbia, pericolosa e schifosa visto che israele mi fa schifo..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mardunolbo 3 mesi fa

          Anche questo e’ vero,Claudio, ma Putin li conosce bene avendo la Russia sopportato decenni delle belve sioniste che massacravano i russi con la rivoluzione bolscevica. Ben per questo si muove a passi felpati per non scatenare la caccia “all’antisemita” .
          La devastazione di un solo cacciatorpediniere americano avrebbe provocato la reazione mongoloide del popolo americano….e potevano farlo benissimo e senza problemi, i russi ! Ma in questo modo gli Usa si smascherano sempre piu’ di fronte all’opinione pubblica mondiale e perdono ,ESSI, sempre piu’ la faccia-feccia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. claudio 3 mesi fa

            Ma se ragioniamo così, mardunolbo, allora in qualunque momento che a putin scappi una scorreggia gli snowflakes americani ci resteranno male.. che dobbiamo fare?? Cerchiamo di non urtare la loro sensibilità ed anestetizziamo la nostra?? Se avesse tirato giù una nave sarebbe passato per il cattivo, quando pensi che potrà restituire il colpo senza ferire l’animo gentile dei ragazzi usa?? È una cosa che non può valere per sempre, prima o poi deve dire la sua.. o no??

            Mi piace Non mi piace
        2. Animaligebbia 3 mesi fa

          Se ci sono voluti 60 anni per costruire il dominio del dollaro non possiamo pretendere che rovini in 5 mesi,si tratta di processi lunghi che in un libro di storia occuperanno 2 paragrafi,d’altro canto a Putin sono occorsi 20 anni per risollevare la Russia dall’abisso dove l’avevano sprofondata gli oligarchi col doppio passaporto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. atlas 3 mesi fa

    i giudei stanno sempre dietro e pure davanti (quali saranno mai i nomi dei militari nato che hanno operato…Joseph…Aaron, Benjamin…) cmq queste sono tutte chiacchere

    cerco di vivere la vita nel modo migliore possibile, ma da Musulmano non vi sono attaccato esageratamente, preferendo quella futura. Il mio fulgido esempio militare sono i ‘kamikaze’ Giapponesi. Sulla motivazione e determinazione dell’Iran non ho alcun dubbio. Rispondere colpo su colpo, sino alla fine

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mardunolbo 3 mesi fa

    E con questo attacco vile, contro una nazione debilitata gia’ da 7 anni di guerra provocata dagli stessi criminali, si stabiliscono le alleanze ancor piu’ chiare !
    Si definiscono meglio amici e nemici….Uno di questi e’ merdo-can che ha dichiarato giusto l’atto di bombardamento missilistico dei criminali suoi pari. Putin sa come ricambiare il favore quando verra’ il tempo della Turchia !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      “Uno sviluppo importante e positivo”

      “Noi siamo pronti a fare la nostra parte”, aveva detto dichiarato in un’intervista all’emittente privata Kanal 7. “Trump dia un seguito alle sue parole, la Turchia è pronta a fare la propria porta e assumersi le proprie responsabilità”. Il Presidente turco ha poi confermato che Ankara ha inviato alle Nazioni Unite un dossier con i risultati delle autopsie dei 3 siriani morti trasportati e poi in Turchia che confermano l’utilizzo di armi chimiche, e in particolare del gas Sarin, da parte del regime di Assad, nell’attacco a Idlib.

      ECCOLO QUI’ QUELLO CHE SECONDO NESSUNO E’ IN SIRIA PER FARE LA GUERRA AGLI AMERI CANI E AI FRANCESI…E MAGARI PURE AI GIUDEI

      http://www.repubblica.it/esteri/2017/04/07/news/attacco_usa_alla_siria_erdogan_approva_positivo_ma_deve_essere_solo_l_inizio_-162392900/

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. claudio 3 mesi fa

        Vedo che l’ emulo di merdogan si è finalmente dato a letture importanti.. la repubblica è come il corano per te ed anche per me. Sono contento che abbiamo trovato un punto in comune… bravo, continua così che sei sulla strada giusta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. atlas 3 mesi fa

          io guardo ai fatti, non alle chiacchere come fai tu. Prima scrivi che temi una guerra nucleare per tuo figlio, poi che vorresti la Russia reagisse…poi cosa minkia vuoi ancora. Io guardo a ciò che è scritto, della ‘repubblica’ giornalucolo di giornalettistucoli sai quanto stracazzo me ne frega ! Poi, leggi il nome tuo ? Ma credi di essere sempre al centro dell’attenzione ? Ma chi ti pensa (se non quando sono seduto sul CESSO)…da come scrivi pare proprio che stai con gli ameri cani, se no non dissacreresti il nome Sacro del mio Duce Putin. Ma avrai una grande cocente delusione, perché a te ciò che dà disturbo è che Putin parla poco e lavora molto, da abile del KGB, non come il tuo chiaccherone di Trump

          chi abbaia tanto è perché HA PAURA !

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. claudio 3 mesi fa

            Qualunque essere umano dotato di cervello teme una guerra mondiale nucleare, io mi aspetto una reazione perchè la situazione lo richiede.
            lo capirebbe pure un idiota che così non può continuare.. e chiaramente tu non lo capisci…
            se io fossi putin prima di tutto sigillerei lo spazio aereo del libano con gli s-400, quindi schiererei esercito e aeronautica direttamente nel sud del libano e DIRETTAMENTE A GAZA E IN CISGIORDANIA..e vediamo che fanno..
            gli iraniani li piazzerei a ridosso delle alture del golan armati di tutto punto, con una bella base.. e poi vediamo se attaccano ancora..
            Fornirei ad hezbollah il meglio della produzione bellica russa, portandogliela in pompa magna, alla luce del sole, non che israele si mette a bombardare impunemente la siria.. perchè il problema è lì, in israele, nel fatto stesso che esista..
            Ci avete attaccato come coalizione?? Mo non ti faccio più ne dormire ne uscire di casa.. alla minima infrazione : bam!! Un paio di colpi di pantsir e ti tiro giù un paio di aerei, spari a gente che manifesta perchè gli hai rubato tutto e li ammazzi senza motivo??
            Vediamo che fai se dietro a questi manifestanti vedi spuntare un t90 armada e una batteria di missili con sopra scritto vaffanculo israeliani demmerda..
            BISOGNA CHE TE LO DICO E CHE TU LO COMPRENDA, TU NON CAPISCI UN CAZZO, FATTENE UNA RAGIONE. A differenza tua io porto qualche idea e qualche ragionamento, è un dato di fatto. Paura ce l’hai te, di me, altrimenti saresti già venuto a cercarmi, sai bene dove mi trovo…buffone..

            Mi piace Non mi piace