Russia e Iran sono sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguarda l’Armenia

di Andrew Korybko

Press TV ha riferito che il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha espresso mercoledì al suo omologo armeno in una telefonata preoccupazione per la presenza delle forze militari statunitensi nel paese del Caucaso meridionale . 85 soldati americani vi hanno effettuato esercitazioni dall’11 al 20 settembre, periodo che ha coinciso con un drastico deterioramento delle relazioni russo-armene. Ecco alcune informazioni di base per coloro che non hanno seguito da vicino questa situazione:

  • È facile capire perché la Russia sia così scontenta dell’ultima intervista del primo ministro armeno
  • Le ultime tre provocazioni anti-russe dell’Armenia rischiano di innescare un nuovo conflitto in Karabakh
  • Gli Stati Uniti sarebbero felici se l’Iran fosse coinvolto in un nuovo conflitto sul Karabakh

In breve, il primo ministro Nikol Pashinyan – salito al potere dopo la “ Rivoluzione di velluto Le tensioni con l’Azerbaigian sono prevedibilmente salite alle stelle a causa del mancato rispetto dei termini del cessate il fuoco del novembre 2020 mediato da Mosca, portando alle recenti preoccupazioni sulla possibilità di una nuova guerra.

Gli account dei social media in sintonia con la visione del mondo dell’Iran hanno ipotizzato selvaggiamente che la Repubblica Islamica potrebbe intervenire militarmente contro l’Azerbaigian a sostegno dell’Armenia se scoppiasse un nuovo conflitto. Fortunatamente questo rumore di sciabole si è calmato dopo che il ministro degli Esteri Abdollahian ha parlato lunedì con il suo omologo azerbaigiano e ha ricevuto da lui assicurazioni che Baku non aveva intenzione di attaccare l’Armenia. Due giorni dopo, ha parlato con il massimo diplomatico armeno ed ha espresso la sua insoddisfazione per le esercitazioni congiunte di quel paese con gli Stati Uniti.

Le possibilità che l’Iran venga coinvolto in un nuovo conflitto sul Karabakh sono quindi diminuite, e questo non poteva arrivare in un momento migliore dato che le relazioni russo-armene continuano a deteriorarsi. Erevan ha confermato che ratificherà lo Statuto di Roma, che imporrà legalmente alle autorità di arrestare il presidente Putin in caso di sua visita, sebbene l’Armenia rimanga nominalmente membro della CSTO guidata dalla Russia. Pashinyan ha poi lanciato due notizie bomba in un’intervista a Politico pubblicata mercoledì.

La maggior parte dei titoli dei media internazionali si sono concentrati sulla sua affermazione secondo cui l’Armenia non vede più la Russia come un garante affidabile della sua sicurezza, ma ciò che ha detto su come “l’UE e gli Stati Uniti -” Anche gli Stati Uniti ci sostengono nell’agenda delle riforme democratiche ” è stato altrettanto importante . Queste dichiarazioni suggeriscono un divorzio imminente tra questi due alleati ufficiali, poiché l’Armenia si allontana apertamente dalla Russia e si rivolge all’Occidente in materia di sicurezza e governance.

Non sorprende quindi che la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, in una conferenza stampa tenuta lo stesso giorno in cui è stata pubblicata l’intervista, abbia affermato che ” sempre più domande sorgono ” riguardo alle ultime misure adottate dall’Armenia. Lei ha risposto specificamente ai piani dell’Armenia di ratificare lo Statuto di Roma, ma ha aggiunto che ” non si tratta di un gesto isolato che, come ha capito bene la parte armena, solleverebbe interrogativi da parte nostra, ma di una serie di gesti collegati” .

Il giorno successivo, il presidente della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato, Leonid Slutsky, ha dichiarato :

Oggi Washington è pronta ad “aiutare” Erevan, sognando a quanto pare di creare un nuovo punto caldo anti-russo nel Caucaso meridionale. Ma tutti i suoi piani per indebolire la Russia stanno crollando davanti ai nostri occhi. Questo è ciò che devi ricordare! La “sponsorizzazione” dall’altra parte dell’oceano non ha portato benefici a nessun paese al mondo, portando solo miseria e dolore, sangue e distruzione. E questo è esattamente ciò a cui portano la “partnership” e gli “aiuti allo sviluppo” di tipo americano .

Queste parole forti mostrano quanto la Russia sia sconvolta dalla svolta filo-occidentale dell’Armenia.

In questo contesto, i legami russo-iraniani avrebbero potuto indebolirsi se Teheran non avesse prima rimproverato Yerevan, motivo per cui si è ritenuto che la telefonata del ministro degli Esteri Abdollahian con la sua controparte armena e il suo contenuto reso pubblico non avrebbero potuto arrivare in un momento migliore. La Repubblica Islamica ha valutato seriamente la situazione strategica emergente nel Caucaso meridionale e ha concluso che non valeva la pena rischiare una guerra contro l’Azerbaigian e, in una certa misura, la Turchia, per il bene di quest’ultima per procura americana.

Ai politici iraniani va riconosciuto il merito di aver respinto le recenti pressioni pubbliche su di loro da parte degli account dei social media in sintonia con la loro visione del mondo, che hanno spinto il Paese a intervenire militarmente a fianco dell’Armenia contro l’Iran e l’Azerbaigian in caso di ripresa delle ostilità regionali. Queste persone potrebbero aver avuto l’intenzione di esprimere sostegno per quelli che credevano sinceramente fossero gli interessi nazionali dell’Iran, ma in realtà non avevano una buona comprensione di quanto sopra, come dimostrato dai successivi sviluppi.

Uno degli argomenti più popolari avanzati da queste persone influenti per giustificare lo scenario di una guerra iraniana contro l’Azerbaigian era la presunta necessità di impedire a Baku di interrompere il suo corridoio commerciale con l’Armenia. Facevano sembrare che ciò avrebbe schiacciato l’economia iraniana, ma l’anno scorso il commercio tra Iran e Armenia valeva solo 711 milioni di dollari. Rispetto al PIL dell’Iran, stimato a 388 miliardi di dollari nel 2022, questo rappresenta una parte statisticamente insignificante dell’economia, per la quale non vale la pena combattere una grande guerra.

L’altro argomento avanzato da molte di queste stesse persone è che l’Azerbaigian è presumibilmente un “ paese falso ” a causa dei legami millenari che il suo popolo ha con l’Iran, che furono interrotti solo in seguito all’espansione imperiale della Russia nel 19° secolo. Affermano quindi che questo paese “ non merita di esistere ” e che dovrebbe quindi essere assorbito con la forza dall’Iran nonostante la volontà del popolo azerbaigiano. Coloro che condividono queste opinioni farebbero bene a leggere ciò che il presidente Putin ha scritto sull’Ucraina nel 2021:

“ Le cose cambiano: i paesi e le comunità non fanno eccezione. Naturalmente, una parte di un popolo in via di sviluppo, influenzato da una serie di ragioni e circostanze storiche, può, in un dato momento, rendersi conto di essere una nazione separata. Come dovremmo affrontare questa situazione? La risposta è una sola: con rispetto! Vuoi creare il tuo stato: sei il benvenuto! »

Proprio come la Russia accetta l’indipendenza dell’Ucraina nonostante i suoi legami di civiltà secolari, anche gli account dei social media in sintonia con la visione del mondo della Repubblica islamica dovrebbero accettare l’indipendenza dell’Azerbaigian nonostante i suoi legami di civiltà plurimillenaria con l’Iran. Per essere chiari, né l’Ucraina né l’Azerbaigian dovrebbero sfruttare la loro indipendenza per minacciare altri paesi, ma l’Occidente non ha trasformato l’Azerbaijan in un paese anti-Iran come ha fatto l’Ucraina, ma è uno stato anti-Russia.

I leader iraniani non condividono le opinioni economiche disinformate di alcuni dei loro sostenitori online, né le loro opinioni ultranazionaliste. Questo è il motivo per cui il ministro degli Esteri Abdollahian ha semplicemente rimproverato l’Armenia per le sue esercitazioni congiunte con gli Stati Uniti, invece di esprimere interesse per un intervento militare a sostegno dell’Azerbaigian. La sua dichiarazione rafforza la fiducia con la Russia, protegge l’integrità della politica estera antimperialista dell’Iran dimostrando che non si lascerà ingannare nel sostenere un rappresentante americano, e quindi stabilizza la regione.

Andrea Korybko

fonte: Andrew Korybko tramite Le Saker Francophone

Traduzione: Gerard Trousson

6 commenti su “Russia e Iran sono sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguarda l’Armenia

  1. quanto sono utili ai potenti questi rigurgiti di indipendenza nazionalistica in territori con storie intricate di popolazioni miste. Fecero già un’abbuffata di Nuovi Stati e Nuove Province i vincitori della PGM nel trattato di pace di Versailles, prelusione al nazismo e alla seconda guerra mondiale. Ora ecco gli stati e staterelli nati dalle province dell’URSS e della Yugoslavia, pedine nei giochi di potere, vittime dei loro cosiddetti protettori, spinti al massacro in un crudele gioco gladiatorio fra vicini di casa. E l’Europa che dovrebbe essere maestra di civile e armoniosa convivenza, che fa? Non ce la fa.

  2. tutto bene ma dovreste anche parlare delle rivolte della popolazione in Iran, insomma non tifare x una parte ma dare notizie reali solo così la gente comune si può creare una propria opinione.

    1. Ma quali rivolte ? Perchè l’occidente deve decidere come ci si veste in IRAN ???
      N.B. : non sono un bacchettone, le donne le preferisco “poco vestite”, ma rispetto anche le tradizioni che non condivido e non voglio imporre le mie a nessuno !

  3. A proposito di Iran: alle gare internazionali di fisica partecipano sempre anche ragazze iraniane, al contrario dell’Italia che vi esibisce sempre solo maschi. Le ragazze iraniane lavorano in laboratorio con il velo ed anche con i guanti, e sono bravissime. Ci ricordiamo che in Italia fino a pochi decenni fa vigeva la impunità per delitto d’onore, maschi contro femmina naturalmente? Si tratta sicuramente in Iran di un regime autoritario, probabilmente necessario dopo l’enorme corruzione dei tempi dello scià. La vera libertà non si conquista per imitazione ma in processi che richiedono tempi adeguati. Tutta la pietà per quelli che si lasciano trascinare nelle spire dei cinici mestatori.

  4. Devono essere arrivati molti dollari in contanti in Armenia ad abbagliare la loro classe dirigente. Di sicuro accompagnati da qualche biscotto. Resto comunque sorpreso che un paese di nemmeno 3 milioni di abitanti in questo periodo storico si metta ad alzare la cresta contro la Russia. E se proprio fosse al posto dei russi io la raderei al suolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM