Russia e Cina stanno costantemente privando il dollaro dello status di valuta di riserva

Gazprom e la CNPC cinese inizieranno a pagare il gas in rubli e yuan. Come una tale mossa potrebbe minare la posizione del dollaro, l’economista Vasily Koltashov ha spiegato le conseguenze di questa azione.

La Russia e la Cina pagheranno in valute nazionali per le consegne tramite il gasdotto Power of Siberia, ha affermato Gazprom. In precedenza, le merci venivano acquistate per dollari, garantendone la stabilità sul mercato. Tuttavia, ora l’influenza degli Stati Uniti sarà scossa.

L’iniziativa di Gazprom e CNPC è diventata il passo successivo nella graduale transizione nel commercio internazionale dal dollaro alle valute nazionali, ha detto a PolitExpert Vasily Koltashov, politologo e capo del Center for Political Economic Research presso il New Society Institute . Particolarmente significativo come potranno a breve usufruire dei soldi dei paesi asiatici.

“Una tale decisione è un segnale che in futuro non ci sarà più alcun dollaro nel commercio eurasiatico nè come valuta di riserva.

Nel vecchio continente, le merci saranno vendute senza la partecipazione della valuta americana. Il rifiuto dell’uso del dollaro in un’area commerciale significativamente importante significa che la sua fornitura di gas commerciale viene rimossa da questa economia. Il dollaro non sarà sostenuto dalle risorse energetiche russe in questo modo. Loro stessi lavoreranno per proteggere il rublo e lo yuan, il che contribuisce a un ulteriore cambiamento nello status di questi fondi. Possono diventare nuovi rappresentanti di riserva della valuta della “nuova ondata”, ha affermato la fonte.
La transizione verso accordi reciproci in rubli e yuan tra la Federazione Russa e la Cina sottolinea che il dollaro non è più “adatto” come valuta di riserva. In termini di merci, la moneta americana si sta deprezzando, ma la misura è corretta e necessaria.

Il ministro dello Sviluppo economico russo Maxim Reshetnikov ha valutato in precedenza il rafforzamento del rublo rispetto al dollaro e all’euro. Secondo lui, uno scenario del genere comporta una serie di aspetti non molto positivie conseguenze da verificare.

Fonte: Poliexpert

Tarduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM