Russia e Cina sfidano la dominazione del dollaro

di F. William Engdahl

Il governo russo ha recentemente annunciato che emetterà quasi un miliardo di dollari equivalenti in titoli di Stato, ma non in dollari statunitensi, come è il caso. Piuttosto sarà la prima vendita di obbligazioni russe nello yuan cinese.

Mentre $ 1 miliardo potrebbe non sembrare molto, se confrontato con il totale del debito governativo degli Stati Uniti di oltre 1 trilione di dollari della Banca Popolare Cinese o del debito federale USA di oltre 20 trilioni di dollari, il suo significato è al di là della somma nominale.


È un test condotto da entrambi i governi sul potenziale di finanziamento statale di infrastrutture e altri progetti indipendenti dal rischio del dollaro derivante da eventi come le sanzioni finanziarie del Tesoro degli Stati Uniti.

Debito russo e yuan cinese

A partire dal default sovrano dell’agosto 1998 innescato dall’Occidente, le finanze statali russe sono state prudenti quasi per evitare rischi. La dimensione del debito pubblico nazionale è la più bassa di qualsiasi grande paese industriale, appena il 10,6% del PIL per l’anno in corso. Ciò ha permesso alla Russia di resistere alle sanzioni militari statunitensi imposte dal 2014 e ha costretto il paese a rivolgersi altrove per la loro stabilità finanziaria. Quel “altrove” è sempre più chiamato la Repubblica Popolare Cinese.

Ora il ministero delle finanze russo sta pianificando la prima vendita del debito russo sotto forma di obbligazioni denominate in valuta cinese yuan. La dimensione della prima offerta, una prova del mercato, sarà di 6 miliardi di yuan o poco meno di $ 1 miliardo. La vendita è organizzata dalla russa statale Gazprombank, dalla Bank of China Ltd. e dalla più grande banca statale cinese, Industrial & Commercial Bank of China. La mossa viene accelerata dai rapporti secondo cui il Tesoro americano sta esaminando le potenziali conseguenze dell’estensione delle sanzioni, fino ad ora concentrate sui progetti russi di petrolio e gas, per includere il debito sovrano russo nella sua guerra di sanzioni. Il nuovo titolo di yuan sarà negoziato sulla Borsa di Mosca e punterà a vendere agli investitori cinesi e ai mutuatari internazionali e russi a tassi d’ interesse interessanti.

Le sanzioni occidentali o le minacce di sanzioni stanno costringendo la Russia e la Cina a cooperare in modo più strategico sulla base di quello che sta diventando il seme di un’autentica alternativa al sistema del dollaro. Le offerte di titoli di yuan russi daranno anche una spinta significativa al desiderio della Cina di costruire lo yuan come valuta internazionale accettata.

La Cina Petro-Yuan

I passi per iniziare a emettere debito pubblico russo in yuan sono accompagnati da un altro importante sviluppo verso una più ampia accettazione dello yuan internazionale nei confronti del dollaro USA. Il 13 dicembre, i regolatori cinesi hanno completato i test finali in preparazione del lancio di un contratto futures sul petrolio non sostenuto dal dollaro, ma piuttosto di uno scambio sul Futures Exchange di Shanghai. Le implicazioni sono potenzialmente grandi.

La Cina è il più grande paese importatore di petrolio al mondo. Il controllo dei mercati dei futures petroliferi finanziari fino ad ora è stato il settore più strettamente controllato delle banche di Wall Street e di New York, Londra e altre borse a termine che ne hanno la gestione. L’emergere di Shanghai come un importante centro business per i “futures” del petrolio basato sullo yuan potrebbe indebolire significativamente il dominio del dollaro sul commercio globale del petrolio e suoi derivati.

A partire dallo shock petrolifero degli anni ’70 e dal rialzo del 400% del prezzo del petrolio dai paesi OPEC, Washington ha mantenuto un rigido regime in cui la merce più preziosa del mondo, il petrolio, sarebbe stata scambiata solo in dollari USA. Nel dicembre 1974, il Tesoro degli Stati Uniti firmò un accordo segreto a Riyadh con l’Agenzia monetaria dell’Arabia Saudita, “per stabilire una nuova relazione attraverso la Federal Reserve Bank di New York con l’operazione di prestito del Tesoro USA” per comprare il debito del governo degli Stati Uniti con eccedenze di petrodollari.

I sauditi hanno acconsentito a far rispettare le vendite di petrolio OPEC in dollari in cambio delle vendite statunitensi di equipaggiamento militare avanzato (acquistato ovviamente per dollari) e una garanzia di protezione da un eventuale attacco israeliano. Questo fu l’inizio di quello che l’allora Segretario di Stato americano Henry Kissinger chiamò riciclando il mercato del petrol-dollaro. Al momento, solo due leader dei paesi esportatori di petrolio, l’Iraq Saddam Hussein e il Gheddafi della Libia, hanno cercato di cambiare il sistema e vendere petrolio per euro o dinari d’oro. Ora la Cina sta sfidando il sistema petrolifero in un modo diverso con il petro-yuan.

Dollari USA e Yuan cinesi

La differenza tra Saddam Hussein o Gheddafi è che i paesi molto più influenti, la Russia e ora l’Iran, con il supporto implicito della Cina, stanno collaborando per evitare il dollaro come necessità obbligata dalle pressioni statunitensi. Questa è una sfida molto più forte per il dollaro USA di quanto l’Iraq e la Libia potrebbero avrebbero mai potuto gestire.

Il contratto future sul petrolio della Cina in yuan consentirà ora ai partner commerciali della Cina di pagare con oro o convertire lo yuan in oro senza la necessità di mantenere il denaro investito in attività cinesi o di convertirlo in dollari USA. Gli esportatori di petrolio come la Russia o l’Iran o il Venezuela, tutti obiettivi delle sanzioni statunitensi, possono evitare quelle sanzioni statunitensi, tralasciando le operazioni petrolifere in dollari. Lo scorso settembre il Venezuela ha risposto alle sanzioni statunitensi ordinando alla compagnia petrolifera statale e ai commercianti di stipulare contratti di vendita di petrolio in euro e di non pagare più o di essere pagati in dollari USA.

Oro per il petrolio?

Lo “Shanghai International Energy Exchange” avvierà presto il suo contratto futures sul petrolio greggio denominato in yuan. Il contratto futures di Shanghai International Energy Exchange snellirà e solidificherà il processo di vendita di petrolio alla Cina per gli yuan che la Russia ha iniziato dopo le sanzioni nel 2014. Ciò consentirà anche ad altri produttori di petrolio in tutto il mondo di vendere il loro petrolio per yuan invece di dollari. Il contratto futures sul greggio sarà il primo contratto su commodity in Cina aperto a fondi di investimento esteri, case di trading e compagnie petrolifere . L’elusione del commercio del dollaro USA potrebbe consentire ad esportatori di petrolio come la Russia e l’Iran, ad esempio, di aggirare le sanzioni statunitensi.

Per rendere l’offerta più attraente, la Cina ha collegato il contratto future sul petrolio greggio con l’opzione di convertire efficientemente lo yuan in oro fisico attraverso le borse dell’oro a Shanghai e Hong Kong. Secondo Wang Zhimin, direttore del Centro per la globalizzazione e la modernizzazione presso l’Istituto cinese di economia e commercio estero, la possibilità di convertire i futures del petrolio yuan in oro darà ai cinesi un vantaggio competitivo rispetto ai benchmark intermedi di Brent e West Texas.

Ora la Russia o l’Iran o altri produttori di petrolio sono in grado di vendere petrolio alla Cina per yuan o rubli, aggirando interamente il dollaro. La svolta sta per avere luogo nelle prossime settimane, quando il contratto per il future sul petrolio yuan sarà lanciato ufficialmente. Inoltre in ottobre Cina e Russia hanno lanciato quello che viene chiamato un sistema di pagamento contro pagamento (PVP) per le transazioni di yuan cinese e rublo russo che ridurranno il rischio di liquidazione per il petrolio e altri scambi .

Secondo quanto riferito, le vendite di gas e petrolio verso la Cina sono in corso in Rubli e Yuan e per causa del folle tentativo statunitense di isolare il Qatar nel Golfo Persico, il principale fornitore di gas GNL in Cina è passato anche questo ai prezzi in yuan. Cresce la pressione per cui in un dato momento, anche l’Arabia Saudita romperà il patto del 1974 con Washington e venderà il suo petrolio alla Cina anche con pagamento attraverso lo yuan.

Prossima caduta del petroldollaro ?

L’Iran si unirà al EEU

Un nuovo elemento sta per essere aggiunto alla crescente cooperazione in tutta l’Eurasia incentrata su Cina e Russia, in particolare l’Iran. Secondo Behrouz Hassanolfat, dell’Organizzazione per la promozione del commercio iraniano, in una dichiarazione trasmessa dalla televisione di stato di proprietà dello stato iraniano, già nel febbraio 2018 l’Iran diventerà un membro dell’Unione economica eurasiatica della Russia (EEU). Attualmente l’EEU, creato nel 2015, comprende la Russia, il Kazakistan, la Bielorussia, l’Armenia e il Kirghizistan per creare un’ampia zona per il libero transito di beni, servizi, capitali e lavoratori tra gli stati membri. Attualmente l’EEU è un mercato di 183 milioni di persone. L’aggiunta dell’Iran e dei suoi oltre 80 milioni di cittadini darebbe un notevole impulso alle economie dell’EEU e alla sua importanza economica, creando un mercato comune di oltre 263 milioni di persone, con manodopera qualificata, ingegneri, scienziati e know-how industriale.

L’Iran ha già annunciato, di fronte alle crescenti minacce da Washington, che cerca modi per vendere il suo petrolio per le valute diversificate, non in dollari. L’integrazione nell’EEU potrebbe portare a una soluzione in tal senso, poiché Iran, Russia e Cina si avvicinano inevitabilmente di fronte alle pressioni inesorabili degli Stati Uniti su tutti e tre.

Sempre più in proporzione alla pressione proveniente dall’Occidente, le nazioni dell’Eurasia stanno sviluppando modalità di crescita delle proprie economie indipendenti dalle sanzioni finanziarie del Tesoro degli Stati Uniti. In retrospettiva, è probabile che quelle sanzioni statunitensi saranno considerate uno dei più stupidi tentativi di Washington di dominare le economie dell’Eurasia.

F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione: Alejandro Sanchez

3 Commenti

  • max tuanton
    22 dicembre 2017

    Gli USA SONO presenti militarmente in 150 Paesi ,la Russia e LA China in quanti? Il Dollaro e’il Dio Denaro tutte le altro SONO monete da scimmie ,non ci vuole un gran acume per capirlo Basta viaggiare un po ‘non pero ‘come DEGLI zombie ,lo spaesamento il fuso il provincialismo ecc

    • Woland
      22 dicembre 2017

      Quindi quello intrapreso da cina e russia è il modo più morbido di liberarsi dell’egemonia usa. Infatti senza i petrodollari gli americani non riusciranno più a mantenere tutte quelle basi all’estero e, piano piano, la loro egemonia svanirà. L’alternativa a questa operazione ,orbida sarebbe lo scontro frontale militare, non consigliabile per nessuno e disastroso per tutti.

  • Renè
    23 dicembre 2017

    Per quali ragioni una nazione debba emettere obbligazioni in un’altra valuta, non ne vedo.
    La Russia emette obbligazioni in valuta cinese (?!) e perchè? Idiozia, stupidità, follia, corruzione, masochismo… non è che ci siano tante alternative.
    La cosa buffa è che Mr F. William Engdahl si stupisce che la Russia non le abbia emesse in USD (!!!) e qui, a parte il fatto che probabilmente anche in USA hanno chiuso i manicomi e liberato i pazienti colà ricoverati, tra cui Mr Engdahl, alternative non ne vedo.
    TUTTE le volte che una nazione ha emesso obbligazioni in un’altra valuta poi sono capitati dei disastri, vedi l’Argentina, per citare il più famoso.
    Per quanto riguarda lo scalzare il USD è assolutamente ridicolo, (per ora) gli scambi in “pertodollari” rispetto al volume in USD della finanza mondiale, sono solo una scureg### nel vento.
    Questi continui articoli ignoranti circa l’economia ed il forex in particolare, che leggo qui su controinfo mi stanno infastidendo, ormai ho colonie di pulci che ballano il can can nelle mie trombe d’eustachio… perchè volete spingere i risparmiatori a posizioni contro Dollaro?
    Il solo fatto che il “petro”yuan sia convertibile in oro (?!) da la misura della truffa: qualunque valuta è convertibile in oro, chekazz… ma perchè mai dovrei convertire i miei piccioli in oro?! Che azz mi rappresenta l’oro? …e cosa me ne frega della conversione oro/yuan visto che l’oro è quotato in Dollari?
    …inoltre vorreste mica farmi credere che tutti gli yuan emessi sono garantiti da un corrispettivo in oro?! ah ah ah e poi perchè? Questa della convertibilità in oro è una cretineria tipicamente ammerikana (è nata in Austria ma non attecchì, mancavano i cretini, perciò fu trapiantata in un terreno dove abbondassero, in USA…).
    La cosa demenziale è che non ci sarebbe nessuna ragione per invogliare i detentori esteri di yuan a convertirli in oro (chissà perchè “oro” e non noodles o telefonini?) visto che gli yuan servono per comprare merci cinesi, vendute in tutto il mondo, dunque chi possiede yuan non ha problemi a convertirli, perchè servono a comprare in Cina merci cinesi.
    Leggo che in Venezuela, illuminati da Minerva decidono di vendere il petrolio direttamente in yuan?! NO… lo vendono in euro (?!) e qui non aggiungo altro, non sono uno psichiatra.

Inserisci un Commento

*

code