Russia e Cina criticano l’ordine extragiudiziale degli Stati Uniti

di Stephen Lendman


La Cina e la Russia sanno che l’egemonia degli Stati Uniti rappresenta una minaccia senza pari per la pace mondiale, la stabilità e i principi dello stato di diritto.

La scorsa settimana, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che i rapporti con l’Occidente dominato dagli Stati Uniti richiedono “fermezza e saggezza, aggiungendo:

“Sono fiducioso, e nient’altro che fiducioso, data l’esperienza che abbiamo avuto negli anni ’80 e nei primi anni ’90, che qualsiasi concessione unilaterale da noi fatta sarà considerata solo come debolezza”.

Cedere alle inaccettabili richieste statunitensi/occidentali garantisce “sempre di più” la perdita della propria sovranità nazionale .

“Questo è il motivo per cui stiamo (perseguendo) una politica estera indipendente e orientata a livello nazionale… una politica estera pragmatica”.

“Non prenderemo in considerazione alcuna minaccia e ultimatum, tranne che resteremo fermi e determinati contro coloro che ci minacciano”.

Allo stesso tempo, “mentre rafforzeremo la nostra sovranità e faremo tutto il necessario per mantenere la sicurezza del paese e dei suoi cittadini, non scivoleremo nell’autoisolamento o nello scontro… e non permetteremo a nessuno di trascinare la Russia in una nuova, costosa corsa agli armamenti…”

La Russia promuove “un’agenda unificante basata sul diritto internazionale” – l’esatto opposto di come operano gli Stati Uniti e i loro partner imperiali.

La Russia “coopererà con” tutte le nazioni disposte a “dimostrare la volontà reciproca sulla base dell’uguaglianza e del rispetto reciproco”.

“Il fatto che questo approccio sia condiviso dalla stragrande maggioranza dei paesi in tutto il mondo ci dà forza e fiducia”.

Lavrov

Esclusi dalla maggioranza sono proprio gli stati occidentali dominati dagli USA.

Russia e Cina sono sulla stessa pagina nei rapporti con gli egemoni USA e Occidente, rifiutando il loro ordine extragiudiziale basato su regole create da loro stessi.

Lunedì, il vice ministro degli Esteri cinese Xie Feng ha incontrato il vice dell’interventista Blinken, la Wendy Sherman a Tianjin, in un momento di relazioni bilaterali molto deteriorate. (vedi foto sopra).

Secondo quanto riferito, Xie non ha usato mezzi termini, dicendo quanto segue:

“Washington ha cercato di contenere la Cina, pensando che risolverà i suoi problemi come se l’unico modo per gli Stati Uniti di tornare grandi fosse quello di contenere lo sviluppo della Cina”, aggiungendo:

Le politiche di “concorrenza, cooperazione e confronto” rivendicate dagli Stati Uniti mirano a esercitare pressioni sulla Cina.
“Confronto e contenimento sono fondamentali. La cooperazione è per gli espedienti e la competizione è una trappola del discorso”.
“Quando gli Stati Uniti hanno bisogno della Cina, è necessaria la cooperazione”.
“Nelle aree in cui la Cina ha dei vantaggi, tagliano le catene di approvvigionamento e impongono sanzioni”.
“Per risolvere tutto ciò che gli Stati Uniti vogliono risolvere e per ottenere tutto ciò che gli Stati Uniti intendono avere, hanno sempre cercato vantaggi unilaterali”.
“Come può esserci una regola del genere in cui si fanno tutte le cattive azioni ma si prendono tutti i benefici?”

L'”ordine internazionale basato su regole mentre quella loro è legge della giungla” fatta dagli Stati Uniti in flagrante violazione del diritto internazionale – cosa che né la Cina né la Russia possono tollerare. Né dovrebbe farlo alcuna nazione.

Secondo quanto riferito, Xie ha detto a Sherman quali azioni deve intraprendere il regime di Biden per evitare che le relazioni bilaterali si deteriorino del tutto.

Secondo il ministero degli Esteri cinese, questi ha affermato che la parte statunitense deve revocare le restrizioni sui visti, revocare le sanzioni illegali e altre politiche anti-cinesi inaccettabili, abbandonare la richiesta di estradizione del direttore finanziario di Huawei, Meng Wanzhou dal Canada e non chiamare più “agenti stranieri” i media cinesi.

La Sherman con gli esponenti cinesi

Xie ha anche chiesto al regime di Biden di cessare di molestare e maltrattare in altro modo cittadini e funzionari cinesi negli Stati Uniti.

Inoltre ha “espresso forte insoddisfazione” per il falso regime di Biden per la campagna con cui afferma che (l’influenza/covid made in USA) ha avuto origine in Cina, aggiungendo:

“Esortiamo gli Stati Uniti a non sottovalutare la forte determinazione, la ferma volontà e la forte capacità di 1,4 miliardi di cinesi di salvaguardare la sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo”.

Prima dell’incontro di Xie con la Sherman, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha detto che gli avrebbe fornito (agli USA) un “tutorial” sui rapporti corretti con altre nazioni, basati sul rispetto della loro sovranità, dello stato di diritto, della cooperazione reciproca in condizioni di parità.

Secondo il South China Morning Post, Wang ha affermato che “gli Stati Uniti non devono sfidare o cercare di sovvertire il modello di governance cinese”.

“Non devono interferire nello sviluppo della Cina”.
Non devono violare la sovranità della Cina o danneggiare la sua integrità territoriale”.

È stato citato il portavoce di Pechino mentre questi dichiarava che gli Stati Uniti “devono mantenere le promesse sulla questione di Taiwan…”
La Cina si riserva il diritto di utilizzare “qualsiasi mezzo necessario” per contrastare le provocazioni per la sua indipendenza.

I colloqui di lunedì non hanno portato a nulla di positivo come previsto

Le possibilità di migliorare le relazioni degli Stati Uniti con tutte le nazioni libere dal loro controllo sono praticamente nulle, cosa che Cina e Russia sanno bene.

A sostegno della rabbia di Washington di dominare altre nazioni, il NYT – nel riferire sull’incontro di Xie con Sherman – ha recitato un elenco di false accuse anti-Cina degli Stati Uniti.

Settimane prima, il presidente cinese Xi Jinping ha denunciato quella che ha definito “lezioni insopportabilmente arroganti da parte di quei falsi maestri”.

Prima dell’incontro con la Sherman lunedì, il ministro degli Esteri Wang Yi ha dichiarato quanto segue:

Se gli Stati Uniti non hanno imparato ad andare d’accordo con altri paesi in modo equo, allora abbiamo la responsabilità di lavorare con la comunità internazionale per dargli una buona lezione di recupero”.

Fonte: Stephen Lendman

Traduzione: Luciano Lago

15 Commenti
  • Pippo
    Inserito alle 17:50h, 29 Luglio Rispondi

    I governanti Cinesi devono porre termine alle orribili efferatezze che compiono quotidianamente nei confronti degli animali, ovvero devono decidersi a combattere la crudeltà e la barbarie insite nel loro popolo. Solo cosi troveranno simpatia e rispetto da parte delle altre Nazioni. Etica, morale, umanità e misericordia verso gli animali innocenti è ciò che vi manca, egregi governanti della Cina.Altrimenti tanto varrebbe continuare ad essere schiavi degli USA, almeno certe tradizioni sanguinolente ed orripilanti, li non avvengono.Non si può chiudere gli occhi su certi orrori tutti cinesi e degli Stati confinanti influenzati dalle medesime atroci usanze.

    • Cristina Cappugi
      Inserito alle 18:21h, 29 Luglio Rispondi

      Condivido in pieno, ho il tuo stesso identico sentimento.

      • atlas
        Inserito alle 02:00h, 30 Luglio Rispondi

        questo è il troll democratico sotto altro nomignolo

        • Giorgio
          Inserito alle 09:17h, 30 Luglio Rispondi

          Sono un amante degli animali, ne ho diversi e sono molto migliori di tanti umani ……..
          ma questa è un’altra forma di subdolo qualunquismo filo atlantista …….

        • atlas
          Inserito alle 10:50h, 30 Luglio Rispondi

          crepa mostro dalle 10 facce

  • eusebio
    Inserito alle 19:05h, 29 Luglio Rispondi

    Cina e Russia devono intensificare i loro rapporti, nonostante la disparità economica e demografica, causata dall’aggressione ebraica al popolo russo travestita da rivoluzione bolscevica, considerando che attorno al 1920 lì80% della militanza bolscevica era giudaica incluso il gruppo dirigente, poi fortunatamente liquidato da Stalin tranne l’ebreo sanguinario Kaganovic, aggressione che ha lasciato la Federazione Russa con una popolazione molto inferiore all’Impero Russo del 1914, i rapporti tra i due paesi sono ottimi e la collaborazione politica, economica e militare si intensifica.
    Truppe russe tra non molto prenderanno parte a manovre militari in Cina, le due potenze collaborano in Asia centrale contro le pretese yankee e turche, e la Russia potrebbe aiutare la Cina nel riarmo nucleare in funzione anti-yankee.
    Con l’aiuto russo-cinese all’Iran si può consolidare ed espandere il blocco eurasiatico, il quale può liquidare il regime filo-sionista ucraino, riportare Taiwan sotto il controllo cinese e sostenere l’Asse della Resistenza nella liquidazione dell’entità sionista.

  • mario
    Inserito alle 21:15h, 29 Luglio Rispondi

    CINA RUSSIA ULTIMA SPERANZA PER L ” UMANITA”……………………………………………………………………….

  • Backward
    Inserito alle 21:26h, 29 Luglio Rispondi

    E anche loro ad indossare le museruole: accipicchia che alternativa! Il mondo sarà così diverso senza l’egemonia USA… giusto??

    • Giorgio
      Inserito alle 09:20h, 30 Luglio Rispondi

      Tolti di mezzo l’egemonia anglo sionista ed i regimi liberal democratici loro servi ……. il mondo non diventerà forse un paradiso terrestre ……
      ma di sicuro un posto migliore in cui vivere …….

      • atlas
        Inserito alle 14:02h, 30 Luglio Rispondi

        intanto la Germania vieta a facebook di sospendere gli utenti senza preventiva notifica e gli impone di dare l’opportunità all’utente di essere ascoltato e potersi appellare. Sarà interessante vedere la reazione di facebook. In ogni caso crea un precedente notevole. Qualcosa si muove ? Sempre dal sangue di Hitler

  • Hannibal7
    Inserito alle 00:01h, 30 Luglio Rispondi

    SI VIS PACEM PARA BELLUM…disse una volta un tale
    Dasvidania

    • atlas
      Inserito alle 10:52h, 30 Luglio Rispondi

      in Siberia, porco democratico schifoso. E pure omofilo

  • Maurizio
    Inserito alle 10:13h, 30 Luglio Rispondi

    Pippo e Cristina….. NON condivido !

  • plutarco
    Inserito alle 10:27h, 30 Luglio Rispondi

    Ricordate il cacciatorpediniere britannico Defender che ha condotto la provocazione nel Mar Nero, attraversando le acque nazionali russe della Crimea? Convinta di aver fatto un bello scherzo ai moscoviti.

    Ed ecco la risposta dei moscoviti: “Pardon signore, credo che abbia smarrito questi documenti top secret della Difesa!”.

    In altre parole: “Documenti sensibili della difesa del Regno Unito contenenti dettagli sull’HMS Defender e sull’esercito britannico sono stati trovati da un passante – a una FERMATA DELL’BUS! Il Ministero della Difesa ha confermato che un membro dello staff aveva segnalato la perdita, nel frattempo il pendolare ha consegnato le informazioni classificate alla BBC, che si dice sia un o spesso dossier di 50 pagine.

    Ovviamente i russi hanno letto i documenti segreti così stranamente “smarriti” … e sono in grado di riferirne il contenuto

  • atlas
    Inserito alle 00:42h, 31 Luglio Rispondi

    vai a provare tua sorella in strada quanti soldi ti porta troll democratico di merda

Inserisci un Commento