Russia e Cina, coerenti con la madrepatria africana

placeholder


di José A. Amesty R.

A seguito del II vertice Russia-Africa, tenutosi nella città di San Pietroburgo, si sono conclusi due aspetti molto importanti.

La prima cosa è che ci sono state abbondanti dichiarazioni, accordi e riconoscimenti:

Russia e Africa “hanno riaffermato la loro posizione sulla formazione di un ordine mondiale giusto e multipolare”.
Secondo Putin, “nel complesso, apprezziamo molto i risultati del nostro lavoro congiunto al vertice. Sono fiducioso che i risultati raggiunti costituiscano una buona base per approfondire ulteriormente il partenariato russo-africano nell’interesse della prosperità e del benessere dei nostri popoli”.
“Abbiamo definito le principali aree del futuro lavoro congiunto, delineato piani per rafforzare il coordinamento della politica estera, aumentare i flussi commerciali e di investimento, la cooperazione industriale tra la Russia e i paesi del continente”, ha aggiunto Putin.
Inoltre, ha affermato che, di conseguenza, “Mosca e i paesi africani hanno anche deciso di passare all’uso delle loro valute nazionali nelle transazioni commerciali, compreso il rublo”.
Il presidente russo ha sottolineato che “Mosca sostiene attivamente il desiderio dei paesi africani di partecipare più ampiamente alle attività delle organizzazioni internazionali, come l’ONU. Sebbene alcune manifestazioni del colonialismo siano ancora vive e praticate dalle “vecchie metropoli”, l’Africa sta diventando un nuovo centro di potere”, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.
Putin ha citato l’iniziativa africana per una soluzione pacifica al conflitto ucraino. Nelle sue parole, questa iniziativa mostra che l’Africa “è disposta ad aiutare a risolvere problemi che sembrano essere al di fuori dell’area dei suoi interessi primari”. Ha sottolineato che Mosca “rispetta le iniziative africane e le considera attentamente”.

Secondo il presidente russo, “anche l’autorità delle strutture regionali africane, in particolare dell’Unione africana (Ua), è notevolmente aumentata. Ha sottolineato che dare all’UA un seggio nel G20 sarebbe una “decisione veramente corretta” e che la parte russa la sostiene attivamente”. Secondo Putin, “la Russia sostiene anche il desiderio dei paesi africani di partecipare più ampiamente alle attività delle Nazioni Unite”.
“Siamo pronti a prendere in considerazione proposte per ampliare la rappresentanza delle strutture africane e degli africani in generale nelle strutture delle Nazioni Unite, anche nel contesto della riforma in corso del Consiglio di sicurezza. Crediamo che sia giunto il momento di correggere l’ingiustizia storica commessa nel continente africano”, ha affermato Putin.
Putin ha osservato che “Mosca intende cooperare anche con altre associazioni di integrazione regionale del continente, chiarendo che l’attenzione che il Paese eurasiatico rivolge all’Africa “non smette di crescere”. Ha aggiunto che Mosca vuole ripristinare e aprire nuove missioni russe e aumentare il personale di diverse ambasciate già esistenti nei paesi del continente.
“Questo è un vero e proprio passo pratico per intensificare in modo significativo il lavoro con i Paesi africani in ambito politico, economico, umanitario, culturale e turistico”, ha affermato Vladimir, osservando che Mosca, a sua volta, “accoglierebbe con favore passi reciproci da parte di alcuni dei suoi amici africani .
Infine, a seguito del Piano d’azione del Forum di partenariato Russia-Africa per il 2023-2026, sono stati concordati meccanismi di integrazione ancora più specifici, quali:
“Prevenire una corsa agli armamenti nello spazio, cooperazione nel campo della sicurezza internazionale delle informazioni e rafforzamento della cooperazione nella lotta al terrorismo”.
Inoltre, “a margine del forum e del vertice sono stati approvati una serie di accordi, contratti e altri documenti relativi a vari campi della cooperazione della Russia con i paesi africani”.
Senza dubbio, tutte queste considerazioni della Russia verso il continente africano sono motivate dal richiamo del suo debito verso l’Occidente.

Secondo il combattente sociale Ramiro Chimuris, nel suo articolo ” Il neocolonialismo legale nell’educazione del 21° secolo“, ci ricorda che “non ci sono resoconti di come l’Europa abbia sottosviluppato l’Africa. Sappiamo poco o nulla dell’Africa, della sua vita, delle sue lingue, della molteplicità dei saperi ancestrali, della geografia, della storia, dell’educazione, della filosofia, della matematica, della letteratura, della poesia, delle danze, del cibo. L’Africa è stata sistematicamente negata da quando i primi africani iniziarono a camminare verso i restanti continenti circa un milione e quattrocentomila anni fa. Grégoire Biyogo, definisce questa situazione come “amnesia millenaria”, perché nulla viene insegnato sul sapere scientifico o filosofico egiziano, né sulle culture Ishango, Fang, Dogon, Woyo, Yoruba, Walaf o Wolof, e tante “altre” culture africane. . Sappiamo poco o nulla dei movimenti di liberazione del XX secolo in Africa, del panafricanismo del 1919, né della filosofia e dell’ideologia della coscienza africana promosse da Kwame Nkrumak (1957). Lo stesso accade con il movimento metafisico di Alexis Kagame o la filosofia della storia di Cheik Anta Diop, che nel 1951 presentò una tesi di dottorato all’Università di Parigi in cui sosteneva che l’antico Egitto fosse stato una cultura negroide, tesi che fu respinta per non aver soddisfatto i requisiti.

Raccolse ricerche e articoli e nel 1960 la sua tesi fu accettata. Il filosofo Eugenio Nkongo Ondó rivendica nelle sue opere tutta la cultura e il sapere ancestrale africano, ricorda che la Teologia della Liberazione Africana con contributi di vari autori tra cui Meinrad P. Hebga, Engelbert Mveng, Monsignor Tshibangu e Vicent Mulago, proclamano la stessa dottrina della Teologia della Liberazione che in America Latina e nei Caraibi contemporaneamente. Nelle bibliografie dei corsi di studio dell’America Latina e dei Caraibi, oltre a quelli sopra citati, non troviamo autori come Alain Bourgeois, Iván Van Sertima, Théophile Obenga, o la filosofia radicale di Eugenio Nkogo Ondó. Invece spendono molte risorse e ore perché vengano ricordati Socrate, Platone, Cartesio, Hegel, Kant, Washington, Montesquieu, Voltaire e Rousseau.

Colonialismo e neocolonialismo, da secoli, assolvendo ai propri interessi e compiti, compiono un’aspirazione, estrazione e furto di beni e ricchezze materiali e immateriali, materiali e immateriali. Attraverso tattiche violente di umiliazione, mutilazione, usurpazione, espropriazione, tratta di esseri umani, la memoria, la storia e la cultura dei diversi popoli, oltre alle loro risorse naturali (terra, acqua, minerali). Nel XXI secolo le vetrine dei musei europei espongono come “trofei” della barbarie e del furto del patrimonio culturale, la statua di Osiride al Museo del Louvre, la testa di Thutmes III, XVIII dinastia in una teca del British Museum, la famosa scultura del 1330 a.C. della regina egiziana Nefertiti e incisioni dell’antico Egitto nel Museo Nues di Berlino,

Facendo invece una sintesi delle agenzie di stampa, Europa Press, Latin American Summary e NPVe Information Channel, segnaliamo il prodotto più significativo, importante, bello e da copiare, della seconda parte del II Vertice Russia-Africa .

  • Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha affermato che “il suo Paese ha condonato circa 23.000 milioni di dollari del debito che i Paesi africani hanno contratto con il suo Paese, prima di manifestare l’intenzione di contribuire con altri 80 milioni di euro per ridurre” il fardello del continente”.
  • A sua volta, ha ricordato che “il suo Paese era disposto a fornire a Burkina Faso, Zimbabwe, Mali, Somalia, Repubblica Centrafricana ed Eritrea “tra 25.000 e 50.000 tonnellate di grano senza alcun costo” per alleviare le loro crisi alimentari”. Putin ha anche sottolineato che, “nella prima metà del 2021, la Russia ha esportato quasi dieci milioni di tonnellate di grano in vari Paesi africani, rispetto agli 11,5 milioni che sono stati spediti in tutto il 2022″.
  • Allo stesso modo, la Russia ha annunciato più di 90 milioni di dollari per scopi di sviluppo in Africa.

Infine, vorremmo citare l’identico ruolo della Cina, secondo l’economista Claudio Della Croce, nel suo articolo ” Cina, Indonesia, Unione Africana e gli equilibri in un nuovo G-20 “, quando lo scorso anno 2022 riferì che :

Leader africani con Xi Jinping

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha annunciato che “condonerà” 23 prestiti senza interessi a 17 paesi africani, reindirizzando anche 10 miliardi di dollari delle sue riserve nel Fondo monetario internazionale (FMI) alle nazioni di quel continente, e ha annunciato che la Cina sostenere l’ingresso dell’Unione Africana (UA) nel G20”.

Allo stesso modo, “dal 2000 e nel corso degli anni, la Cina ha annunciato molteplici cicli di prestiti senza interessi ai paesi africani e ha cancellato milioni di dollari di debiti, con lo Zambia che è stata la nazione più favorita nel 2019. Molti dei recenti prestiti dalla Cina non sono stati considerati per cancellazione, e molti altri sono stati ristrutturati.”

Fonte: Globalizacion c.a

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Russia e Cina, coerenti con la madrepatria africana

  1. Russia e Cina cooperano con vantaggi reciproci con i paesi africani.
    Usa e UE li hanno sempre colonizzati, occupati e depredati, e vorrebbero continuare a farlo.
    Fino agli anni 60 il vento della speranza per i popoli soffiava da EST, perchè le rivoluzioni russa, cinese, cubana e le guerre anticoloniali di indipendenza in Algeria, Angola ecc., e leader come Nasser, Gheddafi e altri, avevano acceso speranze in tutto il mondo (anche se molte di queste speranze sono andate deluse).
    Poi ha ripreso a soffiare il vento da OVEST, quindi neo liberismo, iper liberismo, dittatura dei mercati, operazioni di “polizia internazionale”, “guerre senza fine”, golpe, rivoluzioni colorate, omicidi mirati, aggressioni dirette e diffusione del culturame nichilista di stampo anglosassone.
    Ora questa fase sta finendo per sempre. Il vento ha ripreso a soffiare da EST e ricaccerà al di là dell’atlantico la feccia che pretende di dominare il mondo !

  2. Non si capisce come mai la Cina non esca dal debito pubblico americano, in cui è impegnata per 840 miliardi di dollari, soprattutto dopo il declassamento dello stesso debito ad opera di Fitch, declassamento che ha reso più costoso il finanziamento del debito stesso, mentre le entrate fiscali americane sono in declino.
    Il governo federale americano ha sempre meno capacità di spesa e finanzia il debito pubblico con nuovi prestiti, mentre il deficit di bilancio sale sopra i 1000 miliardi di dollari all’anno e il debito pubblico federale vola verso i 33 trilioni di dollari.
    La Cina potrebbe uscire tranquillamente, tanto le importazioni americane dalla Cina stanno scendendo e paesi sudditi come Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Regno Unito sono obbligati a sostenere il debito americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM