Rouhani ricorda agli Stati Uniti: questa via navigabile si chiama Golfo Persico, non Golfo di New York

Alla luce degli incessanti atti di avventurismo militare e le minacce di Washington nella regione del Golfo Persico, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha nuovamente ricordato agli Stati Uniti a chi appartiene veramente la via navigabile Golfo Persico.

“Gli americani dovrebbero sapere che questa via navigabile si chiama” Golfo Persico “. Non si chiama “il Golfo di New York” o “il Golfo di Washington” “, ha dichiarato il presidente Rouhani durante una sessione di gabinetto a Teheran, in occasione della Giornata nazionale del Golfo Persico.

“Dovrebbero comprendere le circostanze [che riguardano la zona geografica] prendendo in considerazione sia il suo nome che la nazione che lo ha preservato per migliaia di anni, e, quindi, dovrebbero smettere di tendere trame contro la nazione iraniana ogni giorno”, ha affermato il presidente .

Gli americani, ha aggiunto, possono chiaramente testimoniare come la nazione iraniana sia stata protagonista e continui ad avere successo in tutte le aree, inclusa la sicurezza dell’area marittima.

Le forze armate iraniane, comprese le forze navali al servizio del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica (IRGC) o dell’esercito, nonché i reparti arruolati con la forza di contrasto dell’Iran e la forza di volontariato Basij hanno invariabilmente garantito la sicurezza dei corsi d’acqua e delle sue coste, ha aggiunto Rouhani .

L’amministratore delegato si è congratulato con gli iraniani per la ricorrenza nazionale, ponendo l’accento sul diritto della nazione alla via navigabile che ha un significato speciale per la Repubblica islamica, data la sua contiguità con le acque internazionali e il fatto che ospita numerose spedizioni di carburante.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato in un recente tweet di aver ordinato alla Marina americana di “abbattere e distruggere” cannoniere iraniane che “molestano” le navi americane, a seguito di un recente scontro tra navi da guerra statunitensi e barche militari iraniane nelle acque del Golfo.

L’IRGC ha denunciato le navi americane per il loro comportamento “poco professionale e pericoloso” nella via navigabile e ha dichiarato di aver “causato problemi” a una delle navi logistiche della forza d’élite che era su una pattuglia di routine.

Una dichiarazione della Marina degli Stati Uniti affermava che circa una dozzina di navi dell’IRGC si erano avvicinate a diverse navi della marina americana nel Golfo Persico “in modo pericoloso e molesto”.

L’IRGC ha respinto con forza l’affermazione, definendo l’account una “storia di Hollywood” e ha messo in guardia reciprocamente le forze terroristiche statunitensi dal prendere qualsiasi mossa sconsiderata nel corso d’acqua.

Unità Navali Iraniane nel Golfo

L’IRGC ha dichiarato che le forze navali iraniane sono state istruite a colpire navi o unità navali da guerra “terroristiche” americane qualora queste dovessero molestare navi civili o militari iraniane al largo del Golfo Persico.

Nota: I recenti incidenti fra le unità navali USA e quelle iraniane, con le rinnovate ed inedite minacce dell’Amministrazione Trump di affondare le navi iraniane che si avvicinano alle navi USA, hanno dimostrato la rinnovata aggressività statunitense contro l’Iran e la ferma determinazione della Repubblica Iraniana nel difendersi e presidiare le proprie acque territoriali dalle pretese di ingerenza USA.
L’Iran non è un satellite degli USA e non si piega di fronte alle pretese di coloro che credono di essere i padroni del mondo e degli oceani. D’altra parte Washington si basa sulla legge della forza per imporre i suoi diktat ma con Teheran trova un osso duro che non si lascia intimidire e lo dimostra lo sviluppo armamentistico e tecnologico della Repubblica Islamica dell’Iran che ha già dimostrato di saper rispondere colpo su su colpo agli atti di aggressione della superpotenza USA. Gli strateghi americani sanno che il prezzo da pagare per una eventuale aggressione contro l’Iran sarebbe molto alto, troppo anche per la bellicosa Amministrazione di Trump e Mike Pompeo.
Fonte: Press Tv
Traduzione e nota: Luciano Lago

2 Commenti

  • eusebio
    29 Aprile 2020

    Gli americani sul mare ormai prendono sganassoni da tutti, una parte della flotta è in porto a causa dei contagi di massa da coronavirus, i cinesi hanno appena espulso il cacciatorpediniere USA Barry dalle sue acque nel Mar Cinese Meridionale dove la sua flotta incrocia incontrastata, insomma il declino della potenza USA ormai è palese ed irreversibile.

  • Teoclimeno
    29 Aprile 2020

    La talassocrazia americana è sul viale del tramonto.

Inserisci un Commento

*

code