Ron Paul allerta: “Sfortunato” Guaido, adesso lui “Vale più morto che vivo” per i creatori del golpe venezuelano di Washington


Il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaido non è riuscito a dare il via a una rivolta militare martedì. Dopo questo fiasco, RT riferisce che la sua vita potrebbe essere in pericolo dai suoi stessi sostenitori della CIA , il direttore dell’Istituto Ron Paul ne ha discusso in un dibattito.
Paul ha detto di essere preoccupato che il paese latinoamericano possa essere immerso nella violenza su larga scala a seguito di qualche provocazione.

“Il grande pericolo è una dura guerra che possa scoppiare. Scommetto ancora che non sarà un male, con migliaia di truppe in movimento. Ma potrebbe essere una guerriglia o qualcosa del genere. Se si verifica una provocazione di “false flag” o se qualche importante ufficiale da entrambe le parti viene ucciso, non puoi dire cosa potrebbe accadere “, ha detto.

McAdams ha sottolineato che Guaido stesso, con il suo record di tentativi nel non riuscire a mobilitare la protesta contro il governo di Maduro, potrebbe essere l’obiettivo di una tale provocazione.

È stato finora una specie di figura sfortunata. Chiede proteste di massa e nessuno si presenta. Chiede di mobilitare i militari e questi non lo considerano. Non penso che in questo momento realizzi che in realtà ora lui vale più morto che vivo, non solo per la CIA, ma anche per i suoi stessi oppositori. Un colpo sparato tra la folla o qualcosa del genere per far uscire di scena Guaido. Potrebbe spaventarti, dottor Paul, ma la CIA è piuttosto brava in questo genere di cose.

Ha detto che gli eventi di martedì, quando Guaido ha dichiarato che a Caracas è in atto un colpo di stato appoggiato dall’esercito che, come ora, sembra aver portato a piccole conseguenze per Maduro, sembrava un atto di disperazione.

“[Guaido] ha detto: ‘questa è la fase finale del [piano] per rovesciare il governo’. È una specie di disperazione perché si è dichiarato presidente [interim] a gennaio e non è successo niente. Ha continuato a provare a fare proclami per far girare l’esercito dalla sua parte e non ha avuto successo “, ha detto.

Paul ha criticato i funzionari statunitensi che hanno fatto il tifo vigoroso per Guaido e i suoi sforzi per conquistare il potere in Venezuela, denunciando con indignazione cose come la presunta intromissione russa nelle elezioni presidenziali del 2016.

“In quanti posti siamo stati coinvolti negli ultimi 20-30-40-50 anni? Voglio dire, sono affari nostri. Stiamo consolidando il nostro impero “, ha detto. “Penso che sia pura ipocrisia per noi pensare che stiamo facendo [l’interferenza in Venezuela] e siamo contro l’interferenza nel nostro governo. Ci piace, tranne “quando non siamo noi a farlo”.

Bolton e Pompeo

Il devoto costituzionalista ha aggiunto che le persone come il Segretario di Stato Mike Pompeo o il Consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton, che hanno fatto appello ai soldati venezuelani per proteggere la costituzione della loro nazione schierandosi con Guaido, erano “un gruppo di pagliacci”.

Non hanno la più vaga idea di come sarebbe la legge costituzionale nel nostro paese. E stanno per ripristinare la legge costituzionale in altri paesi? Sono solo cliché e sciocchezze!

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti

  • Mardunolbo
    2 Maggio 2019

    Condivido pienamente l’idea che ora Guaidò valga più da morto che da vivo ! Ovvero sarebbe l’elemento scatenante la vivacità internazionale per gridare contro Maduro. Ma non sono pienamente convinto che il cadavere del burattino possa comunque scatenare il popolo venezuelano.. Può semmai scatenare ulteriori goffi tentativi ammereggani di attivare l’opzione forza contro il Venezuela. ma il veto ,all’Onu, di Cina e Russia, impedisce che la criminale mano libera Usa possa agire con efficienza. Vedremo !

    • Fabio Franceschini
      2 Maggio 2019

      Sai che gli frega dell’ONU agli usa.

  • Eugenio Orso
    2 Maggio 2019

    Per quantyo riguarda il “pericolo di vita” che corre il verme traditore prezzolato, provocatore per conto dell’élite finanziaria-giudaica, cioè Guaidò, preciso che il servo, in certe occasioni, può essre utile al padrone più da morto che da vivo …
    Non ci sarebbe da stupirsi se lo uccidessero, per scatenare il caos nel Venezuela assediato dalle forze del male assoluto!

    Viva Putin, viva Maduro, evviva il presidente Assad

    E Cari saluti

  • Man
    2 Maggio 2019

    Un altro Vietnam…

Inserisci un Commento

*

code