Rompere il silenzio dei media sulla prigionia di Julian Assange

di Mnar Muhawesh

Il ruolo del giornalismo in una democrazia è la pubblicazione di informazioni che hanno il potere di rendere conto – il tipo di informazioni che consente al pubblico di diventare cittadini più coinvolti nelle loro comunità in modo che possiamo votare per i rappresentanti che lavorano nell’interesse di “noi popolo “.

Forse non esiste un esempio migliore del giornalismo fatto dai cani da guardia del potere, come quello che si trattiene dal denunciare i potenti per spiegare ed esporre la loro corruzione piuttosto di quello fatto da Wikileaks, che ha esposto al mondo le prove dei crimini di guerra diffusi che le forze armate statunitensi stavano commettendo in Iraq, tra cui l’uccisione di due giornalisti Reuters ; ha mostrato che il governo degli Stati Uniti e le grandi società stavano usando agenzie di intelligence private per spiare attivisti e manifestanti; e ha rivelato come i militari hanno torturato i prigionieri nella baia di Guantanamo di nascosto dagli ispettori della Croce Rossa.

È questo tipo di giornalismo reale che il nostro primo emendamento era destinato a proteggere, ma invece di impegnarsi in questo ha reso l’editore di WikiLeaks, Julian Assange, l’obiettivo di una massiccia campagna diffamatoria negli ultimi anni, tra cui false affermazioni secondo cui Assange stava lavorando con Vladimir Putin e il i russi e gli hacker, così come le chiamate aperte da parte di esperti dei media corporativi per farlo assassinare.

Le accuse secondo cui Assange ha cospirato con Putin per minare le elezioni del 2016 e la democrazia americana nel suo complesso sono completamente svanite all’inizio di questo mese quando un tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York ha archiviato questo caso come “di fatto non plausibile”, con il giudice che ha notato che in nessun caso l’argomento dell’accusa “filo conduttore” mostra “tutti i fatti”, e concludendo che l’idea che Assange abbia cospirato con la Russia contro il Partito Democratico o l’America è “completamente divorziata dai fatti”.

Forse l’assassinio sfacciato del personaggio stava spingendo il pubblico a diventare apatico nei confronti di Assange, in preparazione del suo destino brutale, che lo avrebbe fatto cadere nelle mani delle autorità statunitensi e britanniche dopo aver trascorso anni di isolamento all’interno dell’ambasciata ecuadoriana a Londra.

Oggi Assange siede dietro le sbarre in una prigione di Londra in condizioni scioccanti che nemmeno un assassino si aspetterebbe. Il famoso regista e giornalista John Pilger lo ha visitato lì e teme per la vita di Assange, notando che è tenuto in isolamento, pesantemente medicato e gli vengono negati gli strumenti di base necessari per combattere la sua accusa di estradizione negli Stati Uniti.

John Pilger

@johnpilger
“Do not forget Julian #Assange. Or you will lose him.
I saw him in Belmarsh prison and his health has deteriorated. Treated worse than a murderer, he is isolated, medicated and denied the tools to fight the bogus charges of a US extradition. I now fear for him. Do not forget him”.

Le Nazioni Unite hanno costantemente condannato le azioni dei governi di Stati Uniti, Regno Unito e Svezia e hanno chiesto la liberazione immediata di Assange . Il loro relatore speciale sulla tortura e i maltrattamenti lo ha visitato a maggio, dichiarando :

[Assange è stato] deliberatamente esposto, per un periodo di diversi anni, a forme [più] progressivamente gravi di trattamento o punizione crudeli, disumani o degradanti, i cui effetti cumulativi possono essere descritti solo come tortura psicologica … La persecuzione collettiva di Julian Assange deve finire qui e ora! ”

Il 23 maggio, Assange è stato accusato ai sensi dello US Espionage Act per il possesso e la diffusione di informazioni riservate fornitegli dall’analista dell’intelligence dell’esercito Chelsea Manning, segnando la prima volta che l’Espionage Act è stato usato contro un giornalista per la pubblicazione di informazioni classificate. Ora rischia una condanna a 175 anni di reclusione se ritenuto colpevole.

Ma potresti non aver saputo nulla di tutto ciò perché sembra chiaro che proprio i media del sistema hanno trascorso anni trascinando il nome di Assange nel fango stanno deliberatamente impegnando in un blackout mediatico per la sua liquidazione finale. Quindi, se stavate aspettando che i media corporativi o i loro esperti cagnolini leccapiedi difendano la libertà di stampa e la libertà di parola, rimarrete delusi.

È importante chiedersi quale sia il vero crimine di Julian Assange . In un’era, soprannominata l’Era dell’Informazione, in cui la strategia dei potenti sembra essere quella di conoscere il più possibile il resto di noi, garantendo al contempo di sapere il meno possibile su di loro e su come funzionano, Assange ha lavorato per impedire che squilibrio dovesse diventare cronico e lo ha bloccato come un osso nella gola del potente.

Un doppio coro di voci in tutto lo spettro dei media mainstream ha rallegrato la distruzione del Primo Emendamento. Il New York Times ha applaudito Trump, sostenendo di aver “fatto bene” per accusare Assange di un “crimine indiscutibile”. La CNN ha richiesto che contro Assange finalmente ” si faccia giustizia “, mentre altri hanno reclamato il giorno in tribunale del ” troll narcisistico ” su Internet “Che attaccò l’America con il suo” vile dispetto “era atteso da tempo “.

Julian Assange portato in un cellulare in carcere

In tutto il mondo, il trattamento di Assange sembra aver dato il via libera ai governi per intimidire e seccare i giornalisti. La polizia australiana, ad esempio, ha recentemente condotto un raid nella casa della giornalista Annika Smethurst. Smethurst non molto tempo prima aveva rivelato che il governo aveva segretamente chiesto il permesso di spiare i propri cittadini. Nel frattempo, i media indipendenti di tutto il mondo vengono emarginati dal giro di vite sulla libertà di Internet.

In un chiaro segnale per il mondo, Assange ha portato il libro di Gore Vidal, The History of the National Security State, alle telecamere mentre veniva trascinato dall’ambasciata ecuadoriana. Il libro avverte di un governo autoritario sempre più potente e non responsabile che sta conquistando il paese. Parte di ciò è mettere a tacere il dissenso e limitare o distruggere le libertà che secoli di lotta ci hanno consentito di conquistare.

Fonte: MPM News

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code